Uccelli migratori in pericolo a causa degli uragani

Alessandra Concas
di Alessandra Concas  - Giornalista

Gli uragani rappresentano un pericolo per alcuni uccelli migratori e può aumentare per effetto dei cambiamenti climatici che intensificano questi fenomeni.

Lo ha suggerito uno studio guidato dalla Duke University e pubblicato su PeerJ, che concentrandosi su una specie in particolare, la sterna fuligginosa, o rondine di mare oscura, ha rilevato come la rotta migratoria di una particolare specie di uccello marino, al livello di spazio e di tempo, corrisponda al percorso degli uragani.

I ricercatori ne hanno mappato la rotta annuale di migrazione e hanno osservato che tempi e percorso corrispondono a quelli degli uragani che si formano nell'Atlantico e si spostano verso i Caraibi. Secondo loro sono gli stessi e sono opposti, e significa che gli uccelli, che di solito sono molto stanchi dopo avere percorso lunghe distanze su mare senza riposo, si trovano a volare contro alcuni dei venti più forti del pianeta. Sarebbe un fenomeno preoccupante perché per effetto dei cambiamenti climatici in futuro si aspettano uragani sempre più frequenti e forti, e anche le sterne avranno più possibilità di essere colpite da tempeste.

Sempre secondo gli studiosi, ci sarebbe un collegamento tra i luoghi nei quali sono stati rinvenuti degli esemplari morti con le mappe di uragani dello stesso periodo. Anche se, hanno precisato, per adesso è impossibile dire quanti uccelli sono morti come conseguenza diretta degli uragani.

 

 

 



Ultimi articoli di Alessandra Concas