Piante grasse da passeggio, un tocco di orginalità green per l'outfit!

Foto di Colleen Jordan
Anna Simone
di Anna Simone  - Giornalista

“Perché le vostre piante dovrebbero rimanere a casa? Aiutano a pulire l'aria, sono belle e creano ottimi spunti di conversazione”.

È partita da questo presupposto Colleen Jordan, ideatrice del progetto Wearable Plants: mini contenitori per portare fiorellini e piantine a passeggio. Come? Attaccando i piccoli vasi al telaio o al manubrio della bici, alla giacca o al collo.

Sono realizzati con stampante 3D quindi per ogni uso c’è una forma e un attacco ad hoc. L’unica cosa che bisogna fare per mantenerle in vita è innaffiarle, considerando che si tratta di piante grasse e quindi hanno bisogno di poche cure, a fronte di un’alta resistenza. Certo, se crescono troppo vanno trasferite in un contenitore più grande, ma l’impegno è sostenibile

La trovata è piuttosto originale e dà un tocco di unicità all’outfit: girare con una collana o una spilla con vere forme di vita vegetale non è comune. Dopo l’uso si consiglia di appenderle in un posto adeguato: tutte le varietà di piante grasse resistono alle condizioni più sfavorevoli, come siccità e temperature elevate, ma possono iniziare a dare segni di sofferenza in caso di temperature troppo basse, o comunque al di sotto dei 15°C, oppure in mancanza di luce.

Il kit Wearable Plants viene venduto completo di tutto, bisogna solo riempire di terriccio il contenitore e piantare il seme, in caso di fiori, o il rametto, in caso di pianta grassa.

Abbiamo parlato di:
Wearable Plants: website facebook instagram

 

 

 

 

Ultimi articoli di Anna Simone