Milleunadonna

Anti-calcare, sgrassatore, smacchiatore: i mille usi dell’Aceto. Ma attenzione a cosa NON pulire mai

Può essere usato nelle pulizie, come anti-calcare o sgrassatore, ma anche come smacchiatore e ravviva colore. Ma attenzione, perché l’acido acetico a lungo andare potrebbe danneggiare e corrodere certe superfici

Foto Shutterstock
Foto Shutterstock

Usare un prodotto atossico dalle proprietà sgrassanti, igienizzanti, antibatteriche e detergenti, in più doppio “eco”, cioè ecologico ed economico, è una vittoria su tanti fronti e oggi vi spiegherò in dettaglio come utilizzarlo, ma anche quando è meglio farne a meno! Parlo dell’aceto bianco, chiamato anche aceto di alcool che poi non è altro che un mix di acqua e acido acetico (ottenuto dalla doppia fermentazione di barbabietola da zucchero, malto, riso o frutta). L’aceto di vino bianco che usiamo per le nostre insalate, può essere usato nelle pulizie, infatti viene ottenuto dalla fermentazione acetica del vino ed è un’ottima alternativa a quello di alcool.

Anti calcare

Vista la sua naturale acidità, l’aceto e’ perfetto per debellare quelle antipatiche macchie di calcare che si depositano sulle nostre rubinetterie. Se il soffione della doccia vi appare sporco o addirittura i buchini risultano otturati, basta porlo dentro un sacchetto di plastica con dell’aceto per una notte intera. L’aceto scioglierà il calcare e basterà passare una spugna abrasiva o uno spazzolino per rimuovere eventuali residui. Io lo uso anche nel lavello di acciaio, sul piano cottura, sulla cappa della cucina e cosi via, perché oltre a sgrassare, lucida senza lasciare aloni, basta solo aver l’accortezza di asciugare bene con un panno di microfibra.

Sgrassatore

Quante volte ci accorgiamo che le ante e maniglie dei mobili della nostra cucina sono appiccicosi e in controluce notiamo le impronte affisse proprio in quella zona di maggior traffico? Bene, basterà solo un po’ di acqua ed aceto per far tornare puliti e sgrassati i nostri amati mobili.

Lo stesso sistema, acqua ed aceto vale anche per i vetri, e chi ha bimbi piccoli o animali domestici, sa cosa vuol dire cercare di pulire ditate sulle porte finestre o i segni che lasciano, soprattutto i cani che si spiaccicano con il musetto contro il vetro.

Un metodo facile per pulire le cornice e vetri delle nostre foto, e’ anche quello di passare uno straccio bagnato con acqua ed aceto.

Detergente

Pulire i pavimenti con acqua ed aceto, è forse uno degli usi più comuni, infatti esso possiede una natura detergente adatta anche a lavare i pavimenti di legno, evitando la formazione di quell’accumulo e residui che lasciano, nel tempo, i detersivi per pavimenti in commercio.

Certo è che l’aceto al primo impatto, usato su grandi superfici, quali i pavimenti, non lascia un profumo gradevolissimo, come i profumati detersivi, però vi garantisco che quel forte odore di acido, viene dissipato quasi immediatamente e la pulizia sarà veramente più profonda ed accurata. Poi basterà accendere una candela profumata per 10 minuti, e la nostra casa profumerà di pulito o usare la soluzione aceto infuso agli agrumi (vedi ricetta sotto).

Smacchiatore e ravviva colore

Proprio cosi: l’aceto oltre a smacchiare i capi, possiede anche la proprietà di ammorbidire e ravvivare i colori dei capi colorati.

Vi siete macchiati la maglietta bianca con il caffe? No problem, basta coprire la macchia con l’aceto, sfregare un pochino e mettere al lavaggio come di consueto.

Cosa non pulire con l’aceto

L’acido acetico, contenuto nell’aceto, a lungo andare potrebbe danneggiare e addirittura corrodere certe superfici, quali: marmo e pietra naturale; gli schermi dei PC o della TV o dei cellulari, certi metalli che a contatto con l’aceto potrebbero rilasciare nichel  o potrebbero corrodersi facilmente.

Orange vinegar spray cleanser

Ovvero, ricetta per una soluzione detergente e sgrassante fai-da-te, al profumo di agrumi. Sappiamo bene che la buccia degli agrumi contiene degli oli che immersi in una soluzione acida ed alcolica, sprigionano i cosi detti oli essenziali del fiore o frutto in questione. per cui ecco qui una profumatissima formula eco chic:

- 1 vaso di vetro grande
- buccie di arancie o limoni
- aceto bianco
- spruzzino

Immergere le bucce di agrumi dentro il barattolo e riempirlo di aceto.

Lasciare infondere per circa 1 settimana. Travasare il composto, attraverso un colino, dentro uno spruzzino ed aggiungere un po’ di acqua per diluire quanto basta, il composto.

Usare su mobili e superfici della cucina, lavelli, piccoli elettrodomestici. L’aceto detergerà’ e gli oli essenziali degli agrumi impartiranno una lucidatura naturale e profumata.

Buone pulizie a tutti.