Arnica: le tante virtù di un fiore di montagna

Geloni, piccole ustioni, punture di insetti, ematomi, dolori muscolari, reumatismi: alla scoperta benefici della pianta dell’arnica e del suo fiore

Il suo profumo forse non sarà delizioso ma il fiore dell’arnica, una pianta erbacea di montagna, è un concentrato di benefici. Il fiore giallo o arancione, essiccato, è, infatti, ingrediente di preparazioni erboristiche, omeopatiche, fitoterapiche. In commercio l’arnica si trova in crema, pomate, gel, unguenti, olio, granuli, estratto, tintura madre mentre con le foglie e i fiori secchi si possono preparare infusi e decotti per uso esterno. L’arnica è, tuttavia, sconsigliata in gravidanza, durante l’allattamento o in caso di allergia o ipersensibilità.

ARMA CONTRO GELONI, USTIONI, INSETTI

In inverno, quando freddo e aria secca possono causare i geloni, scatenando arrossamenti, gonfiori, prurito, dolore, l’arnica è il classico rimedio per contrastarli. Basta, infatti, un velo di gel o pomata per provare sollievo – senza dimenticare che contro i geloni è importante non esporre la cute, in particolare se bagnata, al vento o alle basse temperature, mentre un aiuto sono abbigliamento, scarpe e accessori, in particolare guanti, capaci di proteggere la pelle, riscaldandola e tenendola al riparo dall’umidità.

Grazie alle sue proprietà lenitive l’arnica è indicata anche contro piccoli ustioni e  punture di insetti, aiutando, in questo caso, ad alleviare gonfiore, dolore, prurito. Non va, invece, usata in presenza di tagli, ferite, escoriazioni, ciò che potrebbe causare irritazioni.

UN AIUTO PER CHI FA SPORT

Le sue proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche, antiecchimotiche fanno dell’arnica un ottimo rimedio contro ematomi, contusioni, distorsioni, gonfiori, strappi muscolari, slogature, crampi, tensioni, dolori reumatici, alopecia, parotite, dolori influenzali, problemi delle articolazioni, mal di schiena. Nel mondo del wellness è, ad esempio, utilizzato il burro di arnica per massaggi decontratturanti, mentre il suo olio insieme a quello di iperico è impiegato in massaggi per rinforzare articolazioni e muscoli stanchi, nonché per ridurre lo stress ed eliminare le tensioni. Né è un caso che l’arnica sia usata dagli sportivi per riscaldare i muscoli, prevenendo, così gli strappi, e dopo ogni attività per alleviare i dolori muscolari e prevenire le contratture. Pensando proprio a chi ama lo sport o in genere l’attività fisica alcune spa utilizzano un bagno all’olio fossile, ricavato da una pietra del Tirolo, abbinato a un massaggio all’arnica proprio per distendere le tensioni muscolari e curare i dolori articolari.

INFORTUNI DOMESTICI

L’arnica è considerata, insieme ad altre, l’erba degli infortuni domestici. La Antica Farmacia Sant’Anna dei Frati Carmelitani Scalzi di Genova la consiglia, ad esempio, insieme al prezzemolo in caso di cadute o contusioni. Nel caso dell’arnica applicando due o tre volte al giorno sulla pelle integra una pomata o “una pezzuola imbevuta di tintura”, mentre con il prezzemolo si può tamponare la zona dolorante grazie a un cataplasma.

Per la preparazione del cataplasma far bollire, secondo la ricetta dell’antica farmacia genovese, un “pugno abbondante” di prezzemolo in uno o due bicchieri di aceto. Subito dopo colare le foglie, applicandole, una volta raffreddate, sulla zona contusa, ripetendo più volte l’applicazione.

ABBIAMO PARLATO DI

Antica Farmacia Sant’Anna dei Frati Carmelitani Scalzi Website | Twitter | Facebook | Instagram | Pinterest | YouTube