Le radici profonde delle preferenze e delle fantasie sessuali

La sessualità è un'espressione fondamentale dell'essere umano, è un fenomeno complesso che coinvolge aspetti biologici, sociali e psicologici, oltre che sensazioni ed emozioni.

bacio
Foto di Charry Jin da Pexels

Da un punto di vista biologico, la sessualità si focalizza sugli organi genitali e sulla riproduzione. Aggiungendo però gli altri due aspetti, essa acquisisce un ben altro significato.

L'aspetto sociale della sessualità implica che vi sia un'acquisizione di usanze tipiche di una cultura in un determinato periodo storico. La cultura, la religione e la politica possono influenzare il comportamento sessuale, limitandone o accentuandone determinate caratteristiche soprattutto grazie alla socializzazione. La consapevolezza di sé e dei limiti imposti o meno dalla società possono aiutare la persona a sviluppare una propria identità sessuale diversa dagli altri.

Come cambia il modo di approcciarsi al sesso

L'aspetto psicologico della sessualità comprende pensieri, fantasie e tendenze. Fattori questi ultimi che possono variare nel corso degli anni, soprattutto nella fase dello sviluppo, e che quindi possono cambiare il modo di approcciarsi al sesso e di vivere il piacere.

Infatti la sessualità è legata all'istinto e alla libertà o ai divieti a cui si è stati sottoposti durante il percorso evolutivo. Educazione, sviluppo degli istinti e formazione della personalità sono elementi strettamente correlati. Il fattore relazionale è quindi un elemento fondamentale per la comprensione di sé, delle proprie pulsioni, dei conflitti e desideri interiori per poi collegarli agli aspetti sociali e culturali.

Le radici profonde delle preferenze sessuali

Di conseguenza  il nostro vissuto influenza e condiziona le preferenze e i comportamenti sessuali. In che modo?

Ad esempio, secondo lo psicoterapeuta americano Stanley Siegel (2011), le modalità con cui un adulto vive la propria sessualità sono l'espressione di quanto è stato vissuto durante l'infanzia. L'attrazione verso un determinato tipo di persona e  le preferenze sessuali non sarebbero casuali, ma avrebbero radici profonde nelle esperienze vissute durante l'infanzia, in particolare con la naturale tendenza a trovare espedienti per superare situazioni di conflitto interiore.

Siegel sostiene che, per comprendere meglio le proprie fantasie e preferenze sessuali, è necessario scavare dentro se stessi, nelle proprie emozioni, nei ricordi e nelle sensazioni, così da trovare elementi conflittuali irrisolti legati al desiderio o alla sua mancanza.

Le fantasie sessuali

Partendo da questi aspetti è possibile trovare un collegamento tra le proprie preferenze sessuali ed il proprio vissuto.

Secondo alcuni studi americani sulle fantasie sessuali (Vazzana, La Stampa, 8 settembre 2018), quando si parla di servitù e disciplina, dominio e sottomissione, sadismo e masochismo, la base psicologica per la fantasia dominante è infantile, cioè, ‘prenderò ciò che voglio’. Nella sottomissione, invece, il concetto è che ‘io sono impotente'. In tal senso, per coloro che vivono una vita più rigida e impegnata dettata da appuntamenti cadenzati, l'attrazione di arrendersi a qualcuno in modo sottomesso può sembrare allo stesso tempo rilassante ed eccitante. Al contrario, chi si sente dominato e fagocitato dai ritmi quotidiani può trarre piacere e sentirsi eccitato nel porsi come la figura dominante che ha tutto sotto controllo. 

Una fantasia sessuale molto comune ad esempio è il rapporto a tre. La motivazione psicologica risiede nella scarsità sessuale che molti uomini, e alcune donne, sperimentano. Di conseguenza, la fantasia del menage a trois rimuove ogni sensazione di carenza sostituendola con più persone.

Il bondage e la disciplina implicano che una persona ceda il controllo della situazione ad un'altra. La schiavitù (bondage) comporta restrizioni fisiche come manette, corde, ecc., mentre la disciplina implica restrizioni psicologiche. Secondo questi studiosi la disciplina consiste nel controllare i comportamenti di qualcun altro, che si abbandona completamente nelle mani dell'altra persona, attraverso regole e punizioni.

Tra le fantasie di molti uomini eterosessuali c'è anche il rapporto omosessuale. Molti eterosessuali infatti sono attratti dalla possibilità che il sesso possa essere più intuitivo se praticato con una persona dello stesso sesso. 

Infine, questi studi prendono in considerazione la fantasia di praticare sesso in pubblico. La motivazione risiede nella ricerca del senso dell'avventura e del brivido che si potrebbe vivere nell'atto, avendo aggiunto gli elementi di rischio e paura.