La nuove regole per la gestione delle emozioni e il sesso nell'era del Covid

La nuove regole per la gestione delle emozioni e il sesso nell'era del Covid
Foto di Katie Salerno da Pexels

II Covid ha creato uno stato depressivo di base anche nelle persone che hanno attraversato il periodo del  lockdown  con una sensazione di maggiore quiete e di confronto con i partner  e con i figli. La ripresa e la possibilità di gestire in modo prudente o imprudente  la propria vita ha messo in allerta le persone più affannate dalla paure delle malattie.  A volte la quarantena ha creato serenità a livello di coppia e familiare, altre volte ha fatto emergere differenze nascoste e fenomeni difficili di incomprensione.

L'esempio di una coppia in terapia

Un esempio una coppia in terapia che ha visto nella  seduta di ripresa  del lavoro una profonda differenza dei vissuti: lui si era sentito in armonia,  libero del suo tempo e soddisfatto della relazione con la partner, lei invece chiedeva una “pausa di riflessione“, per la possibilità di pensare al futuro con le sue regole. Questa comunicazione ha creato in Lui un forte sgomento, ma ha permesso di riflettere insieme sul silenzio della comunicazione emotiva profonda. La coppia ha dovuto costatare che ognuno di loro non aveva saputo leggere i messaggi e per questo hanno chiesto del tempo per capire se potevano partire dalla crisi per ricomporre la loro relazione. 

Le nuove regole

Il Covid ha spesso creato disagi alla ripresa della vita “normale”, quando è comunque stato necessario ricostruire delle nuove regole. Anche nel sesso, nella gestione delle emozioni, nella costruzione dei rapporti dobbiamo imparare a valorizzare e accrescere la nostra competenza a porre rimedio alle difficoltà, anche da un punto di vista psicologico.  Corpo e psiche hanno un forte legame tra loro per permettere o ostacolare l’intimità e il sesso.  Le tensioni per alcuni si scaricano se ci  sono sesso e intimità, per altri le preoccupazioni e le tensioni che si accumulano nella gestione dei doveri rendono difficile il ritorno, il corpo teso non è adatto alla sessualità, resiste, si sottrae. Per questo è necessario rilassare la mente, fare piccole cose che permettono di vivere il ritorno della coppia a casa come sollievo, senza troppe regole o richieste reciproche, niente deve essere perfetto, la cosa più importante permettersi di abbassare la guardia e non essere costrette, costretti a difendersi.

La lista dei progetti

Non lasciamo che questo anno si chiuda senza aver modificato almeno un punto di vista e senza avere espresso, nel cerchio degli affetti, una maggiore competenza ad amare. Proviamo a fare l’elenco dei doni da chiedere e scriviamo le promesse su cui siamo disposti/e ad una sfida di cambiamento. Scriviamo i nostri progetti per il futuro, mettiamo nell’elenco il nostro bisogno di cose serie e di gioco, di stanzialità e di avventura. Chiudiamo questo anno con tre progetti di trasformazione, cancelliamo qualcosa dal nostro libro della scontentezza.

Costruire l'intimità

Musica, colori, abbracci, possiamo trovare risorse anche senza spendere. Le persone appartengono a cerchi diversi, conoscenti, amici, persone del cuore, figli, per ognuna di queste dimensioni abbiamo un piccolo tempo da spendere. Penso che anche nel sesso e nell’intimità sia necessario costruire risorse e proteggere il nostro tono dell’umore  che passa anche dal benessere che sappiamo costruire nell’intimità.