Capelli che si sporcano subito dopo lo shampoo? Ecco gli errori da evitare per mantenere la cute pulita

Cosa fare per prolungare al massimo gli effetti del lavaggio e della messa in piega: i cinque consigli utili

Foto Ansa
TiscaliNews

Li lavi, li asciughi mettendoli in piega e il mondo ti sorride, ma già dal secondo giorno i tuoi capelli assumono un aspetto spento e vissuto che renderebbe necessario un nuovo shampoo o l’intervento risolutore per eccellenza: elastico e coda di cavallo, almeno per le chiome lunghe. Ma c’è qualcosa che possiamo fare per prolungare al massimo gli effetti dello shampoo e tenera la cute pulita? Ci sono sicuramente errori da evitare per impedire che i capelli si sporchino anzitempo. A parte le ovvietà come lo smog o l’attività sportiva che inevitabilmente porta a sudare e quindi a ungere la chioma, ecco gli sbagli i più comuni.

Idratare senza ungere

Prima di tutto è meglio evitare di impiastrare la chioma con gel o oli troppo pesanti subito dopo averli lavati e asciugati: va bene idratare e mettere in piega ma qualsiasi cosa appesantisca il bulbo pilifero, renderà meno durevole l’effetto vaporoso dello shampoo. Quindi è meglio non esagerare e spalmare i prodotti idratanti sulla lunghezza ma lontano dalle radici.

No alla doccia bollente

Anche se fa freddo, è meglio evitare di lavare la testa con l’acqua molto calda: fa seccare la cute che, per reidratarsi, produce più sebo accelerando quel processo che tende a ungere il cuoio capelluto. Va bene il getto caldo sul copro ma quando poi si passa alla testa, meglio abbassare la temperatura di qualche grado. In generale il calore e ciò che fa sudare è nemico della cute pulita: quindi sono da evitare anche le notti sotto piumoni troppo pesanti che la mattina ci fanno svegliare sudate e con i capelli attaccati al cuscino.

Il taglio di moda è quello con la frangia

No agli shampoo aggressivi

Molta schiuma dà l’idea di pulito ma i tensioattivi presenti nei prodotti aggressivi lavano lo sporco sul momento peggiorando poi la situazione. Con il successivo risciacquo, eliminano anche lo strato idrolipitico che si trova sulla cute e che serve per mantenere idratata la testa. Meglio un prodotto più dolce e rispettoso del naturale equilibrio idrolipitico rendendo necessari shampoo meno frequenti.

Usare pettini e spazzole con frequenza

Pettinare, ma anche toccare, i capelli troppo spesso li sporca più velocemente. Succede perché spazzole e pettini sono inevitabilmente ricoperti da batteri che finiranno per depositarsi su cute e chioma. Meglio quindi evitare qualche spazzolata e in ogni caso tener d’acconto gli strumenti per pettinarsi lavandoli spesso (comodissimo riporli separatamente in lavatrice o lavastoviglie) e tenendoli conservati al chiuso anziché esposti ai vapori del bagno. Da ricordare che i vapori peggiori sono quelli che vengono dal water, quindi è meglio abbassare sempre il coperchio della tavoletta prima di avviare lo sciacquone.

Attenzione ai cappelli

Infine i cappelli: l’inverno è il loro momento - ma anche le assolate estati -  però infilarseli in testa rende inutile qualsiasi attenzione si sia riservata alla nostra acconciatura. Se è possibile meglio lavare spesso i cappellini e comunque riservarli ai giorni più freddi, oppure a quelli in cui abbiamo deciso che a fine giornata ci concederemo un bagno, o una doccia, rilassante.