Bellezza uguale eccessiva magrezza? Il contributo del web all’idealizzazione di questo pericoloso binomio

Bellezza uguale eccessiva magrezza? Il contributo del web all’idealizzazione di questo pericoloso binomio

 Oggi più che mai siamo soggetti ad icone di magrezza, in cui donne dall’aspetto quasi irreale, ci mostrano fisici tonici e snelli, anche dopo qualche giorno dal parto, che tutte vorrebbero avere. Di recente abbiamo avuto l’esempio della Canalis, prima di lei Belen Rodriguez, che si sono fatte immortalare con fisici perfetti a pochi giorni dal parto. Immagini che portano a chiedersi quale sia il confine tra una natura eccessivamente generosa, foto shop e la ricerca assidua della forma perfetta?

Il problema nasce nel momento in cui per forma perfetta intendiamo una magrezza eccessiva, è infatti inevitabile notare come tante donne, più o meno consapevolmente, sul web trasmettano questo genere di messaggio.

Pensiamo ad esempio alle fashion blogger che aggiornano quotidianamente, o quasi, diari online su tematiche legate alla moda. Esse stesse si propongono come icone di stile che trovano riscontro nei vari likes o followers mediatici.  Sono eclatanti i casi delle due famose italiane Chiara Ferragni e Chiara Biasi per le quali pare che il successo sia aumentato di pari passo con la loro magrezza, o viceversa. I loro corpi troppo magri ad alcuni hanno scatenato atteggiamenti di rifiuto e pena perché definiti non sani, ad altri invece di imitazione, di desiderio di essere come loro, quindi immagino di  adozione di tentativi per somigliare il più possibile a queste esili figure. Certo, esistono donne esili in modo naturale, così come esistono le curvy, dice difendendosi una delle protagoniste della vicenda, ma quante donne riescono ad essere oggettive in tal senso?

Volente o nolente, esporsi sul web porta a delle conseguenze. Siamo nell’era dell’immagine e del consumismo e non tutti sono in grado di avere consapevolezza delle influenze a cui quotidianamente veniamo sottoposti e nemmeno chi si espone in prima linea le riconosce del tutto.

Da un lato il web ha permesso a tutti di poter dire la propria e questo è sicuramente un vantaggio. Il rovescio della medaglia è che può esser trasmesso di tutto senza filtri adeguati. In un contesto tale diventa ancor più rischiosa la promozione della eccessiva magrezza, sia per chi la rappresenta sia per chi l’adotta come modello di riferimento. Soprattutto per alcune categorie a rischio come le adolescenti, in quanto si trovano già in una fase della sviluppo delicata che non da pienamente loro le competenze per discernere tra uno stile di vita sano o meno.

Il messaggio che viene dato loro è che la bellezza corrisponde alla magrezza. Spesso un’estrema magrezza che va a stonare con le protesi di seni perfettamente tondi e alti incorniciati dalla visione di costole in evidenza e visi emaciati, se non rifatti anch’essi, in donne nemmeno trentenni. Risultati che dalla maggior parte vengono raggiunti con duri sacrifici e rinunce. Allenamenti intensivi fatti con il solo scopo di dimagrire,  l’imposizione di regimi dietetici troppo duri e spesso fai da te, l’uso di altri mezzi inadeguati per controllare il peso come il vomito autoindotto, l'assunzione di lassativi, diuretici, o altri farmaci. Non tutte hanno a disposizione una natura generosa, personal trainer o dietologi esperti da cui farsi seguire quotidianamente. Si possono instaurare quindi pericolosi meccanismi, simili alle dipendenze da droghe che possono portare a veri e propri disturbi dell’alimentazione.

Ci troviamo di fronte ad un fenomeno in continua espansione in cui si da più peso al senso estetico dettato da un’eccessiva magrezza, che al benessere fisico e psichico globale. Il rischio è di finire per stare sempre a dieta ma senza vedere i risultati sulla bilancia o di perdere peso in modo eccessivo con gravi conseguenze sulla psiche e sull’organismo. In entrambi i casi si sviluppano un'alterata percezione del peso e della propria immagine corporea.

Ovviamente non tutte le persone che iniziano una dieta vanno incontro ad un disturbo alimentare, ma l’idealizzazione della magrezza porta a gravi conseguenze, soprattutto se accompagnata ad altri fattori come i cambiamenti fisici dell’adolescenza, tratti di personalità caratterizzati dal perfezionismo, ossessività, ansia, depressione e presenza di un modesto sovrappeso. Se poi viene rappresentata e promossa da donne che hanno una certa visibilità il fenomeno diventa sempre più contagioso.

Per prevenirli, sarebbe bene divulgare un’educazione alimentare fin dalla tenera età e sfatare i miti basati sul binomio bellezza - solo magrezza. E’ quindi importante sia essere consapevoli del messaggio che si riceve, ma anche di quello che si da, perché può arrivare a chiunque e non tutti gli occhi che lo osservano vengono influenzati positivamente. Ed è altresì importante chiedersi il motivo per cui bisogna essere sempre più magre per sentirci più a nostro agio. Siamo sicure che la bellezza debba corrispondere solo ad un’eccessiva magrezza? Io dico di no.