Io Sono Cultura: fotografia di un'Italia che guarda avanti

Ermete Realacci
di Ermete Realacci  - Deputato alla Camera

L’Italia è forte se scommette su ciò che la rende unica e desiderata nel mondo: cultura, qualità, conoscenza, innovazione, territorio e coesione sociale. C’è un Paese che è già proiettato nel domani, che crede nelle sue forze e nelle sue capacità, consapevole che la sua cultura dalla radici antiche è oggi un importante volano  per la  crescita. Un Paese che guarda avanti con coraggio senza dimenticare la sua storia, che coglie le opportunità della green economy e della digitalizzazione ma non dimentica la sua natura artigiana, fatta di piccole e medie imprese che traggono la loro forza dalla sapienza dei territori, dai loro saperi e dalla loro coesione.

Certo non si cancellano i problemi dell’Italia – non solo il debito pubblico, ma le diseguaglianze sociali, l’economia in nero, quella criminale, il ritardo del Sud, una burocrazia inefficace e spesso soffocante –  ma occorre mostrare le forze alle quali attingere per affrontarli.

E’ questo lo scopo del rapporto “Io Sono Cultura” realizzato dalla Fondazione Symbola e da Unioncamere. Un’analisi che scandaglia il sistema produttivo culturale fatto di musei, gallerie, festival, beni culturali, letteratura, cinema, performing arts, ma anche industrie creative e made in Italy: cioè tutte quelle attività produttive che non rappresentano in sé un bene culturale, ma che dalla cultura traggono linfa creativa e competitività; come il design, l’architettura e la comunicazione.

I dati dimostrano che la cultura è uno dei motori più importanti della nostra economia: produce il 6,1% della ricchezza: 89,7 miliardi di euro. Ma c’è di più: la cultura ha sul resto dell'economia un effetto moltiplicatore pari a 1,8.  Per ogni euro prodotto, se ne attivano 1,8 in altri settori. Gli 89,7 miliardi, quindi, ne ‘stimolano’ altri 160,1, per arrivare a 249,8 miliardi  dell’intera filiera culturale, il 17% del valore aggiunto nazionale, un pezzo rilevante del nostro PIL. Il turismo è il principale beneficiario di questo effetto volano: più di un terzo (il 37,5%) della spesa turistica nazionale è attivato proprio dalla cultura.

Confrontando i dati con quelli degli ultimi cinque anni, i valori complessivi della filiera sono in crescita, pur di poco o pochissimo: +0,6% il valore aggiunto, +0,2% gli occupati. Valori il cui peso si comprende a pieno solo confrontandoli con quelli, di segno opposto, del complesso dell’economia: -0,1% il valore aggiunto, -1,5% l’occupazione.

Guardando più da vicino i numeri, ci accorgiamo che è in forte sviluppo tutto il comparto che riguarda le tecnologie digitali, dove cresce un nuovo artigianato che si muove dalle stampanti 3D alle produzioni a forte base culturale, spesso legate alla fruizione del patrimonio culturale, sino ai segmenti creativi del design (+10,8% per valore aggiunto e +13,8% per occupazione), a quello discografico (+3,0% per valore aggiunto) o dei videogame (+3,7% per il valore aggiunto e +1% per occupazione); settori, questi ultimi, dove nel passato l’Italia aveva accumulato forti ritardi.

Anche sul fronte del lavoro il sistema produttivo culturale si dimostra fondamentale con 1,5 milioni di persone occupate, il 6,1% del totale in Italia; senza considerare i posti di lavoro attivati negli altri comparti della nostra economia dove, oltre al turismo, c’è anche il mondo dell’agroalimentare, con un connubio sempre più diffuso fra cibo e cultura.

Il report coglie fenomeni che si espandono dalla semplice dimensione imprenditoriale e produttiva per incrociare quella delle collettività e delle comunità, in una riscoperta del patrimonio culturale come bene da condividere. Lo si vede, ad esempio, nel lavoro delle associazioni, del mecenatismo partecipato, dei centri di produzione culturale indipendenti, dell’azionariato popolare. Fenomeni che parlano di una possibile relazione pubblico-privato che va ben oltre il tema delle sponsorizzazioni. Pensiamo a Matera che, ad un anno dalla nomina di Capitale Europea della Cultura per il 2019, vive una crescita costante del turismo, con un più 140% di presenze.

Dalla ricerca emerge un’Italia che guarda avanti con coraggio senza dimenticare la sua storia, che coglie le opportunità della green economy e della digitalizzazione ma non dimentica la sua natura artigiana, fatta di piccole e medie imprese che traggono la loro forza dalla sapienza dei territori, dai loro saperi e dalla loro coesione.

“Le cose più belle non sono perfette. Sono speciali”. Diceva Bob Marley. L’Italia non è certo un Paese perfetto, ma un’Italia che fa l’Italia può vincere la sfida del futuro.



Ultimi articoli di Ermete Realacci