Bon ton informale, come comportarsi al meglio in casa di amici e parenti

Ecco un brevissimo elenco degli errori più comuni che si compiono quando si è in famiglia o con gli amici e alcuni semplici consigli per non commetterli più

cena tra amici
Bon ton informale

Con l'arrivo dei primi freddi ricomincia la stagione dei pranzi domenicali con i parenti e delle cene tra amici nel weekend. Quando si è con amici e parenti si tende a rilassarsi, talvolta un po' troppo, concedendosi delle libertà che non sono proprio sinonimo di eleganza. Ecco allora un brevissimo elenco degli errori più comuni che si compiono quando si è in famiglia o con gli amici e alcuni semplici consigli per non commetterli più ed avere un comportamento a prova di bon ton, sfoggiato con naturalezza, anche nei contesti più informali.

Puntualità, un optional!

Troppe volte cullandosi del fatto che ci si deve incontrare con persone con cui si ha una certa intimità non si fa troppo caso all'orologio ne al momento di andar via ne, tanto meno, al momento di arrivare. La puntualità è sempre un sinonimo di educazione e di rispetto nei confronti degli altri, non solo quando si tratta di appuntamenti formali o di lavoro. Se siete dei ritardatari cronici segnate in agenda il vostro appuntamento con mezz'ora d'anticipo, almeno così sarete certi che pur arrivando in ritardo secondo la vostra tabella di marcia sarete comunque puntuali.

Rispettare i tempi altrui

Come dicevo prima troppe volte quando si è con amici non si bada troppo all'orario nemmeno al momento di andar via. Anche se i padroni di casa fanno buon viso a cattivo gioco o se hanno reale piacere di restare con noi fino a notte fonda sarebbe bene congedarsi ad un orario consono per tutti rispettando eventuali impegni o abitudini familiari di chi ci sta ospitando. I padroni di casa per delicatezza non si permetterebbero mai di "cacciarci via" non mettiamoli in spiacevoli situazioni. 

Rispettare gli spazi altrui

Essere ricevuti in uno spazio a noi particolarmente familiare non ci da diritto di disporne come se fossimo in casa nostra. Evitiamo, quindi, di esplorare ogni meandro della casa, di curiosare all'interno di cassetti e sportelli o, peggio ancora, di spostare oggetti a proprio piacimento. Limitiamoci a godere della presenza dei nostri cari senza avere comportamenti inopportuni e soprattutto senza violare le loro libertà. 

Non aspettare gli altri

L'errore più comune che riscontro durante le cene formali ma soprattutto in quelle più informali consiste nel cominciare a mangiare senza attendere che tutti i commensali siano seduti o che siano stati serviti. Anche se si è in casa di amici o parenti è fortemente irrispettoso nei confronti dei padroni di casa fiondarsi sul piatto senza nemmeno accorgersi se tutti sono in tavola con noi. Non sarà la fine del mondo attendere qualche istante in più e non si morirà di certo di fame ma vi assicuro che anche la padrona di casa più accomodante e meno esigente noterà con piacere la vostra delicatezza.

Evitare visite dell'ultimo minuto in orari delicati

Se con i padroni di casa c'è una certa intimità potrebbe capitare di fare una visita a sorpresa è bene, però, anche in questo caso evitare di recarsi in casa altrui in momenti critici come durante i pasti, durante le primissime ore del pomeriggio o a tarda sera. Presentarsi a ridosso dei pasti potrebbe mettere in difficoltà i padroni di casa che si sentirebbero in obbligo di invitarci a mangiare insieme pur non essendo preparati a dovere; se non peggio ancora potremmo  scegliere per la nostra visita orari 

Utilizzare lo smartphone

La tecnologia andrebbe sempre bandita quando si è insieme ad altre persone, ancor più se si tratta di amici. Viviamo i nostri incontri come un momento di convivialità durante i quali confronto e condivisione dovrebbero essere parole d'ordine. Lasciamo spente radio e tv, telefoni e tablet e godiamoci la compagnia delle persone reali, avremo tutto il tempo di dedicarci alla tecnologia quando saremo soli.

Rispettare il parere altrui

Soprattutto con amici e parenti può capitare che vengano trattati argomenti delicati e che la conversazione di scaldi. Condivisione e confronto, infatti, può significare anche scontro ecco perché è bene sempre rispettare l'opinione degli altri anche se contraria alla nostra. Un dialogo maturo può portare a spiegare le proprie posizioni senza imporle agli altri e senza sentirsi costretti ad accettare incondizionatamente quelle altrui.

Rispettare i gusti altrui

Quando si è con amici è importante non perdere di vista il rispetto per i gusti altrui. A meno che non ci siano esigenze alimentari particolari, non sarà necessario fare notare ai padroni di casa ogni singola imperfezione nelle pietanze proposte, esaminare accuratamente ogni piatto confrontandolo con la nostra personale ricetta, ne tanto meno fare continuamente appunti sul sapore degli alimenti. Ricordatevi che io cibo è solo la scusa per trascorrere del tempo insieme e che magari ciò che per noi è delizioso non lo è per chi ci sta accanto.

 

Le Regole di V

Ultimi articoli di Maria Valentina Platania