Le giornaliste afghane si riprendono il video e sfidano i talebani: il caso ToloNews

Le reporter e le anchorwoman del network televisivo Tolo News ritornano in video e il direttore responsabile della rete allnews dell'Afghanistan ne sottolinea il coraggio

Ha il sapore della sfida e corre veloce sui social di mezzo mondo. Le conduttrici televisive afghane, le giornaliste, le reporter hanno puntato i loro sguardi scuri davanti alla luce rossa della telecamera e hanno ripreso il lavoro ai microfoni di Tolo News. Mentre il mondo assiste attonito alla presa del potere senza colpo ferire dei Talebani e già immagina e piange ciò che accadrà alle donne e alle bambine di quel Paese, un gruppo di giornaliste sfida apertamente il regime jihadista. “Oggi abbiamo ripreso le nostre trasmissioni con le presentatrici”, ha scritto in un tweet Miraqa Popal, responsabile della redazione di ToloNews, il primo canale allnews dell'Afghanistan acceso 24 ore al giorno che su Twitter conta 950 mila followers. E la scritta è accompagnata dell’immagine con il velo di una giornalista.

Poco prima un altro retweet questa volta di un video dove si vede una reporter documentare in diretta ciò che in queste ore di caos e preoccupazione sta accadendo a Kabul. Il post è accompagnato da questa frase: “Non saremo mai e poi mai in grado di eguagliare il coraggio delle donne afghane. Nessuno di noi. E certamente non i leader che hanno trascinato una guerra in loro nome, hanno mostrato poco impegno sincero al di là della rappresentazione simbolica, e poi le hanno lasciate a combattere per il loro posto nel pieno di un incendio”.

Altro tweet, altre due immagini di donne dell’informazione e la didascalia stavolta include i loro nomi: Hasiba Atakpal e Zahra Rahimi, le nostre giornaliste, riferiscono in diretta da #Kabul città. Il direttore Miraqa Popal insiste e stavolta mostra l’immagine di una anchorwoman intenta a intervistare in studio uno dei membri del team media dei Talebani. Insomma, le donne sono tornate a popolare i media afghani.

 

Dopo la resa di domenica, la Bbc aveva rilevato che erano scomparse dai principali canali afghani. Ora invece la loro presenza di per sé è una sfida al movimento fondato dal mullah Omar che le donne le ha sempre volute rinchiiuse in casa e lontano dall’istruzione. Staremo a vedere. Nel frattempo è importante dare visibilità e voce a queste giornaliste coraggiose.