Milleunadonna

Samanta Bullock, la pistola del padre e la sedia a rotelle: "La mia incredibile rinascita"

A 14 anni la sua vita è cambiata per sempre e lei, da bellissima adolescente avviata alla carriera di modella e a quella di campionessa in erba di tennis, si è ritrovata di colpo in carrozzina

Samanta Bullock, la pistola del padre e la sedia a rotelle: 'La mia incredibile rinascita'
Samantha Bullock è nata a Osòrio in Brasile il 14 agosto 1978.

A 14 anni la sua vita è cambiata per sempre e lei, da bellissima adolescente avviata alla carriera di modella e a quella, altrettanto promettente, di campionessa in erba di tennis, si è ritrovata di colpo sulla sedia a rotelle. Ma è il “come” che avrebbe potuto definitivamente spezzarle la volontà visto che Samanta Bullock quel giorno stava giocando con l’arma di suo padre e un colpo è partito accidentalmente colpendola alle gambe e rendendola paraplegica per sempre. Un incidente che oltre a segnarle il fisico avrebbe potuto compromettere il rapporto con la famiglia. E invece oggi che Samanta ha 40 anni e che delle sfide ha fatto il suo pane quotidiano, confessa: “In Brasile nel 1992, come oggi, era legale avere un’arma a casa. Mio padre mi ha sempre dato tutto il suo amore e il suo supporto. Abbiamo sofferto tutti per l’incidente, ma questo ha reso la mia famiglia ancora più forte. Oggi il mio papà è il mio migliore amico”.

Vogliamo sentirci bellissime anche in carrozzina

Samanta, classe 1978, è nata a Osorio, nel sud del Brasile e, nonostante l’incidente, non si è mai persa d’animo, diventando la prova vivente che la sedia a rotelle non è un ostacolo per raggiungere i propri obiettivi. Così, ad esempio, ha giocato a tennis sulla carrozzina rappresentando il Brasile, dal 2003 al 2009, vincendo due medaglie d’argento nel 2007 ai Para Pan Am Games e nel 2012 ha partecipato ai Paralympic Games Opening Ceremony. E ora invece ha deciso di lanciare la prima linea di abbigliamento adatta anche per chi come lei si trova a camminare sulle quattro ruote ma non vuole rinunciare alla bellezza e alla femminilità. “Se ci sono delle modelle disabili in passerella è importante anche che ci siano degli stilisti che pensino alla vita quotidiana di queste persone con difficoltà motorie”. Così Samanta ha deciso di essere promotrice di un nuovo brand che, con una gamma variegata di indumenti, abbraccia il mondo della disabilità conciliando comodità qualità, sostenibilità e inclusione. A partire dal 15 giugno la collezione esclusiva sarà disponibile online sul sito http://samantabullock.com

 

“Una donna per essere sicura di sé deve potersi sentire comoda e bella nei suoi abiti e nella sua vita quotidiana, a prescindere dall’uso di una sedia a rotelle”, sostiene Samanta che è particolarmente attenta alla sensibilità femminile. Perché la moda può essere comoda e seducente anche per chi è costretta a stare sempre seduta. Sono diversi gli stilisti emergenti che stanno supportando Samanta nel suo progetto: Rua Luja, London Organic, Bekoffee, Caroline, Gunda Hafner, Peter Twiss, Contessina London e Amaelia. Inoltre, una parte dei ricavi della vendita verrà donato a “Motivation”, un’organizzazione di beneficenza che fornisce sedie a rotelle alle persone che ne hanno bisogno in tutto il mondo.