Milleunadonna

Dieta d’autunno: i cibi amici che aiutano a dimagrire mangiando

Questa stagione offre numerosi vegetali che aiutano a perdere i chili in più senza patire la fame o sacrificare il gusto. Funghi, castagne, mele, pere, uva e zucca, ma anche cavoli e verza sono perfetti per dimagrire

Dieta d’autunno: i cibi amici che aiutano a dimagrire mangiando

È il momento giusto per iniziare la dieta. L’autunno offre numerosi vegetali di stagione che aiutano a perdere i chili in più senza patire la fame o sacrificare il gusto. Funghi, castagne, mele, pere, uva e zucca sono il simbolo delle tavole di questo periodo dell’anno e nello stesso tempo sono perfetti per dimagrire.

L’irrinunciabile uva

Che sia nera, bianca o rossa l’uva è un concentrato di benefici per l’organismo, oltre a essere molto gustosa. Ha circa 61 calorie per 100 grammi, ma per non rinunciarci basta stare attenti alle porzioni e alle frequenze settimanali che devono essere più ridotte rispetto agli altri frutti. Di contro, ha un alto contenuto di acqua (circa l’80%) e un discreto contenuto di fibra, il che aiuta a purificare il fegato e l’intestino e di conseguenza contribuisce anche a contrastare la stipsi. Tra le sostanze più importanti contenute nell’uva, soprattutto in quella nera, spiccano i polifenoli, degli antiossidanti molto efficaci nel combattere i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare. Inoltre, ha un alto contenuto di quercetina, altro antiossidante naturale appartenente alla famiglia dei flavonoidi, che ha un’azione antifatica ed energizzante, che magari ci aiuta a non boicottare l’attività fisica.

 

Mele e pere

Le mele sono ricche di fibre e di acqua e povere di calorie è formata all’incirca per il 4% di proteine, per il 2% di lipidi e per il 94% di carboidrati. Questo frutto è un alleato dell’intestino, del cervello, del cuore e dei polmoni, aiuta a tenere sotto controllo il livello di glicemia nel sangue, stimolare l’intestino pigro, protegge la salute dei denti grazie al contenuto di fluoro e ha un effetto tonificante per la pelle. Inoltre, la mela è priva di colesterolo e povera di sodio.
Le pere sono note per la loro digeribilità, per il buon apporto di fibre e sono consigliate in caso di problemi di digestione, spasmi, coliche, costipazione, diarrea, nausea, problemi al fegato, febbre e ritenzione idrica.
Contengono l’85% di acqua, il 9% di zuccheri, fibre, potassio, vitamine e flavonoidi. Dulcis in fundo, cento grammi di pera apportano solo 35 calorie.

Funghi e castagne

I funghi aiutano a favorire la diuresi. L’importante è cucinali in modo dietetico, magari sulla piastra oppure in padella con un filo di olio extravergine, poca acqua e un trito di aglio ed erbe aromatiche, per approfittare delle tante proprietà che possiedono: vitamine del gruppo B, carboidrati, tanti sali minerali, proteine vegetali e antiossidanti. Sono buoni e hanno solo 20 calorie per 100 grammi, un consistente apporto di fibre e un alto contenuto proteico.
Altro must dell’autunno sono le castagne. Mangiate fresche, secche, bollite o arrostite sono una fonte importante delle principali vitamine del gruppo B, necessarie per il metabolismo e la produzione di energia. Sono ricche di fibre che contribuiscono al senso di sazietà, quindi l’ideale per chi sta seguendo una dieta ipocalorica così da non eccedere con le quantità.

Zucca

La zucca è la regina della stagione: povera di zuccheri, ma ricca di acqua, vitamine A ed E, beta-carotene e tanti minerali. È molto gustosa nonché versatile per preparare primi piatti, vellutate, contorni e torte salate, mentre i suoi semi sono uno stuzzicante snack spezza fame. Nonostante il sapore molto dolce, la zucca è un alimento valido nelle diete ipocaloriche grazie al bassissimo contenuto sia glucidico che lipidico: 100 grammi di apportano soltanto 26 calorie circa.

 

Cibi a calorie negative

L’autunno contribuisce al successo delle diete anche grazie ai cibi a calorie negative, alimenti che per consumarli richiedono più calorie di quante ne forniscono. Tra questi spiccano i cavoli, la verza, i cavolfiori e i broccoli, che cotti al vapore non arrivano 25 calorie per 100 grammi. Il consumo di cavoli e verza contribuisce a proteggere la salute cardiovascolare, grazie al contenuto di potassio e di vitamina K e di molecole che aiutano a combattere l’aterosclerosi. Fra queste ultime sono inclusi numerosi antiossidanti, con una funzione protettiva della vista e della pelle. Questi ortaggi sono anche fonti di vitamine del gruppo B importanti per un buon metabolismo.
I broccoli sono invece ricchi di vitamina C che supporta il sistema immunitario, di vitamina A importante per la salute della pelle, delle mucose e della vista e di potassio che favorisce la salute cardiovascolare, mentre il calcio e il fosforo proteggono la salute di ossa e denti.
Il cavolfiore è ricchissimo di vitamine K, D e B, proprietà antiossidanti e fibre, favoriscono il transito intestinale favorendo quindi un addome piatto.