Galateo e moda, 10 regole che non sai su scarpe e bon ton

Curiosità e norme base sull'accessorio più amato dalle donne e non solo

Per molte donne, ma anche per certi uomini, le scarpe sono una vera e propria passione, non solo un accessorio di stile ma anche un elemento emblematico con cui raccontare se stesse e la propria personalità. Un vero punto debole per molte donne che ne collezionano a bizzeffe salvo poi riservarsi di dire di non aver mai le scarpe adatte! Ecco allora alcuni consigli di stile e di bon ton per scegliere e sfoggiare al meglio le nostre scarpe preferite. 

Tacco

Ad ogni momento della giornata e ad ogni occasione corrisponde una tipologia diversa di tacchi. Al di là delle mode il tacco a rocchetto, quello quadrato e quello a sigaro si addicono maggiormente al giorno, mentre spillo e stiletto sono più idonei alla sera. Il tacco da preferire dovrebbe essere compreso tra i 5 e gli 8 cm ma in situazioni molto eleganti e formali si potranno raggiungere vette più alte. Attenzione invece alle scarpe molto basse, il galateo, e nemmeno la moda, li vieta ma influiscono sicuramente sul portamento che appare meno elegante e femminile.

Scarpe aperte

Le scarpe aperte richiedono piedi curatissimi e non possono essere utilizzate in tutte le situazioni. Sarebbero infatti da evitare all'interno di luoghi di culto e sul posto di lavoro. Nei contesti molto formali, secondo il galateo, andrebbero indossate con calze velatissime anche se la moda boccia inderogabilmente l'uso dei collant effetto nude.

Colore

Anche se restano intramontabili il nero, il nude ed il cuoio il mondo delle scarpe e sempre più travolto da una vera miriade di colori. Se in passato il galateo tradizionale imponeva l'abbinamento cromatico tra borsa e scarpe, oggi si tende a vedere il look più nel complesso spezzando questo stretto legame e permettendo di utilizzare accessori di colori diversi. Le scarpe, dunque, potranno o essere scelte in armonia con il resto del look o in contrasto diventando un vero e proprio focus di tutta la mise, basta solo avere un po' di gusto e buon senso. Per le serate più esclusive, poi, si potrà puntare sui toni metallici e su scarpe gioiello facendo attenzione a non esagerare.

I modelli da donna

Da galateo le scarpe da signora per eccellenza sono 3: le decolleté, le open toe e le chanel nate prevalentemente come scarpe per l'inverno, le mezze stagione e l'estate. I modelli oggi sono tantissimi ma avere in casa queste tre tipologie di scarpe in colori basici ci permette di avere la soluzione pronta per le principali necessità.    

Le scarpe da sposa

secondo il galateo devono essere semplici ed eleganti. Se si sceglie un modello in tessuto dovrà avere lo stesso colore dell'abito, se in pelle, invece, si dovrà scegliere una nuance più simile possibile. Le scarpe da sposa vanno indossate sempre con calze velate o velatissime color avorio o al massimo color carne, anche in estate, in tal senso si sceglieranno modelli con punta nuda o senza cuciture. Anche i sandali, sotto l'abito da sposa, andrebbero indossati con le calze: visto che molte sposine storcono il naso davanti a questa regola, soprattutto nei mesi più torridi si potrà derogarla ma al meno in tarda primavera sarebbe il caso di rispettarla.

Calze si, calze no

Come anticipato il problema "calze si, calze no" è sempre molto attuale. In linea di massima tutte le scarpe chiuse richiedono l'uso di collant, calze o autoreggenti, quelle aperte no, a meno che non si tratti di eventi molto formali. Il galateo non contempla, inoltre, per la donna l'uso di calzini, gambaletti o simili. Tutte regole pienamente disattese e reinterpretate dalla moda. Il mio consiglio, in tal senso, è quello di valutare se in una determinata occasione si intende essere eleganti e raffinate o se si intende avere un look di tendenza.

Sempre in ordine

Sembra banale a dirsi ma secondo il galateo è importante avere sempre pulite ed in perfetto stato: niente tacchi rotti, suole scollate, graffi o tomaie sudice. Si avrà cura di pulire e trattare con cura le proprie scarpe rivolgendosi se necessario ad un calzolaio di fiducia per le riparazioni. 

Scarpe da uomo

Anche i diversi modelli di scarpe da uomo sono classificabili in base al loro diverso utilizzo. I principali sono:

Oxford: è il modello più formale in assoluto, adatto ad esempio allo smoking

Fibbiata: modello da sera meno formale delle classiche oxford

Derby: modello sempre elegante ma meno impegnativo adatto a contesti lavorativi e ad occasioni meno formali

Polacchino: scarpa informale invernale

Mocassino: scarpa informale estiva 

Slippers in velluto: nate come scarpe da casa nelle forme più ricercate oggi sono diventate di grande tendenza e quindi utilizzate anche in contesti eleganti ma non formali.

Quando toglierle

In alcuni contesti è necessario togliere le scarpe come ad esempio quando si entra in determinati luoghi di culto o in altri paesi. In tal caso sarà necessario adempiere a questa richiesta senza obiettare nel rispetto di usanze culturali e religiose diverse dalle nostre. Potrebbe capitare di assistere ad una simile richiesta anche in casa altrui: in realtà non si dovrebbe mai fare una richiesta simile ai propri ospiti perché si rischierebbe di metterli a disagio. La padrona di casa si farà carico di qualche pulizia extra e farà buon viso a cattivo gioco. La cosa, al massimo, potrebbe essere ammissibile solo in caso di particolare intimità tra ospiti e padroni di casa. Se, però, l'ospite conosce già questa particolare abitudine potrà di sua volontà proporsi 

I modelli must per ogni donna ed ogni occasione

A volte si comprano scarpe in modo impulsivo, in realtà, come per il guardaroba, anche la scarpiera dovrebbe essere composta da pochi pezzi ma di qualità. Per questo ogni donna nella sua scarpiera dovrebbe avere almeno:

- un paio di decolleté nere, semplici ed eleganti perfette per il lavoro e le occasioni formali

- un paio di open toe nude, perfette per la primavera

- dei sandali eleganti, perfetti per le grand soirée

- un paio di stivali, per fronteggiare con stile anche le giornate più uggiose

- un paio di mocassini o ballerine perché anche le signore a volte cercano la comodità.

Le Regole di V

Ultimi articoli di Maria Valentina Platania