Piccola ed ecologica: la casa sostenibile tutta italiana

Casina ecosostenibile, render esterno © Oikos
Stefania Elena Carnemolla
di Stefania Elena Carnemolla  - Giornalista pubblicista

Green & Design, promosso dallo Studio Lepri Architetti Associati di Riccione è l’evento che in occasione di Riccione Green Park – organizzato dal Gruppo AO di Ambra Orfei e Gabriele Piemonti in collaborazione con il Comune di Riccione e gli operatori turistici locali – dal 13 al 15 maggio ha trasformato la città della Riviera Adriatica in una “vetrina per le proposte e le idee più innovative nel campo della creatività green”. 

Così come per Riccione Green Park, sponsor principale dell’evento Oikos Group, azienda di Gatteo Mare che promuove l’architettura environment friendly e che di rispetto per l’ambiente ed ecosostenibilità parla dal 1984, quando ancora i concetti erano ancora poco conosciuti al grande pubblico. La sua catena produttiva, ad esempio, avviene in uno stabilimento altamente automatizzato con ridotto impatto ambientale e soluzioni pensate per un minore consumo energetico con ottimizzazione dello smaltimento dei materiali residui attraverso il riuso degli scarti di produzione con la depurazione e riutilizzo delle acque di scarico e le polveri filtrate dal sistema di aspirazione. “Siamo da sempre attenti alle manifestazioni culturali del territorio e siamo convinti che sia importante dare supporto al nostro territorio” così, Claudio Balestri, presidente Oikos. “Il verde è da sempre il nostro colore e la sostenibilità, il green, la nostra mission”.

Tra gli eventi, il convegno al Palazzo del Turismo ClimHabitat: entrare nel futuro a passo lieve, riflessioni e suggestioni concrete dal mondo della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente che – introdotto dai saluti di Renata Tosi, sindaco di Riccione, organizzato dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Rimini e inaugurato da Norbert Lantschner, presidente di ClimAbita Foundation ed esperto di edilizia sostenibile – ha trattato argomenti come cambiamenti climatici, case bioclimatiche ed ecoquartieri, mobilità tra ferro ed acqua, velò elettriche solari, risparmio energetico e fondi comunitari per la sostenibilità ambientale.

Simbolo della manifestazione, l’installazione, a pochi passi dai Giardini Montanari, nel cuore di Riccione, di una casina ecosostenibile immersa nel contesto urbano tradizionale e che sarà possibile visitare per tutta l’estate. Creata prevalentemente con materiali ecosostenibili e secondo la filosofia dell’alto risparmio energetico, la struttura è stata realizzata per l’occasione da ITAB di Ponte Santa Maria Maddalena con una intelaiatura in pannelli di legno a strati incrociati (sistema x-lam) su cui è stato applicato esternamene uno strato isolante in fibra di legno, mentre internamente è stata realizzata una controparete in cartongesso dove sono stati alloggiati diversi impianti. 

“L’x-lam” spiega ITAB, che per la sua realizzazione usa solo materiali atossici ricorrendo a uno scarso quantitativo di collanti “è un compensato multistrato composto da tre, cinque o sette lamelle sovrapposte di legno massiccio di conifera, assemblati a fibre perpendicolari sotto forte pressione per rispondere in maniera ottimale a qualsiasi genere di sollecitazione esterna e per ridurre al minimo qualsiasi deformazione, che sia rigonfiamento o ritiro. Alla fine del ciclo produttivo il risultato è un pannello strutturale in legno massiccio, composto per un 99,4 % di legno e per un restante 0,6% di collante, dalle eccellenti proprietà meccaniche e fisico-costruttive, durevole, neutrale in termini di Co2, dalle spiccate potenzialità bioedili, e capace di garantire un microclima domestico ottimale, salubre e confortevole. I pannelli x-lam vengono tagliati e sagomati secondo le disposizioni progettuali direttamente in fabbrica, con aperture per vani, scale, porte e finestre. Quindi vengono sollevati e posti in opera mediante gru una volta giunti in cantiere, in maniera veloce (con riduzione del 60-70% rispetto al tempo necessario all’edilizia tradizionale) e rendendo agevoli e facilmente realizzabili anche le soluzioni progettuali più complesse”. 

Non solo, i pannelli x-lam “sono pessimi conduttori, ne consegue che non creano ponti termici, consentono un buon isolamento acustico e termico pur essendo traspiranti ed ostacolando la formazione di umidità e muffe”, mentre test recenti hanno dimostrato che un edificio in x-lam può resistere a un incendio per almeno un’ora “senza accusare danni alle proprietà meccaniche e compromettere la stabilità della struttura portante” nonchè “a sequenze di scosse sismiche anche di forte intensità senza perdere operatività e stabilità”.

Come elementi di finitura sono stati preferiti spatolati e finiture ecocompatibili Oikos e infissi ad alte prestazioni energetiche come Klimatico2 della ditta Isolcasa di San Giovanni in Marignano con certificazione CasaClima, sigillo di qualità per finestre sviluppato dalla Agenzia per l’Energia Alto Adige – CasaClima, ente della Provincia Autonoma di Bolzano specializzata nei criteri costruttivi che qualificano le costruzioni ad alta efficienza energetica. In collaborazione con Olivieri Mobili di Milano è stata, invece, creata Sweet Suite, progetto di camera low cost per hotel che ha trovato spazio nella casina ecosostenibile, la cui illuminazione è stata curata da MAT di Misano Adriatico. 

 

Abbiamo parlato di:

Riccione Green Park Articolo Tiscali

Riccione Green Park Website Facebook

Gruppo AO Website Facebook

Comune di Riccione Website Twitter Facebook Google+ Instagram

Studio Lepri Architetti Associati Website Facebook

Oikos Group Website Twitter Facebook Instagram

Ordine degli Architetti della Provincia di Rimini Website

ClimAbita Foundation Website Twitter Facebook Instagram

Itab Website

Klimatico2 Website

Isolcasa Website Facebook

Agenzia per l’Energia Alto Adige – CasaClima Website Facebook

Provincia Autonoma di Bolzano Website

Olivieri Mobili Website Facebook

MAT Website Facebook



Ultimi articoli di Stefania Elena Carnemolla