I genitori si fanno la guerra e il giudice fa scrivere la sentenza di divorzio al figlio

Un ragazzo di 15 anni ha chiesto ai giudici di essere ascoltato prima della sentenza di divorzio dei genitori che litigano da anni

I genitori si fanno la guerra e il giudice fa scrivere la sentenza di divorzio al figlio
TiscaliNews

Per anni ha subito il conflitto fra i suoi genitori separati, ora che ha 15 anni ha deciso di dire la sua con una lettera ai giudici del Tribunale di Firenze per essere ascoltato prima della sentenza di divorzio. Come racconta La Repubblica, il giovane conteso ha espresso i suoi bisogni e ha parlato del rapporto che ha con il padre e con la madre. Infine, scrivendo alla giudice relatrice, ha precisato: “Qualora le occorra approfondire sono disponibile anche ad incontrarla nuovamente”. Una lettera matura, con le ragioni espresse in modo così circostanziato che i giudici hanno deciso di accoglierla scrivendo una sentenza ritagliata proprio sulla missiva.

La vicenda

Aveva 4 anni quando i suoi hanno iniziato a litigare, 9 quando ai servizi sociali si trovò raccontare di essere stufo di dovere difendere “ora uno, ora l’altro genitore” dalla guerra che si erano dichiarati. Una lotta che lo ha portato di nuovo davanti al giudice perché sua madre ha ì cercato di convincerlo a “cambiare idea sulle settimane alterne”: una da lei e una dal padre. Regime al quale invece il giovane era abituato: “Se questo accadesse per me sarebbe veramente spiacevole. La mia vita è organizzata bene così e mi trovo bene negli spostamenti.

Come vuole lui

I giudici hanno così deciso di dare torto alla madre e stabilire per sentenza quanto desiderato dal ragazzo. Ribadita quindi l’importanza del rapporto con la madre ma anche quello con il padre grazie alla conferma dell’alternanza: una settimana con uno, una con l’altra. Non solo, alla donna è stata sospesa la podestà genitoriale per quanto riguarda questioni di salute e sportive, e attribuita al padre. Stando ai racconti, la donna lo spingeva a fare danza e non basket, come il ragazzo invece desiderava. Forse per il timore che il giovane, sofferente di artrite reumatoide, avesse poi dei traumi. Il problema è che la stessa donna avrebbe impedito le cure, tanto che in un’occasione venne richiesto l’intervento dei carabinieri. Insomma una situazione non facile che il 15enne dimostra però di affrontare con maturità.