Milleunadonna

L’eredità di Elisabetta II: ecco a chi andranno i 300 gioielli del portagioie personale della Regina

Di tutti quei rubini, diamanti, perle e ori da fiaba Lilibeth e Meghan non dovrebbero avere nulla, tutto dovrebbe andare alla futura regina consorte Kate e sua figlia

TiscaliNews

Non solo la corona, o meglio le corone da portare sul capo a seconda dell’occasione, ma pure preziosi, forse meno sontuosi di altri, che raccontano la storia più personale di Elisabetta II: tra quei capolavori d'arte orafa appartenuti alle regine Vittoria e Mary e passati negli anni alla longeva sovrana, brillano pietre che in segreto parlavano al suo cuore.

L’amato anello di fidanzamento

Primo fra tutti, per il suo significato speciale, l'anello di fidanzamento regalo di Filippo. All'epoca ufficiale di Marina, il futuro principe consorte aveva più blasone che quattrini e in aiuto arrivò la madre con il poco che le era rimasto. La principessa Alice di Battenberg offrì una vecchia tiara, ricevuta a sua volta per le sue nozze con Andrea, principe di Grecia e Danimarca, da parte dell'imperatore Nicola II e Alexandra di Russia. Filippo fece smontare il diadema dalla gioielleria londinese Philip Antrobus e da quei diamanti ricavò l'anello di platino sovrastato da un diamante a taglio brillante da tre carati affiancato da pietre più piccole. Da quel 9 luglio 1947 Elisabetta ha indossato l'anello ogni giorno della sua vita, abbinato alla fede nuziale d'oro gallese.

I gioielli più amati

Così come spesso ha portato nella sua lunga vita l'elegante collana di perle a tre fili, una delle sue preferite, donata da suo padre, re Giorgio VI. Poi la spilla a forma di cesto di fiori: con diamanti, rubini e zaffiri fu il regalo alla regina dai suoi genitori per la nascita del principe Carlo nel 1948.  Tra i preziosi a cui la regina era particolarmente e pure tristemente legata c'è un'altra spilla, quella del giglio di fiamma, che rappresenta il fiore nazionale dello Zimbabwe e dello Zambia. La broche ha un significato particolarmente commovente poiché fu appuntata sugli abiti a lutto della regina quando rientrò in Gran Bretagna dal Kenya dopo la notizia della morte del padre nel 1952. Nello scrigno reale brilla anche la squisita tiara di rubini birmani che Sua Maestà commissionò a Garrard dopo aver ricevuto le meravigliose pietre dal popolo birmano per il suo matrimonio.

I preziosi ereditati

Poi ancora una spilla dal significato simbolico, 'il nodo degli innamorati': realizzata con diamanti a forma di fiocco, era un pezzo della collezione della regina Mary che Elisabetta II ereditò dopo la sua morte nel 1953. Elisabetta l'ha indossata per il matrimonio del nipote, il principe William, con Kate Middleton nel 2011. E a Kate la regina ha prestato più volte le sue gioie, tra gli altri il girocollo di perle giapponesi commissionato per la sovrana dal governo di Tokio negli anni Ottanta. Una collana di perle e diamanti a quattro fili luminosa e preziosissima.

Le “ereditiere”

In ballo ci sono 300 gioielli di proprietà personale della regina, preziosi che le indiscrezioni di stampa dicono andranno solo alla moglie del principe William, Kate Middleton, e all'adorata pronipotina Charlotte. Di tutti quei rubini, diamanti, perle e ori da fiaba Lilibeth e Meghan non dovrebbero avere nulla visto che, come tanti vanno affermando negli ultimi giorni, pare che i Sussex non siano stati contemplati da Elisabetta nel suo testamento come reazione alle polemiche scatenate dalla Megxit e dalle successiva qustioni legali.