Milleunadonna

Le migliori piante da coltivare per allontanare mosche, moscerini e zanzare

Un aiuto concreto, naturale e sostenibile nella lotta ai fastidiosi insetti che in estate ci rovinano i momenti di svago e relax

Le migliori piante da coltivare per allontanare mosche, moscerini e zanzare

Fiori, foglie e piante ci vengono in aiuto per tenere lontani alcuni insetti fastidiosi, che durante la bella stagione mettono a dura prova la nostra pazienza sia dentro sia fuori le mura domestiche. Il ronzio di zanzare e mosche è molesto per tutti, lo svolazzare di moscerini e falene altrettanto, allora è bene darsi al giardinaggio per tenere su davanzali, banconi, terrazze e stanze della casa specie floreali dalle proprietà repellenti per gli insetti, ma gradite a noi.

Lavanda

Non solo profuma biancheria. La lavanda, pianta comune nei Paesi mediterranei, è un’ottima alleata per allontanare le zanzare, le falene e le mosche. Il merito va al profumo che sprigionano i suoi fiori da giugno a settembre, particolarmente sgradito agli insetti. Si può coltivare sia in vaso, dentro e fuori casa, sia in giardino sia a pieno campo senza difficoltà: basta posizionarla in una zona molto soleggiata e annaffiarla con regolarità evitando i ristagni d’acqua. Per potenziare l’effetto repellente possiamo ricorrere anche dei mazzi di fiori secchi di lavanda in corrispondenza di porte e finestre.

Erba gatta

Il nome scientifico è Nepeta cataria ed è una pianta con dei piccoli cespugli formati da tanti germogli con foglioline a strisce verdi. Oltre a piacere molto ai gatti che ne vanno ghiotti, da qui erba gatta, contiene nelle foglie, nei fusti e nelle radici una sostanza repellente per gli insetti. In uno studio della Northwestern University di Evanston, nell’Illinois, i ricercatori hanno esposto zanzare e moscerini della frutta all’erba gatta e hanno osservato che questi ultimi avevano meno probabilità di deporre le uova sul lato di una capsula trattata con erba gatta o il suo componente attivo, il nepetalattone. Le zanzare, invece, avevano anche meno probabilità di prelevare sangue da una mano umana ricoperta di erba gatta.
Come coltivare questa fantastica pianta? Scegliendo un terriccio soffice, disponendola in luoghi luminosi o a mezz’ombra e innaffiandola tutti i giorni con moderazione.

Lantana

Colorata, facile da coltivare e dalle generose fioriture la lantana allontana gli insetti grazie l’odore pungente delle sue foglie, di contro è molto amata dalle farfalle. Altra buona notizia è che è una pianta resistente, che cresce con facilità sia in vaso sia nella terra. I fiori sono caratterizzati da colori che virano dal giallo all’arancio, con varietà anche rosa, lilla o bianco e con fiorellini che hanno la capacità di cambiare colore con il passare del tempo.
Dove posizionare la lantana? In posizioni soleggiate e attenzione a evitare i ristagni d’acqua.

Calendula

La calendula è coltivata come pianta ornamentale vista la bellezza dei suoi fiori, ma anche per le proprietà fitoterapiche antinfiammatorie e antibatteriche. Ha dalla sua anche un altro vantaggio: ha un odore sgradito alle zanzare, grazie a una sostanza chiamata piretro. Questa una pianta è davvero molto semplice da coltivare, ama un’esposizione soleggiata e richiede un terreno fertile e ben drenato.

Geranio

Fra le piante sgradite a gran parte degli insetti, incluse le falene, ci sono i gerani introdotti in Europa all’inizio del 1600. Fra le numerose specie esistenti il tipo più indicato è il Pelargonium odoratissimum, conosciuto comunemente come geranio odoroso, che ha foglie capaci di emanare un aroma molto pungente e quindi ha un elevato potere repellente. Simili in efficacia il geranio imperiale o Pelargonium grandiflorum, il geranio zonale e il geranio edera o Pelargonium peltatum.
La coltivazione di queste piante non richiede particolari attenzioni: devono ricevere molta luce e durante i mesi più freddi i non devono essere tenute in luoghi con temperature al di sotto dei 10 gradi.

Citronella

La citronella è una pianta di un colore verde intenso che diffonde un piacevole profumo agrumato, insopportabile per le zanzare, non a caso è una delle più gettonate piante antizanzare in circolazione.
ama i terreni umidi, ma non i ristagni idrici, e va regolarmente annaffiata. Per il resto non richiede particolari cure, quindi è bene averla a casa se si vuole vincere la lotta contro gli insetti molesti.

Verbena odorosa

La verbena odorosa ha piccoli fiori bianco-violacei ed emana un profumo simile al limone che gli insetti non amano quindi ne stanno alla larga.
Questa pianta cresce bene in posti dal clima caldo e temperato e in terreni umidi, leggeri e ben soleggiati. Non sopporta il freddo e durante l’inverno va spostata all’interno o coperta se si coltiva in giardino. La verbena odorosa può essere coltivata sia in vaso che in giardino.  Se fatta essiccare e riposta come la lavanda all’interno degli armadi, si rivela anche un efficace antitarme naturale.

Basilico e menta

Il basilico è una pianta aromatica dal profumo e dal sapore inebriante per gli uomini, ma ha anche un’azione repellente contro le mosche. Sulla stessa lunghezza d’onda si colloca la menta, il cui odore pungente mette in fuga gli insetti, soprattutto le mosche. Per dare sapore ai nostri piatti e nello stesso tempo tenere lontani gli insetti dalla nostra casa è bene avere queste piantine aromatiche sui davanzali o sui balconi.