L'America sogna ancora gli Obama, Michelle la più amata. Hillary Clinton retrocede

In base al sondaggio Gallup, il marito Barack resta in testa alla classifica di gradimento. Hillary è seconda insieme a Melania Trump

TiscaliNews

L'America sogna ancora gli Obama. Michelle strappa a Hillary Clinton il titolo della più amata dagli americani per la prima volta in 17 anni. Per l'ex segretario di stato si tratta di un duro colpo: non solo non è più la prima in classifica, ma crolla al terzo posto alla pari con Melania Trump. Barack si conferma per l'11mo anno di fila il più ammirato, staccando Donald Trump relegato al secondo posto. Si piazza in terza posizione George W. Bush, mentre al quarto papa Francesco.

In vetta

Il sondaggio di Gallup è la ciliegina sulla torta per l'anno stellare di Michelle, impegnata nelle ultime settimane nel tour per promuovere il suo 'Becoming', già divenuto un best seller. Nonostante la recente gaffe di stile del vestito giallo ocra, accompagnato da stivali luccicanti di Balenciaga da 4.000 dollari, Michelle domina incontrastata la scena pubblica statunitense, alimentando - a dispetto delle ripetute smentite - le voci su una sua possibile discesa in campo per le elezioni del 2020.

La rivincita femminile

L'ex First Lady piace a livello bipartisan e da molti è ritenuta l'unica in grado di sfidare e battere Trump, dando vita a quella rivincita tutta al femminile dopo la sconfitta di Hillary nel 2016. I repubblicani, in primis l'ex presidente George W. Bush, la ammirano per la sua forza. I democratici la stimano e alcuni la considerano il volto nuovo e fresco di cui il partito ha bisogno. I più giovani, soprattutto le donne, la amano e la prendono come modello. Michelle - secondo molti - ha tutte le carte in regola per candidarsi e regalare agli americani il sogno di un ritorno degli Obama alla Casa Bianca sotto una sua presidenza.

La classifica

Nella classifica delle più amate d'America ci sono anche la cancelliera Angela Merkel, la regina Elisabetta e il giudice della Corte Suprema Ruth Bader Ginsburg. Intorno a quest'ultima si è scatenato un vero e proprio culto: roccaforte liberal fra i togati, Bader Ginsburg - alle cronache conosciuta come 'Notoriuos RBG' - è divenuta la protagonista di documentari per il piccolo schermo e ha anche conquistato Hollywood con il film sulla sua vita 'On the Basis of Sex'. I suoi recenti problemi di salute, incluso l'intervento per la rimozione di un tumore, hanno fatto tremare l'America progressista, gelata dalla possibilità che Trump possa scegliere, dopo la doppietta di Neil Gorsuch e Brett Kavanaugh, un altro giudice conservatore imprimendo una ulteriore sferzata a destra della Corte.