La figlia della Palombelli e di Rutelli al Grande Fratello: la storia dolorosa e la polemica

Che ci fa Serena Rutelli nel reality di Canale 5? A chiederselo per primi non c’è dubbio siano stati proprio i suoi genitori che hanno reagito in maniera opposta

Inutile negarlo. Durante la prima puntata della sedicesima edizione del Grande Fratello tutti aspettavano di vedere l’ingresso nella Casa di Cinecittà, quella spiata da microfoni e telecamere h24, della figlia di Barbara Palombelli e di Francesco Rutelli. Ovvero di una delle ragazze che pur non conoscendola non ti saresti mai aspettato di trovare nel “padre di tutti i reality”, quello che da solo è capace di evocare scene trash a base di sexy docce e litigi su chi ha mangiato l’ultima porzione di insalata ma anche una propria mitologia di un’età dell’oro dove tutti ancora ci credevano e Pietro Taricone era l’indiscusso sovrano.

Serena Rutelli è figlia di una delle coppie-simbolo dell’intellighenzia di sinistra. Da una parte l’ex sindaco di Roma, quello del Giubileo, nonché ex segretario del partito Radicale, già ministro del governo Ciampi e vicepremier con Prodi, oltre che attuale presidente dell’Anica; dall’altra una delle penne più affilate dell’Europeo e del Corriere della Sera che da qualche tempo è una delle colonne di Mediaset, con la doppia edizione di "Forum" (che veleggia tra Canale5 e Rete4) e con il talk quotidiano “Stasera Italia”.

Che ci fa Serena Rutelli al Grande Fratello? A chiederselo per primi non c’è dubbio siano stati proprio i suoi genitori che però hanno reagito in maniera opposta. Se da una parte Rutelli ha ammesso sconsolato di “aver cercato di dissuaderla ma mi sono dovuto arrendere perché è un suo sogno da sempre"; dall’altra ecco l’ineffabile Palombelli che, intervistata da Massimo Giannini su radio Capital ha dichiarato: “Mentre mio marito sfidava Berlusconi, io seguivo con un certo interesse per l’esperimento sociologico la prima edizione del Grande Fratello. Ed è stato proprio allora che io e Francesco abbiamo preso in affidamento queste due bambine che poi sono diventate nostre figlie. Loro, perciò, mi vedevano guardare questo Grande Fratello e fin da piccole mi chiedevano se un giorno ce le avrei portate. Ecco perché quando Serena mi ha detto che voleva partecipare non me la sono sentita di dirle di no. Agli autori del programma ho chiesto di giudicarla per ciò che è, ma loro si erano già tutti innamorati di lei. D’altra parte non ho mai giudicato i reality con la puzza sotto il naso. Per i nostri figli sono un gioco, esattamente come ai nostri tempi lo era il Monopoli”.

E Serena? Eccola in video mentre si presenta: "Ho 29 anni. Sono stata adottata quando avevo 7 anni insieme con mia sorella. Mia madre ci ha abbandonato quando eravamo molto piccole con mio padre e lui ha deciso di lasciarci in una casa-famiglia. Siamo rimaste lì dentro 3 anni. Il giorno più bello è stato quando sono arrivati i miei genitori e hanno deciso di adottarci. Da quel momento la mia vita è cambiata". E i genitori sono appunto Rutelli e Palombelli che Serena descrive così: "Mio padre è un coccolone, è uno che ride e scherza, mia madre invece è più seria e bacchettona". Serena ha altri tre fratelli: Monica, che è stata adottata insieme a lei, Francisco e Giorgio, il primogenito. E per spiegare il suo lavoro, ha dichiarato: “Ho due genitori secchioni. Quindi uno potrebbe immaginare che la figlia sia come loro, una secchiona. Invece no, sono proprio l’opposto, e quindi faccio l’estetista”.

Ovviamente non mancano le polemiche che stavolta si sono concentrate sul provino sostenuto dalla ragazza. A parlarne è stata la stessa Barbara D’Urso ospite a “Forum” della collega che ha raccontato questo antefatto: "Un giorno la Palombelli mi ha chiamato e mi ha chiesto “Barbara, come si fa a far fare un provino a una persona?”. Io le ho dato il numero di telefono come l’ho dato a tutte le persone che me lo hanno chiesto e lei mi ha risposto “Va bene, mando mia figlia". I commenti maliziosi sui social non si sono fatti attendere tra chi ha adombrato che la scelta della ragazza non sia stata del tutto "disinteressata". Ora, comunque, sarà Serena a scrivere la sua storia.