La beauty routine non si ferma in vacanza: i gesti indispensabili per non trovarsi unte e piene di macchie

Meglio preferire mist e texture leggere come quelle dei gel. La sera può andare bene anche il siero al posto della solita crema nutriente

Foto ansa-i-stock
Foto ansa-i-stock
TiscaliNews

Il rituale che ci accompagna nella cura del viso è importante che non cambi in vacanza anche se in estate bisogna rimodulare i trattamenti alla luce del gran caldo. "D'estate tendiamo a curare meno il viso - dice Annaluisa Corvaglia, estetista, con canale youtube, blog e Istagram, operatrice nella urban spa dell'hotel Eden di Roma (Dorchester Collection) - invece al contrario dovrebbe essere curato di più. Essendo più esposti al sole, al calore, all' aria condizionata, la pelle è fortemente stressata e c'è un'alta produzione di sebo in più, infatti la sentiamo e la vediamo più oleosa e aumentano anche i pori dilatati. Pensiamo che il sole migliori tutto, ma sul viso non vale la regola. Lo vediamo al ritorno dalle vacanze quando troviamo macchie dovute al sole, impurità e brufoletti. Fondamentale intanto per la salute della pelle è avere esposizione al sole nelle ore giuste ed usare massima protezione solare altrimenti la pelle si inspessisce, il sebo rimane intrappolato e arrivano i fastidiosi brufoletti".

I consigli

La beauty routine in vacanza prevede sempre la detersione mattina e sera. "D'estate non consiglio di usare il latte detergente né olio ma una formula leggera lavante in gel così la pelle resta bella pulita. Poi il tonico idratante: mist rinfrescanti, acque termali, essenze alla malva e alla rosa, da spruzzare sul viso e si possono portare anche al mare, per mantenere una bella idratazione. Poi, avendo fatto per tempo il cambio di guardaroba anche alla crema, mettiamo una crema in texture light lasciando per l'autunno e l'inverno quelle più corpose. D'estate non vanno bene avendo formulazioni non compatibili con le alte temperature. Crema light non vuol dire mettere di meno una crema corposa ma scegliere tra le tante proposte le lozioni leggere o i gel con ottimi ingredienti dentro. Poi sopra indispensabile la protezione solare. Di sera dopo detersione e tonico usare prima della crema light un siero".

Largo a sieri e vitamina C

Corvaglia consiglia un siero a base di acido jaluronico super idratante oppure con vitamina C che "se abbiamo usato correttamente la protezione solare può essere usata tranquillamente: combatte radicali liberi, illumina e schiarisce proteggendo dalla formazione delle macchie. Altri sieri ottimi sono i probiotici. Prendersi cura più del dovuto significa anche fare uno scrub a settimana e una meglio due maschere, ad esempio all'argilla che vanno a riequilibrare il ph della pelle, togliendo il sebo in eccesso. Se poi vogliamo avere un make up leggero, per dare uniformità alla pelle, basta un poco di fondotinta da usare mescolandolo alla crema leggera e tamponando poi sopra con una spugnetta la protezione solare che va a schermare il tutto".

I trattamenti più profondi

Questo per le vacanze, in città prima e dopo i bagni di sole e mare, ci sono trattamenti specifici da fare in istituto o in urban spa. Tra i vari rituali viso e corpo ci sono anche speciali macchine come quella per ossigeno che favorisce la rivitalizzazione delle cellule favorendo la rigenerazione naturale, l'importantissima microdermoabrasione per rimuovere delicatamente le cellule morte della pelle sullo strato superiore, restituendo una texture liscia e impeccabile e la terapia al led, per fototerapia a raggi privi di UV, che stimolano le cellule e la produzione naturale di collagene ed elastina, riducendo al contempo l’infiammazione, accelerando la guarigione, aumentando la circolazione e distruggendo i batteri dell’acne.