La giornalista italiana in Spagna: "Cosa sta realmente succedendo a Barcellona"

Patrizia La Daga, direttrice del sito "Italiani Ovunque", ci invia la sua video-testimonianza da Barcellona: "Gli spagnoli hanno minimizzato ma ora cominciano a capire e fioccano pure le sanzioni"

Amici di Tiscali, vi parlo dalla mia casa di Barcellona dove sono rinchiusa. In questo momento la situazione in Spagna è un po’ come quella in Italia: i contagi si moltiplicano a un tasso del 25% al giorno, così come cresce la mortalità. La situazione è davvero grave”. Comincia così la testimonianza di Patrizia La Daga, direttrice del sito “Italiani Ovunque” (questa la pagina su Facebook) e collaboratrice del nostro portale.

“Noi italiani di Spagna abbiamo vissuto questa situazione in un modo molto particolare perché da una parte avevamo la testimonianza diretta e drammatica dei nostri amici e parenti in Italia e dall’altra vedevamo sui media spagnoli una rappresentazione molto light di ciò che accadeva in Italia. E noi italiani dapprima siamo stati visti come gli untori e poi come i classici allarmisti”. Il video messaggio racconta invece come ora le cose siano finalmente cambiate e di come gli spagnoli stiano affrontando la pandemia.

Le video-testimonianze di Milleunadonna, una finestra affacciata sull'Europa

La video-testimonianza di Patrizia La Daga va a comporre il puzzle che Milleunadonna sta costruendo in questi giorni, quello cioè di essere una finestra affacciata sull'Europa attraverso il racconto e lo sguardo di nostre connazionali che vivono all'estero. Qui la testimonianza di Marcella Oggiano, manager italiana trapiantata in Svizzera, dopo aver vissuto 20 anni in Germania, a proposito della discriminazione dei nostri connazionali all'estero.