La nuova Emma Marrone, cantante e attrice e soprattutto castana: "Io che non sarò più bionda"

La cantante salentina alla vigilia di un doppio debutto, come superospite a Sanremo e come attrice in "Gli anni più belli" di Muccino confessa: " Dopo l’operazione subita, i medici mi hanno sconsigliato di tingermi.

Codice da incorporare:

Questo sito si chiama Milleunadonna per significare che dentro ogni donna si racchiudono molti aspetti, tantissime sfumature e a volte alcune alter ego decisamente contradditorie tra di loro, capaci di chiacchierare insieme, di sopportarsi e perfino di crocifiggersi, come solo noi donne sappiamo fare. Ecco, se dovessi prendere una donna a paradigma di tutto ciò sceglierei decisamente Emma Marrone, l’artista salentina schietta e umile come poche altre, scoperta da Maria De Filippi ad “Amici” e che proprio in questi giorni festeggia i suoi primi 10 anni di carriera. Lo fa con un doppio debutto: quello come superospite al Festival di Sanremo dove però ha già conquistato un secondo posto cantando in coppia con i Modà, una vittoria nel 2012 e perfino una co-conduzione insieme con Arisa nel primo Sanremo targato Carlo Conti. E poi c’è il debutto al cinema come attrice e mica in un film qualsiasi: Emma è Anna, la moglie del personaggio interpretato da Claudio Santamaria in “Gli anni più belli”, il nuovo film di Gabriele Muccino.

I mille volti di Emma

Ne parla in questo video registrato durante l’anteprima stampa e al suo solito lo fa con una grande dose di umiltà e allo stesso tempo di consapevolezza: “Come è stata questa esperienza? Non so, non ho termini di paragone. Mi ha colpito l’estrema gentilezza ed educazione di quel pazzo di Gabriele Muccino che mi ha voluta a tutti i costi. Può sembrare banale dire che una persona è gentile con tutti e non solo con gli attori, ma di questi tempi in cui si urla per lmolto meno a me ha colpito tantissimo. Come ho fatto a fare l’attrice? Non lo so. Ho interpretato una mamma pur non essendolo. Ho lavorato di immaginazione. Ho giocato un po’ come si fa da bambini, quando si gioca a fare la mamma o a fare la spesa al mercato"

Come ho fatto a interpretare una madre? Ho giocato, come quando ero bambina

"La scena più tosta è stata senz’altro quella del parto, perché non mi è mai successo. Ma devo dire che con la pancia mi sono sentita più a mio agio che con il vestito da sposa, che pure indosso in un’altra scena del film. Non so, se lo rifarò ancora. Può darsi di sì. Nella via non mi precludo le varie possibilità anche perché si tratta di fare qualcosa che tante persone sognano davvero. E mi sembrerebbe assurdo dire di no a priori. Di certo, accanto a questi giganti del cinema italiano mi sono sentita piccola piccola. Ma devo dire che mi hanno accolta e sostenuta in tutti i modi”.

 

E il suo marito di scena, Claudio Santamaria, l’ha sostenuta anche durante la presentazione del film visto che ha voluto intervenire in quella “che è una vecchia querelle tutta italiana, visto che soltanto sembra strano quando un attore si mette a cantare o viceversa un cantante recita. Un artista in realtà può scegliere diversi modi di esprimersi e in questo non ci trovo proprio nulla di strano”.

Lo scorso settembre l'annuncio shock

In questi ultimi mesi però di Emma si è parlato non solo per la sua musica. Lo scorso settembre il tumore che già anni fa l’aveva colpita si è risvegliato ed Emma si è dovuta sottoporre a un nuovo intervento. Ad annunciarlo era stata lei stessa sui social scioccando un po’ tutti. Ma si era trattato di una scelta necessaria perché aveva dovuto in fretta e furia cancellare alcune date del tour di presentazione del suo disco appena pubblicato e alcune date di concerti. Ora Emma sta bene. A differenza del passato non è più bionda, ma è tornata al suo castano chiaro naturale. "I miei capelli non saranno più biondi. Dopo l’operazione subita, i medici mi hanno sconsigliato di tingermi. Mi sono presa la libertà di metterli a riposo, potrei anche non tornare più bionda", ha confessato lei stessa in un’intervista a Sette, settimanale del Corriere della sera. Concludendo con un sorriso: "L’importante è sapere che sono bionda dentro".