Milleunadonna

Blue Monday, il giorno più triste dell’anno. Le strategie per superarlo e per passare indenni tutti gli altri lunedì

Blue Monday, il giorno più triste dell’anno. Le strategie per superarlo e per passare indenni tutti gli altri lunedì
TiscaliNews

Avete più desiderio di mangiare una pizza la domenica o il lunedì rispetto agli altri giorni della settimana? Potrebbe essere una cura spontanea e ‘fai da te’ per scacciare i sintomi del Blue Monday, la tristezza che ci colpisce di lunedì.

Una pizza appena sfornata rilassa e fa tornare il sorriso

Lunedì 17 gennaio pare essere il peggiore di tutti gli altri secondo alcuni calcoli fatti dagli esperti e va detto che anche gli altri 51 lunedì dell’anno sono stati riconosciuti come giorni particolarmente tristi e faticosi della settimana da molti studiosi.

Cosa fare allora?

Spiegano le ragioni del giorno più down di tutti e propongono numerose soluzioni ricercatori e psicologi e neurobiologi che studiano il sonno e sostengono che quello della notte che precede il lunedì sia il più agitato. Ricominciare e pensare ai problemi del lavoro, alla scuola, alle incombenze dell’intera settimana al termine di un weekend (possibilmente) di relax fa diventare più tristi, fin dal primo risveglio mattutino.

Il terzo lunedì del mese di gennaio, aggiunge inoltre una serie di fattori negativi raggruppati in una precisa equazione matematica (che considera il calo delle temperature, la ridotta disponibilità economica tra i regali di Natale e i saldi, la distanza che ci separa alle prossime vacanze – quelle pasquali -, l’aumento del peso per le recenti mangiate delle ultime festività e il calo delle energie dopo il Natale) che gli ha reso la ‘medaglia’ del Blue Monday per eccellenza in molti paesi del mondo. La ricorrenza pare essere nata da osservazioni empiriche fatte nel 2005 da uno psicologo dell’università del Galles, la Cardiff University (che però prese le distanze da tale indagine). La notizia fu pubblicata sul Daily Mail e poi dal canale televisivo del gruppo Sky UK dedicato ai viaggi, acquisendo una incredibile notorietà. Tanto che, dopo qualche anno, il 17 gennaio è anche stato definito il “lunedì del divorzio" (Divorce Monday), da alcuni avvocati divorzisti associati che dichiararono che proprio in quel giorno si assiste al numero più alto di richieste di procedimenti per il divorzio rispetto agli altri mesi dell'anno, complice le vacanze appena trascorse dalle coppie in crisi. Va da sé che il business intorno alla ricorrenza nefasta sia cresciuto di anno in anno con rimedi ad hoc per attutirne gli effetti.

Che sia il 17 gennaio o tutti gli altri lunedì annuali che seguono, raccomandano di mangiare una pizza appena sfornata, calda, profumata, soffice di lunedì gli psicologi di Therapychat.com (app e portale web spagnolo che offre servizi di psicologia online ed ha all’attivo 250.000 clienti): “una pizza regala una ricompensa emotiva pari ad un rifugio, gustarsela di lunedì è sicuramente un toccasana per l’umore ed evita di svuotare il frigorifero in cerca di soddisfazione immediata alla depressione e all’ansia che aumentano in questo giorno della settimana”. Sarà per aiutare chi reagisce male alla ricorrenza che la giornata mondiale della pizza si celebra lo stesso lunedì 17 gennaio? “No, - commenta Aida Rubio, a capo dei contenuti medici di TherapyChat, - la data è correlata col patrono dei pizzaioli, Sant’Antonio Abate, ma la coincidenza è di certo fortunata ed un invito a provare questa semplice terapia culinaria che garantisce convivialità, piacevolezza e dopamine, neurotrasmettitori del piacere, ad azione calmante”.

Le strategie per attenuare la tristezza

Gli specialisti del portale ‘Guida Psicologi.it’, interamente dedicato alla psicologia ‘da remoto’ vanno più a fondo della questione 'depressione' che interessa sempre più persone persone. Gli autori aggiungono che negli ultimi due anni trascorsi con la vita scandita dalla pandemia (e da tutte le sue pesanti ripercussioni) sono aumentati in modo generalizzato gli episodi di ansia e depressione (+49,5%), problemi di coppia (+24,8%) e alimentari (11,3%) e che le generazioni dei Millennials e la Gen Z sono le più esposte al giorno più triste della settimana perché sono anche le generazioni più precarie, sul fronte sociale, lavorativo e personale. “La situazione del momento, già difficile, amplifica gli effetti del blue monday ma ci sono alcune piccole strategie utili che possono attutire la tristezza del momento, seguendo alcuni consigli pratici”, spiegano gli psicologi della sezione terapia online del sito. Verena Senn, neurobiologa e direttore della ricerca sul sonno di ‘Emma, The Sleep Company’  suggerisce inoltre di prepararsi al giorno down con anticipo  puntando a dormire di più per svegliarsi più riposati il fatidico lunedì riducendo una buona dose di stress dovuto all’insonnia.

