Giornata mondiale del cioccolato. Perché è un alleato di longevità e salute: proprietà e i benefici dell’ oro nero dei Maya

Troppo spesso demonizzato, in realtà, il cioccolato può essere un toccasana. Vediamo quale scegliere e quali sono i valori nutrizionali

Giornata mondiale del cioccolato Perché è un alleato di longevità e salute proprietà e i benefici dell oro nero dei Maya
di Redazione
leggi più veloce

Leggi più veloce

Il cioccolato è uno di quei cibi che riesce a mettere tutti d’accordo. E proprio a questa speciale golosità è dedicata persino una giornata mondiale, che ricade proprio oggi, il 7 luglio. Molti i benefici per la salute legati al suo consumo, nello specifico nella forma fondente, che contiene in proporzione meno zuccheri. Secondo uno pubblicato nel 2021 sulle pagine della rivista Food and Chemical Toxicology il consumo dell’“oro nero” dei Maya, nella sua variante extra fondente, sarebbe persino in grado di proteggere la pelle dagli effetti dannosi dei raggi solari. Tutto ciò grazie alla presenza di flavonoli, che contribuiscono ad alzare la soglia minima di dose eritemica (MED), ossia la quantità minima di raggi UVB necessaria per causare arrossamento della pelle 24 ore dopo l'esposizione.

In generale i composti bioattivi presenti nel cioccolato fondente possono anche essere ottimi per la pelle. I flavonoli possono proteggere dai danni del sole, migliorare il flusso sanguigno e aumentare la densità e l'idratazione della pelle stessa. E i flavonoli sembrano coinvolti anche nel miglioramento delle funzioni cognitive, e ciò avviene a tutte le età. Anche in questo caso il consumo di cioccolato aumenta il flusso di sangue al cervello, e la presenza di teobromina e caffeina, sostanze stimolanti, migliorano nel breve termine la funzione cerebrale.
Nel corso del tempo, numerosi studi hanno inoltre dimostrato che il consumo di cacao o cioccolato può abbassare la pressione sanguigna e migliorare la salute cardiovascolare. I flavonoidi nel cioccolato fondente possono stimolare l'endotelio, il rivestimento delle arterie, a produrre ossido nitrico, che ha tra le funzioni quella di inviare segnali alle arterie perché si 'rilassino', il che abbassa la resistenza al flusso sanguigno e quindi riduce la pressione sanguigna (anche se gli effetti sono comunque lievi).
Proprietà e benefici del cioccolato
Oltre che gustoso e apprezzato anche dai più piccoli, il cioccolato presenta numerosi vantaggi per salute. Tra questi vanno segnalati:
 
•    E’ ricco di minerali come magnesio, ferro e manganese
•    È ricco di antiossidanti
•    Migliora la circolazione e la pressione sanguigna
•    Migliora i livelli di colesterolo buono e cattivo
•    Riduce il rischio cardiovascolare
•    Favorisce le funzioni cognitive

Valori nutrizionali del cioccolato

Una tavoletta da 100 grammi di cioccolato fondente apporta:

  • 515 kcal
  • Proteine 6,6 grammi
  • Lipidi 33,6 grammi
  • Grassi saturi 20,6 grammi
  • Carboidrati 49,7 grammi
  • Zuccheri 49,7 grammi

Esagerare nei consumi espone a rischi

E’ risaputo che un eccesso cronico di energia alimentare sia associato all'insorgenza di sovrappeso che, a seconda dell’importanza, espone a una moltitudine di problemi quali:

  • Ipercolesterolemia
  • Ipertensione
  • Iperglicemia e diabete mellito tipo 2
  • Ipertrigliceridemia
  • Iperuricemia e gotta
  • Infiammazione sistemica, rischio di aterosclerosi, coagulopatie, infarto e ictus
  • Patologie autoimmuni 
  • Disordini gastro-intestinali
  • Steatosi grassa epatica
  • Litiasi biliare
  • Patologie articolari

Il cioccolato bianco (come anche quello al latto) non è certamente meno “problematico”, anzi. Il suo potere calorico risulta essere in media del 10/15 per cento superiore a quello fondente. Inoltre contiene piccole quantità di colesterolo, assente nel fondente e nell’extra fondente. Nel consumo di cioccolato serve quindi molta moderazione, tenuto conto che è molto calorico, contiene comunque zuccheri anche nella forma fondente ed è facile mangiarne più di quanto si dovrebbe. Una porzione standard di cioccolato non dovrebbe superare i 30 grammi. Superando tale soglia si rischiano stati di ansia e agitazione, disturbi gastrointestinali, accelerazione del battito cardiaco e, sul lungo periodo, aumento del peso.

07/07/2023