Galateo per mamme, come comportarsi per essere di buon esempio per i figli e non solo

Conoscere bene le norme del bon ton per interiorizzarle in modo da farle sembrare la cosa più naturale del mondo

mamma con figlia
Le fondamentali norme di comportamento

Le mamme dovrebbero dare il buon esempio, dovrebbero, dunque, essere le prime a conoscere bene le norme del bon ton e interiorizzarle a tal punto da applicarle in modo da farle sembrare la cosa più naturale del mondo. Proprio per questo oggi voglio stilare per voi una sorta di galateo per mamme, ma che va bene anche per i papà, perché siamo spesso le prime a predicare bene e a non razzolare benissimo.

Soprattutto dopo la nascita di un bambino si tende a pensare più alla praticità, e alla velocità di certe operazioni, che all'etichetta, si tende a spazientirsi più spesso e, anche per questo, ad essere meno attenti alle formalità. Ecco che si assiste a mamme che mangiano alla velocità della luce per stare dietro ai bimbi o che si vestono come se fosse esploso l'armadio pur di essere pronte in tempo e poter dedicarsi alla vestizione del piccolo di casa che, al contrario, sfoggerà una mise abbinata di tutto punto.

Ecco perché bisognerebbe fare un passo indietro e rendersi conto che seppur un figlio sia la gioia più grande della vita non gira tutto intorno a lui e non è giusto sacrificare l'amor proprio, ne tanto meno la propria dignità, per accudirlo poiché si può essere mamme addirittura migliori pensando un po' più a se stesse.

Mai trascurarsi

Prendersi cura di sé stesse è il miglior modo per apparire bene davanti a sé e agli altri. E' importanti ricordarsi che ad ogni situazione corrisponde un abbigliamento ed uno stile appropriato. La sciatteria non è mai giustificabile ed è il primo segno di mancanza di rispetto verso se e verso gli altri.

Mangiare con compostezza

Anche se il bimbo è molto piccolo ed ha bisogno del nostro aiuto per mangiare ingozzarsi non renderà più semplice l'operazione in se, offrirà al contrario un modello poco decoroso al piccolo che sarà portato a copiare quanto vede aumentando certamente la possibilità di sbrodolarsi. Sarà preferibile assistere il bimbo e successivamente mangiare con la dovuta calma e compostezza. Qualora fosse possibile è bene alternarsi con il padre del bimbo in modo da poter tutti consumare il pasto in serenità.

Avanzi, no grazie

Evitare assolutamente di recuperare e mangiare tutti gli avanzi del bimbo solo per lasciare i piatti vuoti. In tal senso sarà importante calibrare le quantità di cibo presenti nel piatto in relazioni al fabbisogno del bambino e poi, quando sarà abbastanza grande, questo sarà un modo per permettergli di iniziare a capire che ciò che è nel suo piatto e per lui e per nessun'altro.

Pulizia e decoro

E' importante che mamma e bimbo siano sempre in condizioni decorose. Mangiando con modi pacati sarà semplice evitare sgradevoli macchie, qualora dovessero comunque verificarsi piccoli incidenti si provvederà a ripulirsi al meglio e si cercherà di avere sempre con se un cambio d'emergenza da utilizzare nelle situazioni più problematiche.

Non dare sempre ragione ai figli

E' importante ammettere quando si è in errore o quando lo sono i nostri figli. In tal senso non vanno mai giustificati comportamenti ineducati ne, tanto mento, questi si sottolineeranno con battutine e risatine. Se un figlio ha dei comportamenti poco corretti ci si scuserà con i presenti e si provvederà a rimproverarlo in modo fermo ma pacato, evitando di sottovalutare la cosa o, al contrario, di lasciarsi andare a scenette plateali.

Attenzione al linguaggio

Una donna di classe utilizza sempre un linguaggio decoroso e grammaticalmente corretto, ancor più se ha dei figli a cui dare l'esempio. Assolutamente banditi, in privato ed in pubblico, turpiloqui, espressioni gergali per tentare di apparire più vicini ai figli, e discorsi poco adatti ad un pubblico giovane. 

Rispettare sempre chi e cosa ci sta intorno

Avere dei bambini piccoli non ci autorizza a disporre di cose e persone come se fossero ai nostri comodi. La scusa del far stare tranquillo il piccolo di casa non autorizza ad utilizzare oggetti, nostri e non, in modo improprio o ad importunare chi ci sta vicino. Se insegneremo a piccoli passi la buona educazione ai nostri figli non avremo bisogno di ricorrere a qualunque stratagemma pur di intrattenerli ed avremo dei figli decisamente più gestibili anche nei contesti meno familiari.

Discrezione ed umiltà

Non vantare o sminuire il proprio figlio o il proprio essere madre davanti agli altri. Non solo l'argomento potrebbe non interessare i presenti ma potrebbe ferire la sensibilità di chi ci sta intorno o dei diretti interessati.

Evitare argomenti troppo intimi

Quando di hanno figli piccoli fuori le conversazioni non dovrebbero riguardare bisogni corporali e pannolini, rigurgiti o le più intime funzioni fisiologiche dei bambini, se non con chi è strettamente interessato a tali tematiche. Certi argomenti non devono per nessun motivo diventare di dominio pubblico e soprattutto non si devono costringere i presenti ad ascoltare tali discordi poco gradevoli.

 

Limitare l'uso di smartphone & co

Se non si vogliono crescere dei figli tecno-dipendenti e potenzialmente asociali sarà importante limitare l'uso delle tecnologie allo stretto indispensabile, utilizzandoli con parsimonia ed accortezza. Inoltre sarà importante evitare l'inutile esposizione mediatica dei più piccoli diffondendo attraverso i social network immagini e dettagli relativi ad ogni loro singola attività.

 

Queste regole non sono dogmi ma consigli semplici e non troppo impegnativi che con un piccolo sforzo ci possono aiutare ad essere genitori migliori e a crescere figli educati che domani saranno adulti migliori di tanti altri.

 

Le regole di V

Ultimi articoli di Maria Valentina Platania