In Italia confermano quanto il lunedì si veda tutto più nero e ci si senta giù anche gli analisti del portale inglese Treatwell.com, sito di prenotazione di trattamenti di bellezza e wellness leader in Europa: “Il lunedì risulta proprio il giorno della settimana in cui gli italiani aprono di più il sito per prenotare depilazioni, manicure e taglio dei capelli per sentirsi meglio". Anche la piattaforma di e-commerce più rinomata, Amazon, propone una vetrina di prodotti e rimedi per attutire gli effetti del lunedì e renderlo un ‘very good monday’, come precisano in una nota. Si va dagli oli essenziali puri per l’aromaterapia, ai calendari motivazionali ‘365 giorni di felicità’; da ‘Il mio diario della felicità in 5 minuti al giorno" al set di ukulele in mogano. Seguono adesivi per le pareti a temi rilassanti come farfalle e lavanda al Best in Travel 2022. Inoltre ritrovati per spuntini che sollevano l’umore come nocciole caramellate, tisane rlassanti e fili di zafferano dell’azienda agricola Alfonso Papaoli per fare il risotto. Anche i canali televisivi via cavo e gli altoparlanti intelligenti come Alexa sono pronti al prossimo blue monday perchè tarati per aiutarci proponendo pellicole, show, serie tv divertenti, oltre che barzellette, quiz e playlist del cuore per ballare e cantare invece che deprimersi.

Le indicazioni in 10 tips per sconfiggere i mal di lunedì:

Un bella dormita aiuta. La notte del lunedì ci vogliono più ore di sonno per affrontare col buonumore la giornata più triste. “Regolate l’ora del sonno con anticipo la domenica sera e puntate la sveglia contando 7-9 ore di sonno” spiega Verena Senn. Facilitano il sonno un bagno caldo, una tisana rilassante, la lettura di un libro e una stanza da letto confortevole con l’aiuto di candele, aromi, spray rilassanti per cuscini, biancheria e cuscini di qualità, spiegano gli esperti di Emma-Sleep Company.

Comfort food del lunedì (o della domenica sera) per eccellenza? La pizza. Da consumare fumante e profumata in compagnia. Calma, stimola le dopamine rilassanti e rallegra ma non va abbinata a fritti e dolciumi per evitare l’effetto contrario. Recuperare abitudini alimentari sane fa bene al corpo e aiuta la mente ad essere più efficiente, più efficace e più ottimista, ricordano gli specialisti della Guida Psicologi.

Scrivere una ‘wishlist’. Mettere nero su bianco i propri desideri per concentrarsi a realizzarli senza lasciare spazio alla depressione

Recuperare tempo per sé e fare attività. Stare sul divano a vedere un film con una tisana, passeggiare nel parco, cucinare o fare meditazione, ciò che conta è trovare uno spazio per sé. Anche il movimento aumenta il buonumore e il lunedì è il giorno ideale per allenarsi.

Le cure beauty migliori contro il blue monday? Si va dai massaggi per il corpo di tipo ‘pindasweda’ (indiano), alla depilazione ‘black wax’ con cera a base di glicerina e d’api che non si appiccica alla pelle, non lascia tracce che si attaccano ai vestiti e non irrita. La manicure del lunedì può prevedere bagni caldi nella paraffina per le mani, rilassanti e idratanti, e le cure per il viso indicate contro la tristezza sono invece quelle fatte con maschere hitech per fototerapia a led e, per i capelli, impacchi di pappa reale. Li raccomandano gli esperti di Treatwell.com

Sistemare le proprie economie, in caso di conto in discesa. Il lunedì potrebbe essere il giorno in cui programmare quali saranno le prossime entrate e le prossime uscite, per capire con lucidità come comportarsi nella settimana ed evitare lo stress.

Vedere gli amici. Una passeggiata all’aria aperta dopo il lavoro può essere una soluzione sana e piacevole (e totalmente gratis).

Programmare il prossimo viaggio. Scegliere mete con biglietti modificabili, con cancellazione gratuita e sottoscrivere un’assicurazione di viaggio dato il momento delicato. In questo modo si può anche ricominciare a viaggiare con la mente in vista di viaggi futuri.

Fare attività socialmente utili. Rendersi disponibili nei confronti di chi ne ha davvero bisogno, ha un’evidente funzione sociale ed un alto valore terapeutico, perché aiuta a ridimensionare i problemi

Il lunedì in particolare ci vuole un atteggiamento positivo. Tutto inizia con un sorriso verso di sé e verso il prossimo che porta condivisione, generosità e positività. per non sprofondare in meccanismi nocivi e autodistruttivi.

Basta procrastinare. Rimandare continuamente ciò che dobbiamo fare, soprattutto i primi giorni della settimana, è dannoso per l’umore. Affrontare ciò che continuiamo a rimandare è un ottimo metodo per sentirci leggeri e appagati.

Fonte Ansa