Spiegato il motivo per cui dopo la fine della dieta si riprendono subito i chili persi: colpa degli ormoni

Il meccanismo sembra essere un retaggio evolutivo dei tempi primordiali, in cui la perdita di peso poteva minacciare la sopravvivenza e la riproduzione

Foto Ansa
Foto Ansa
TiscaliNews

Come sa chiunque si sottoponga a una seria dieta dimagrante, la parte più difficile è non riguadagnare dopo qualche tempo il peso faticosamente eliminato. Uno studio australiano ha dimostrato che anche un anno dopo che la persona si è liberata di una buona parte di peso, sono i suoi ormoni a gridare: mangia, mangia! Lo studio condotto dal docente di medicina dell'Università di Melbourne, Joseph Proietto, indica che chi riguadagna peso dopo una dieta non è semplicemente scivolato nelle vecchie abitudini, ma combatte un persistente impulso biologico. Un messaggio chiave dello studio è che è sempre meglio non aumentare di peso che cercare di perderlo, scrive Proietto sul New England Journal of Medicine.

Dieta di mantenimento

Il ritorno a un aumento di peso è infatti un problema comune fra chi si sottopone a dieta. Per studiare il meccanismo, Proietto e i colleghi hanno studiato 50 pazienti in sovrappeso o obesi in un programma di dieta di 10 settimane, per vedere cosa avviene in chi perde almeno il 10% del peso corporeo, un target conseguito da 34 delle 50 persone. Il programma era intenso e in media i partecipanti hanno perso quasi 13,6 kg nelle 10 settimane, assumendo da 500 a 550 calorie al giorno. Poi per due settimane sono stati gradualmente reintrodotti a pasti ordinari. Nonostante le raccomandazioni su come mantenere il nuovo peso, in un anno hanno riguadagnato in media 5,4 chili.

Colpa degli ormoni

Gli studiosi hanno misurato i livelli sanguigni di 9 ormoni che influenzano l'appetito paragonandoli fra prima del programma dimagrante e un anno dopo. Sei ormoni erano ancora fuori equilibrio, nella direzione che genera appetito. E' anche emerso che le persone che perdono molto peso non solo sviluppano più appetito ma bruciano meno calorie del normale creando ''una perfetta combinazione per riprendere peso'', spiega Proietti. Il meccanismo sembra essere un retaggio evolutivo dei tempi primordiali, in cui la perdita di peso poteva minacciare la sopravvivenza e la riproduzione, aggiunge.