Uova di Pasqua: da Kinder a Lidl, sai davvero cosa c’è dentro?

Uova di Pasqua: da Kinder a Lidl, sai davvero cosa c’è dentro?
Foto di Giftpundits.com da Pexels
di Greenme

Sta per arrivare la Pasqua, una festività che anche quest’anno si presenta difficile, la seconda che passeremo a casa, circondati solo dall’affetto dei famigliari più stretti. Non per questo rinunceremo ad acquistare i prodotti tipici di questo periodo, come le uova di Pasqua, amate da grandi e piccini. Anche per il 2021 le proposte sono moltissime.

In questi giorni nei supermercati troviamo un ampia scelta di uova di Pasqua, adatte a tutti i gusti: al cioccolato a latte, fondente, bianco, gianduia, arricchite con nocciole o altri ingredienti.

Ma come orientarci nella scelta se al gusto vogliamo unire anche una certa qualità?

Come sempre dobbiamo leggere con attenzione etichette e tabella nutrizionale, indicazioni che generalmente troviamo riportate esternamente su quelle alette di carta che circondano l’uovo.

Prestiamo attenzione in particolare a:

quantitativo di cacao che, soprattutto nelle varianti al latte, è basso (si aggira intorno al 30%). 

grasso utilizzato (che dovrebbe essere burro di cacao e non altre tipologie)

quantitativo di zucchero (spesso molto elevato, in alcuni casi oltre il 50% sul totale).

lista degli ingredienti in generale (che dovrebbe essere il più possibile corta)

devono contenere almeno il 45% di sostanza secca totale di cacao (ma meglio se la percentuale è più alta)

almeno il 28% di burro di cacao e non meno del 14% di cacao secco sgrassato.

Le uova al latte, invece:

devono contenere almeno il 25% di sostanza secca totale di cacao

il 14% di sostanza secca totale di origine lattica

il 25% di materie grasse totali

Quando possibile, poi, optiamo per uova di Pasqua provenienti dal commercio equo e solidale. Queste garantiscono un giusto salario ai lavoratori del cacao spesso sfruttati (tra loro anche bambini).

Etichette a confronto

Attenzione anche alle sorprese

Apriamo una piccola parentesi sulle sorprese che si trovano nelle uova di Pasqua, in particolare ci riferiamo a quelle dedicate ai bambini e da loro tanto amate. Sulle etichette possiamo leggere l’età per cui quella sorpresa è indicata. Infatti, proprio come per quanto riguarda i giochi, queste possono contenere piccoli pezzi, pericolosi per i bambini sotto i 3 anni che potrebbero ingerirli.

Ma torniamo ora alla scelta delle uova. Per aiutarvi a fare una spesa più consapevole vi riportiamo etichette e valori nutrizionali di alcune uova di cioccolato tra le più acquistate e note (comprese alcune novità di quest’anno). 

L’alternativa rimane quella di provare ad autoprodurle in casa.

Francesca Biagioli - Greenme.it