Graffe napoletane

Graffe napoletane

Per preparare il lievitino versa in una ciotolina 70 g di farina 00, 1,5 g di lievito di birra disidratato e 75 g di latte. Mescola con un cucchiaino per ottenere un composto morbido. Coprilo con pellicola e lascialo lievitare per 1 ora nel forno spento ma con la luce accesa. Lava 150 g di patate e poi lessale con la buccia; sbucciala e schiacciale con lo schiaccia patate raccogliendo la purea in una ciotola. Versa nella ciotola di una planetaria munita di gancio le due farine setacciate (200 g di manitoba e 30 g di 00), 25 g di zucchero, 8 g di miele, la purea di patate tiepida. In ultimo, il lievitino ormai pronto. Aziona la macchina a media velocità ed aggiungi 2 uova e 4 g di sale, poi lascia lavorare la macchina fino a che l’impasto non si sarà staccato dai bordi della ciotola e si sarà incordato. A questo punto, sempre con la macchina in azione, aggiungi dei piccoli pezzetti di burro morbido (250 g). Rovescia l’impasto sul piano di lavoro oliato. Dagli delle pieghe per renderlo più elastico e lavorabile. Schiaccialo e dagli una forma più o meno rettangolare. Ribalta l’impasto: noterai che l’impasto è diventato più maneggevole: forma una palla e mettila dentro ad una ciotola oliata, coprila con pellicola trasparente e lascia lievitare nel forno spento per circa due ore. Passate le due ore, trasferisci nuovamente l’impasto sul piano di lavoro e ottieni un bastone che taglierai in 12 pezzetti di circa 65 gr l’uno. Lavora ogni pezzo per ottenere una pallina che schiaccerai e bucherai con le dita al centro, per poi allargare delicatamente e ottenere una ciambella. Prepara due teglie che fodererai con due fogli di carta forno, ognuno di essi tagliato in sei quadrati sui quali andrai a poggiare le ciambelle ottenute. Metti le due teglie nel forno spento a lievitare per un’ora, così che le ciambelle raddoppino il loro volume. Scalda l’olio, immergi 2-3 ciambelle alla volta assieme alla carta forno che toglierai subito dopo con delle pinzette. Immergere le ciambelle con la carta forno serve a non strapazzarle e di conseguenza a non farle sgonfiare prima della cottura. Rigirale almeno 2-3 volte per lato per assicurare la cottura e la lievitazione di tutte le parti. Cerca di mantenere la temperatura dell’olio a 170°, in  modo da non brunire velocemente la parte esterna delle ciambelle rischiando di non cuocerle bene all’interno. Una volta fritte, scola le ciambelle con una schiumarola, poggiale su della carta assorbente da cucina e poi passale nello zucchero semolato. Le tue graffe napoletane sono pronte!

Leggi la ricetta completa al seguente link:
http://bit.ly/2EO1Q0S

Ultimi articoli di Sonia Peronaci