Milleunadonna

La festa al supermercato tra lattuga che vola e finocchi in pancia: social in rivolta contro Fedez e Chiara Ferragni

Tutto comincia, come si conviene alla coppia più social che ci sia, su una Stories di Instagram. Chiara Ferragni e Fedez, opportunamente tirati a lucido, escono di casa. Lui non sa dove stiano andando, lei sì. “Con una delle sue magiche idee, Chiara mi sta portando a cena in un posto segreto. Volevo dirvi dove stiamo andando ma dice che è contro le regole di questa cena segreta”. Poco dopo ecco i due in un supermercato. È notte ma il supermarket è aperto solo per Chiara, Fedez e per i loro amici. Il rapper non si rende ancora conto della situazione e dice: “Raga siamo in un supermercato. Ma perché?”. Già, perché?

"Possiamo prendere quello che vogliamo"

È l’ultima pensata dell’influencer che ha organizzato una festa a sorpresa per il neomarito che il 15 ottobre scorso ha compiuto 29 anni. Lei annuncia trionfante: “Possiamo prendere quello che vogliamo”. E in un attimo le stories di entrambi si riempiono di foto e di video: ecco Chiara dentro un carrello, con finocchi in pancia e banane in mano, mentre si fa portare a spasso tra gli scaffali; ecco Fedez, che gridando “chi è il tuo pasticcere?” tira un panettone contro due amici; ecco una ragazza ballare con due cespi di insalata sui seni, ecco l’inevitabile karaoke, gli ospiti come il giovane cantautore Ultimo, le risate. Ecco la nonna di Fedez “Ci sei anche tu?”. Ecco le sorelle della Ferragni mentre posano in bilico tra il carrello e il caffè sugli scaffali. Tutti sembrano divertirsi un mondo in quel bengodi del consumismo, dove tutto sembra permesso e lecito. Il richiamo al mondo reale arriva brusco, come un cazzotto in faccia e di colpo il mondo dorato delle stories diventa livido, come i volti seri di Fedez e Chiara.

Il gioco finisce male

È lui che parla mentre l’artefice della trovata festaiola ascolta muta: “Mi sono defilato dalla festa per dirvi una cosa. Ho letto su twitter che molti si sono lamentati pensando che stiamo sprecando del cibo. Tutti quelli che si sono sentiti indignati dal fatto che la festa è stata organizzata in un supermercato sappiano che mi è stato detto da chi l’ha organizzata e cioè da Chiara e da mia madre che la spesa e il cibo domani verranno donati ai più bisognosi. L'unica storia di spreco che avete visto è la mia e me ne assumo la responsabilità. Ho lanciato una foglia di lattuga, sono stato preso dall'euforia della festa e chiedo umilmente scusa per questo. Probabilmente chiunque si fosse trovato nella mia situazione avrebbe toccato tutto. Ma chiedo scusa perchè mi rendo conto di avere un'esposizione mediatica e un'influenza sulle persone. Non è una festa per esprimere opulenza ma è una cosa simpatica che hanno voluto fare per me. Spero che capiate. In più occasioni abbiamo dimostrato di tenerci e di avere un occhio di riguardo per chi non ha avuto la nostra stessa fortuna nella vita”.

La condanna sui social

Ma il web ormai è partito. E anzi il tentativo di placarlo si rivela un clamoroso boomerang. #Fedez diventa trend topic su Twitter. I messaggi sono di questo tenore: “Il fatto che abbiano pagato non dà a loro il permesso di sprecare il cibo così o rompere scatole o bottiglie come se non ci fosse un domani, oltretutto vorrei anche capire quale sia la parte divertente in tutto questo. Li ho sempre difesi, stavolta penso abbiano esagerato”;
“La mia famiglia è stata senza soldi né cibo parecchie volte, avevamo la dispensa e il frigo vuoto e i miei si nutrivano con una tazza di latte per far mangiare una me piccolina che ignorava la situazione. Ci sono cose che si apprezzano solo quando sono mancate”;
“Saró pesante, ma io guardando le storie della festa di #Fedez provo solo tanta vergogna, per degli adulti che si ricoprono di frutta e verdura nei carrelli di un supermercato sapendo che tutto il macello che stanno facendo andrà buttato per un paio d'ore del loro divertimento”;
“Non voglio dire cattiverie perché oramai il messaggio che è passato è brutto e domani chissà quanto ne parleranno, ma ho un dubbio: chi è che mangia il cibo sul quale avete comodamente posto il vostro deretano? Chiedo”;
“Peggio di #Fedez e #Ferragni che si buttano il cibo, ci sono solo le persone che li stanno giustificando. Li lascerei senza cibo per un mese, poi vediamo come la pensano”; ”In realtà la cosa davvero imbarazzante è che ci sia gente che a trent'anni trova divertente lanciarsi addosso lattughe e panettoni o sdraiarsi in un carrello”.

Testimonial che rischiano di non funzionare più

Ovviamente c’è anche chi li difende, chi ricorda che siamo in tanti a sprecare cibo ogni giorno sulle nostre tavole. Ma c'è davvero poco dagiustificare stavolta e l'impressione è che la coppia abbia davvero esagerato. Di fronte a quella frutta e verdura tirata in aria per divertimento non si può non pensare che l’Italia sta vivendo un momento difficile, che oltre 5 milioni di persone vivono in condizione di povertà. E che se avere tanti soldi e goderseli è più che lecito, risulta davvero di pessimo gusto sbattere in faccia agli altri la propria opulenza. E non guidando l’ultima fuoriserie o indossando l’ennesimo capo firmato, ma giocando con quello che c’è di più sacro e prezioso, il cibo. C’è solo da augurarsi che i due neosposi si rendano davvero conto che i social hanno preso loro la mano e che stanno perdendo il senso della realtà. Le inevitabili scuse, finora espresse solo da Fedez, e gli eventuali atti riparatori si spera che arrivino per vera convinzione. E non per l’ennesima strategia di marketing. Magari su richiesta di qualche sponsor preoccupato che i testimonial non funzionino più.