Addio alle sigarette: perché per le donne è più difficile smettere

La ricerca è basata sui dati relativi a 233 pazienti che frequentavano una clinica per smettere di fumare

Addio alle sigarette: perché per le donne è più difficile smettere
TiscaliNews

Le donne avrebbero maggiore difficoltà a smettere di fumare rispetto agli uomini. Lo afferma un nuovo studio presentato al Canadian Cardiovascular Congress (CCC) del 2019. Carolina Gonzaga Carvalho, ricercatrice dell’ospedale di St. Michael, Toronto, una delle autrici dello studio, ha infatti scoperto, tramite un’analisi retrospettiva di 233 pazienti, che le donne mostravano una prevalenza maggiore di ansia o depressione rispetto agli umani (una prevalenza del 41% contro il 21%) cosa che andava poi a disturbare i tentativi di smettere di fumare.

Le possibili cause

Secondo la ricercatrice a svolgere un ruolo ci sarebbero anche fattori ormonali o sociali ma in ogni caso si tratta di uno studio osservazionale che non può occuparsi di ricercare le cause. La ricercatrice si è avvalsa dei dati relativi a 233 pazienti che frequentano una clinica dell’ospedale in cui lavora per smettere di fumare. I dati risalivano al periodo tra il 2008 e il 2018.

Le terapie per smettere

A diversi di essi, se necessario, venivano prescritti farmaci come quelli relativi alla terapia sostitutiva della nicotina oppure bupropione e vareniclina, in base a vari casi. Il 35% dei pazienti era di sesso femminile e l’età media era di 56 anni. “Il nostro studio sottolinea la necessità di interventi specifici sul sesso e la copertura finanziaria dei farmaci per smettere di fumare”, dichiara la ricercatrice nel comunicato stampa che accompagna lo studio. In Nord-America, rispetto alla nostra realtà, c’è infatti un altro elemento da non sottovalutare: per le donne sarebbe più difficile accedere ai vari trattamenti farmacologici disponibili per accompagnare chi tenta la strada della disassuefazione.