Quando presentare ai figli il nuovo partner?

Caterina Steri
di Caterina Steri  - Psicoterapeuta

Sono questi anni in cui matrimoni e relazioni finiscono al capolinea e da entrambe le parti ci si riorganizza la vita assieme ad altri partner. Tutto nella norma. Anzi, lo vedo come un passo importante quello di riconcedersi un’ulteriore chance relazionale, anziché gridare alla sfiducia cosmica nei confronti del genere umano e di se stessi. Ma quando ci sono figli di mezzo, che succede? Ci si chiede spesso quando e se esista il momento giusto per presentare alla prole il nuovo partner di mamma o di papà. C’è chi lo fa troppo frettolosamente e chi invece rinuncia a vivere la nuova relazione alla luce del sole per paura di causare danni irreversibili. Sia nell’una che nell’altra situazione gli effetti negativi possono essere sempre dietro l’angolo.

Esiste davvero un momento giusto? Sicuramente non abbiamo un rigido protocollo a cui rifarci, perché ogni situazione è talmente personale che sarebbe riduttivo non adattare ad ognuno una modalità personalizzata.

Bisogna innanzi tutto lasciare il tempo ai figli e anche a se stessi (ma questo è un altro discorso), di elaborare la nuova situazione in casa. Ovvero, i bambini/ragazzi hanno bisogno di una fase di adattamento in cui devono avere il tempo di accettare il cambiamento dovuto ad una separazione genitoriale o alla morte di uno dei due. L’elaborazione di un lutto può richiedere anche qualche anno.

I tempi possono venir condizionati anche dalla natura della separazione genitoriale: conflittuale o pacifica, per esempio.

I figli hanno assoluto bisogno di stabilità e di sapere che i loro genitori siano presenti e collaborativi tra loro. Inserire improvvisamente una persona dentro casa, soprattutto quando i tempi possono non essere maturi può creare una forte crepa nella loro quotidianità. Anche perché hanno dei tempi di adattamento diversi da quelli degli adulti e sopratutto perché nella maggior parte delle volte loro non avrebbero voluto una separazione della coppia genitoriale.

Prima di decidere di presentare il nuovo partner alla prole è importante capire se la relazione è qualcosa che può protrarsi nel tempo o se passeggera, perché i bambini tendono ad affezionarsi e far entrare e poi riuscire dalla loro vita un persona di passaggio può essere ulteriormente destabilizzante.

Ricordiamoci inoltre che i figli non sono amici a cui poter confidare le proprie esperienze amorose, tanto meno a cui chiedere consigli al riguardo. Per quello appunto, ci sono gli amici.

Prima di imporre una nuova presenza dentro casa, meglio spiegare cosa stia succedendo, adattando il discorso alle età in questione e capire quali siano i vissuti e le reazioni al riguardo.

Sarebbe inoltre importante introdurre a piccole dosi la nuova figura per non far percepire un senso di invasione. Non esistono tempi canonici di adattamento, c’è chi lo fa con più o meno difficoltà.

E’ fondamentale che i figli non abbiano l’impressione che il nuovo arrivato voglia sostituire quella genitoriale che non abita più con loro. Tenere i ruoli ben definiti serve a non creare confusione e senso di smarrimento.

Se il processo avviene gradualmente e nel rispetto delle esigenze e delle tempistiche di tutti, i figli possono arrivare ad instaurare un ottimo rapporto con il nuovo partner.

In quest’ottica il nucleo familiare può andare incontro ad una vera e propria evoluzione.

Una situazione ideale in caso di separazione e ricostituzione della nuova coppia, innanzi tutto è che la coppia genitoriale riesca a mantenere un ruolo equilibrato. Ma ripeto, questa spesso è una situazione ideale, perché è molto più facile farsi sopraffare dal dolore e dal rancore e cercare di distruggere l’immagine dell’altro agli occhi dei figli. Figuriamoci quanto può essere dannoso l’introduzione di un’altra persona in situazioni tali.

Il nuovo partner deve essere ben consapevole che non sta instaurando una relazione solo con il partner, ma anche con il suo contesto familiare, stando attento a non oscillare tra il volersi sostituire al genitore nel rapporto con i “figliastri” ad un ruolo di totale marginalità ed indifferenza.

Ultimi articoli di Caterina Steri