Il beauty case per l'estate: oltre ai filtri solari via libera a linfe e spray idratanti, mist e gel umettanti

Gocce idratanti e linfa al posto della crema, toner purificanti, gel micellari e mist per la pulizia. Umettanti e acque per fare fronte al calore estivo

Foto Ansa
Foto Ansa
TiscaliNews

Addio creme da giorno e da notte, dimenticate tutto quello che avete imparato sulla cura della pelle quotidiana perché ormai, complice l’arrivo della stagione calda, lao skincare va rivoluzionato esattamente come si fa con il guardaroba ad ogni cambio di stagione. È ora di sostituire i cosmetici nei beauty case con prodotto leggeri, adatti alla bella stagione ma non per questo meno performanti, anzi. La beauty routine cambia, diventa light nella consistenza ma con la missione di idratare la pelle sottoposta a raggi solari più intensi.

Stop al retinolo e alle creme grasse

Non ci sono solo le alte temperature, il sole che picchia e le ore passate (finalmente) all’aria aperta, c’è da pensare pure alle ore passate al chiuso in ambienti con l’aria condizionata. Quindi non vanno aggiunti solo i prodotti dotati di filtri solari, seppure indispensabili per proteggere la pelle dai danni che i raggi ultravioletti provocano (più rughe, macchie e aumento del rischio di incorrere nei tumori cutanei da sole). Con il sole sono da evitare i sieri al retinolo e ad azione esfoliante profonda e le creme burrose e grasse che rendono la pelle lucida.

Detergere senza stressare

La skincare primaverile ed estiva può inoltre diventare più efficace se è in grado di detergere purificando la pelle da residui ed impurità senza stressarla, compensare la disidratazione spiccata stagionale senza occludere la pelle, restituire acqua, proteggere senza lasciare residui o untuosità, oltre che prevenire e rallentare le ossidazioni cutanee provocate dal sole e dall’inquinamento.

Antiossidanti, umettanti e idratanti

Promosso dai ricercatori i principi attivi e l’uso di schermi solari. “I filtri solari sono solo una parte delle regole di cura della pelle, - ha sottolineato recentemente su Cosmetic & Toiletries, nella sezione dedicata alle nuove formulazioni, Thomas Meyer, Ph.D fra i più rinomati studiosi americani di raggi ultravioletti, antiossidanti e suncare. - Per essere completa la routine di bellezza quotidiana deve includere un regime proattivo di skincare. Le ultime ricerche associano il calo dell’idratazione con un incremento di citochine pro-infiammatorie indicando che l’applicazione quotidiana di un idratante topico efficace potrebbe aiutare a mitigarne lo sviluppo di segnali associati all’invecchiamento mediato dalle citochine e dall’ossidazione dovuta ai raggi solari, all’inquinamento, al fumo. Oltre il 50% dello sviluppo di radicali liberi a causa dei raggi solai non può essere prevenuto con i filtri solari ma con l’aggiunta di antiossidanti e idratanti che legano l’acqua, i cosiddetti umettanti, oltre a polimeri che rallentano la perdita di acqua dalla pelle e i lipidi che riparano la barriera. Così la quotidiana routine di cura della pelle diventa proattiva in previsione dell’estate”.

Cosa mettere nel beauty case

Le creme idratanti dense e ‘pesanti’ lasciano il posto a gel ‘umettanti’ che trattengono l’acqua nell’epidermide anche con nuovi sistemi a rilascio che prima non esistevano e che puntano a ‘bombardare’ la cute di acqua termale, vulcanica o di montagna per mantenerla più umida. Nuovi, ancora, i fluidi in gel ad ‘effetto linfa’ per una texture fluida ma non appiccicosa e ad assorbimento rapido. Innovativi anche gli idratanti in spray, leggeri e rinfrescanti e le acque e i gel micellari.

Tonici estivi

Infine le ‘mist’, il top dell’idratazione delle donne coreane, che sono ritenuti i tonici estivi per eccellenza dalle adolescenti e dalle signore più attente alla cura della pelle. Rivalutata, inoltre, la glicerina che ha origine naturale, usata al posto del silicone ‘occlusivo’ nelle formule di sieri e creme. Tra i nuovi prodotti emergenti, ci sono le ‘water cream’ con probiotici per attenuare gli arrossamenti da calore o raggi uv e contrastare il fotoinvecchiamento. L’importante è che siano lenitive idratanti ma con una texture morbida e leggera, ideale per il caldo. Largo poi alle versioni rivitalizzanti arricchite da Vitamina C, E e un complesso potente di acidi ialuronici di 4 diversi tipi che, insieme, aumentano la densità dell’idratazione cutanea. Alcune hanno una texture ‘water drop’ esplodendo sulla pelle in microgocce al momento dell’applicazione.