Per la prima volta a un'italiana la medaglia Dirac: Buonanno premiata per gli studi sulle onde gravitazionali

Oltre a essere la prima italiana, Alessandra Buonanno, è la seconda donna in assoluto a ricevere uno tra massimi premi scientifici

Alessandra Buonanno (Ansa)
Alessandra Buonanno (Ansa)
TiscaliNews

Per la prima volta la medaglia Dirac, uno dei principali premi scientifici internazionali, è stata assegnata a una ricercatrice italiana: Alessandra Buonanno, che lavora in Germania, nell'Istituto Max Planck per la Fisica gravitazionale di Potsdam. Assegnata dal Centro Internazionale di Fisica Teorica Abdus Salam (Ictp), la medaglia Dirac premia Buonanno per le sue ricerche teoriche alla base della rilevazione delle onde gravitazionali.

Il primato

Oltre a essere la prima italiana, Buonanno, a 52 anni, è la seconda donna in assoluto a ricevere la medaglia Dirac. Con lei sono stati premiati i fisici Thibault Damour, Frans Pretorius e Saul Teukolsky. Alla gioia, si unisce il dispiacere di sapere che una ricercatrice di tale livello sia un cervello in fuga e che, come tanti, facendo ricerca in Italia forse non avrebbe conseguito i risultati di cui oggi può andare fiera.

 

La docenza e la ricerca

Alessandra Buonanno è a capo della divisione di Astrofisica e Relatività Cosmologica dell'istituto tedesco Max Planck. Dopo la laurea e il dottorato di ricerca in Fisica all'Università di Pisa, la ricercatrice 52enne ha lavorato al Cern di Ginevra e poi in Francia, nell'Institut des Hautes Etudes Scientifiques (Ihes). Ha inoltre lavorato nel Laboratorio di Astrofisica e Cosmologia (APC) di Parigi (2001), nell'Università del Maryland (2005) e nel 2014 è stata nominata co-direttrice dell'Istituto Max Planck per la fisica gravitazionale di Potsdam.

Una verifica impressionante della teoria di Einstein

Tutti e quattro i fisici sono stati premiati per il loro contributo alla ricerca che ha permesso di scoprire le onde gravitazionali, in particolare per avere stabilito le proprietà delle onde gravitazionali prodotte quando due stelle o due buchi neri ruotano uno attorno all'altro per poi fondersi. "Il lavoro teorico delle Medaglie Dirac di quest'anno è stato fondamentale per interpretare le osservazioni effettuate da Ligo, un esperimento estremamente sofisticato", ha detto il direttore dell'Ictp, Atish Dabholkar, annunciando i vincitori del premio. "Si tratta - ha aggiunto - di una verifica impressionante dell'accuratezza della teoria della relatività generale di Einstein. È un meraviglioso tributo allo straordinario potere della nostra comprensione teorica della natura, che fino a poco tempo fa sembrava troppo bizzarra per la verifica osservativa." Damour, dell'Istituto francese di alti studi scientifici (Ihes) lavora in Francia, nell'Institut des Hautes Études Scientifiques (IHÉS) e nel 2016 ha vinto lo Special Breakthrough Prize per la fisica fondamentale per la rilevazione delle onde gravitazionali; Pretorius è direttore della Princeton Gravity Initiative dell'Università americana di Princeton, è l'autore del primo codice informatico che simulare la fusione di due buchi neri; anche Teukolsky lavora negli Stati Uniti, presso il California Instituto of Tecnology (Caltech) e la Cornell University.