Miss Italia è Rachele Risaliti ma la vera sorpresa è la taglia 46 della curvy Paola

Dopo 20 anni il titolo di più bella torna in Toscana: Rachele Risaliti ha 21 anni, studia fashion marketing management ed è stata ginnasta

di Cinzia Marongiu

Capelli biondo cenere, un metro e 77 centimetri e due strepitosi occhi verdi, spesso bagnati di lacrime di commozione, di emozione, di incredulità. La nuova Miss Italia è Rachele Risaliti, fiorentina di 21 anni, Miss Toscana, che restituisce alla sua regione la corona di Miss Italia dopo 20 anni, da quando nel 1996 se la aggiudicò Denny Mendez. Seconda, sorprendente, classificata una delle tre curvy arrivate in finale e cioè la campana Paola Torrente, taglia 46 portata con fierezza. Rachele, che sona di laurearsi entro due anni e di andare all'estero per diventare una tren forecaster, ha praticato ginnastica ritmica per 11 anni: "Lo sport è disciplina, senso del dovere, rispetto e sacrificio. Insegnamenti che hanno formato il mio carattere e mi hanno aiutato a superare tanti momenti di difficoltà".

Parola d’ordine: svecchiare. O, meglio, ringiovanire. La missione dettata da Patrizia Mirigliani non è mai stata così chiara e categorica. E allora ecco come conduttore Francesco Facchinetti, più veloce della luce e seguitissimo sui social. E, sulla stessa falsariga, ecco i video in live streaming su Facebook e Twitter dal back stage della gara di bellezza; ecco le curvy per la prima volta in finale; ecco le auto-presentazioni delle ragazze in appena 140 caratteri, proprio come i mini post sui social. E ancora, ecco lo speed date, l’appuntamento–lampo per sedurre, a scelta libera, o Raoul Bova o Vincenzo Salemme (troppo facile indovinare chi abbiano scelto in massa le ragazze…) ed ecco la delusion-room dove finiscono le miss mano a mano che vengono eliminate con la fatidica frase, “per te Miss Italia finisce qui".

"Eran duecento, erano giovani e " belle e sono arrivate alla serata finale in 40, subito dimezzate in 20 a suon di eliminazioni-lampo, come ogni reality che si rispetti ci ha abituato. Ad aiutare Facchinetti, la Miss in carica Alice Sabatini e la Miss eletta nel 2013 Giulia Arena. Ma soprattutto la giuria artistica in cui, oltre alla febbricitante Mara Venier e alla giornalista fieramente attivista e femminista Selma Dall'Olio, si è distinta una nuova coppia sorprendente per comicità e affiatamento e cioè quella formata da Vincenzo Salemme e da Raoul Bova, mattatori della serata. In giuria anche il campione olimpionico Gregorio Paltrinieri. 

Non sono mancate, ovviamente, le polemiche, a cominciare dai giurati in evidente imbarazzo nel dover far fuori su due piedi le ragazze in un confronto all'americana. Per continuare con la mamma di una delle eliminate che ha reclamato a gran voce che "le curvy facciano una gara a sè stante, contro le altre curvy". Un "indietro tutta" bocciao indiretta da Facchinetti e da Patrizia Mirigliani. Fino all'esplosione di Mara Venier, sul finale, assolutamente incredula e arrabbiatissima per l'eliminazione della numero 14 l'italo-somala Giadira Mohamed Ismail: "È assurdo, è davvero una ragazza bellissima". 

Alla fine le ultime tre rimaste in gara (Miss Toscana, Miss Veneto e la curvy Paola Torrente) se la sono dovuta vedere con Gianluigi Paragone e con la sua "Gabbia" a base di domande di cultura generale. Infine, uscita di scena anche la veneta, la corona di Miss Italia (537 grammi per 2550 diamanti) è stata una questione privata tra Rachele Risaliti (Miss Toscana) e Paola Torrente.

di Cinzia Marongiu