Rosanna Lambertucci: "Ecco la dieta per vivere 100 anni. Cosa mangiare e cosa evitare"

Codice da incorporare:
di Cinzia Marongiu   -

“Voglio vivere fino a cent’anni. Ma soprattutto voglio vivere bene. Chi mi segue da tempo sa che ho trascorso tutta la mia vita seguendo uno stile di vita attivo e sano a partire da ciò che porto in tavola per me e per la mia famiglia. Al punto che per tanto tempo mi sono sentita ripetere da una persona a cui ero molto legata questa frase: “Rosanna, sembra che tu viva da malata per morire sana”. E in effetti non aveva tutti i torti”. A scrivere queste parole è Rosanna Lambertucci, giornalista, scrittrice, conduttrice tv e divulgatrice scientifica che è appena tornata nelle librerie con la sua ultima creatura “La dieta per arrivare a 100 anni” (Mondadori Ed.). Si tratta di una guida di quasi 300 pagine che, in maniera semplice e accessibile a tutti, dà suggerimenti fondamentali per mantenersi sani ed evitare l’insorgere delle malattie che condizionano sempre più spesso la vita degli ultra-sessantenni, come artrite, diabete, morbo di Alzheimer, ma anche osteoporosi, psoriasi, tumori, invecchiamento cutaneo.

 D’altra parte, come nota la Lambertucci, “la vita media si sta notevolmente allungando. Secondo le ultime stime oggi le persone di età superiore ai 60 anni sono circa 800 milioni a livello mondiale ed entro il 2050 saranno circa 2 miliardi. Al momento noi europei abbiamo un’aspettativa di vita di 78 anni con un incremento di ben 8 anni rispetto al 1980. Insomma andiamo verso un popolo di vecchi. Ecco perché diventa fondamentale che la vecchiaia somigli sempre di più alla giovinezza”. Così, mettendo a frutto anni di studi e l’antica saggezza popolare, Rosanna Lambertucci compila un utilissimo decalogo per vivere più a lungo e meglio, partendo da una consapevolezza, ormai confermata dalla scienza e cioè che “l’alimentazione è lo strumento più importante che abbiamo per prevenire molte malattie e per vivere più a lungo”.

Ecco le 10 strategie che qui enunceremo soltanto ma che nel libro sono sviluppate in modo esaustivo:

1 Seguire una dieta antiossidante e quindi capace di rallentare il processo di invecchiamento con tanto di tabella dei cibi anti-invecchiamento (ai primi posti carciofi, succo di uva, mirtilli, broccoli, spinaci, avocado).

2 Alimentarsi secondo le stagioni del sole, ovvero utilizzare ciò che ci dà la natura in ogni periodo dell’anno. Un esempio? Le erbette spontanee di primavera depurano il fegato, aiutano i reni e aiutano a combattere la ritenzione idrica.

3 Garantire un equilibrio acido/basico dell’organismo visto che l’acidosi è la conseguenza di errori alimentari, scarso apporto di acqua, inattività o eccesso di attività fisica, inquinamento, stress, nicotina, alcol… In particolare, Rosanna Lambertucci ricorda che a tavola la giusta proporzione tra cibi alcalinizzanti e cibi acidificanti si deve muovere intorno a un rapporto  di 4 a 1. Così via all’abbondanza di verdure, patate e frutta e al contenimento del consumo di carne, pesce, uova, cereali, dolci, vino, liquori, caffè e tè.

4 Rispettare il microbiota ovvero l’insieme della popolazione batterica che colonizza il tratto intestinale stando ad esempio attenti al consumo di cibi grassi, carboidrati raffinati ma anche all’uso di antibiotici.

5 Combattere la sindrome metabolica e conquistare il peso forma visto che la “pancia”, anche con un peso forma nella norma, è un fattore negativo per la longevità. Così nel libro viene proposta una dieta anti-age in grado di farci perdere 4 chili in un mese.

6 Scegliere un’alimentazione personalizzata perché se, ad esempio, soffriamo di osteoporosi dobbiamo prediligere cibi ricchi di vitamina D. E se invece soffriamo di cefalea, dobbiamo stare alla larga da cioccolato, insaccati e alimenti che contengono solfiti e solfati.

7 Non rinunciare ai piaceri della buona tavola stando bene attenti a quali pentole utilizzare nella cottura dei cibi.

8 Svolgere attività fisica moderata e costante con una consapevolezza: secondo i geriatri i popoli più longevi non passano la giornata a sollevare pesi in palestra, non sono maratoneti né assidui frequentatori di circoli sportivi. Però vivono in un eco-sistema familiare, lavorativo, sociale e ambientale che li induce a muoversi in continuazione. “Quello che facciamo tutti noi quando andiamo a piedi al lavoro, saliamo le scale invece di prendere l’ascensore”.

9 Smettere subito di fumare. A questo proposito Rosanna Lambertucci racconta la sua esperienza personale e gli straordinari effetti estetici e non solo di salute.

10 Bere alcol con moderazione perché “l’alcol è una sostanza potenzialmente tossica” evitando i super alcolici e consumando vino o birra in non più di 2-3 bicchieri al giorno per gli uomini e in uno-due bicchieri al giorno per le donne.

Naturalmente il libro è ricco di tantissime altre dritte, comprese quattro diete stagionali e una dieta last-minute.