Campionato riaperto dopo la vittoria della Juve sulla Roma, anche le viola festeggiano

Tutte le partite della terza giornata di ritorno di Serie nel commento di Artemio Scardicchio

Campionato riaperto dopo la vittoria della Juve sulla Roma anche le viola festeggiano

Ascolta l'articolo

Leggi più veloce

La Juventus batte la Roma e riapre il campionato: le bianconere sono ora a 3 punti dalla vetta, tallonate dalla Fiorentina che ha battuto il Parma. Successo per le due milanesi. In chiave salvezza fondamentale vittoria del Como che batte la Sampdoria e sale a 10 punti. Adesso un lunga sosta: si torna in campo il 14 gennaio.

Serie A

3^ giornata di ritorno

Sampdoria – Como 0-1

Parma – Fiorentina

Pomigliano – Inter 1-2

Roma – Juventus 2-4

Sassuolo – Milan 0-1

Classifica

Roma 30 punti

Juventus 27 punti

Fiorentina 25 punti

Inter 22 punti

Milan 19 punti

Sampdoria, Pomigliano, Sassuolo, Como 10 punti

Parma 6 punti

Prossimo turno

4^ giornata di ritorno

14-15 gennaio 2023

Milan – Parma

Como – Pomigliano

Fiorentina – Roma

Inter – Sampdoria

Juventus – Sassuolo

Pomigliano-Inter 1-2

Marcatrici: 53', 76' Chawinga (I), 94' Martinez (P)

Una doppietta della solita Chawinga regala all'Inter la sesta vittoria in campionato: a farne le spese stavolta è il Pomigliano, battuto 2 a 1 dopo un primo tempo equlibrato ed una seconda frazione in cui le nerazzurre hanno meritato i tre punti.

Le ragazze di Rita Guarino si rendono subito pericolose con Kristjansdottir, Pondini e Simonetti; il Pomigliano risponde a metà primo tempo con Taty ma Durante si fa trovare pronta. Nel finale di frazione ancora protagoniste le ospiti che sfiorano il vantaggio con Van der Gragt e poi con Karchouni.

Nella ripresa sale in cattedra Chawinga e l'Inter fa suo il match: al cinquantaquattresimo ha trafitto Cetinja con un mancino da dentro l'area, al minuto settantasei di testa, su assist di Sonstevold, ha realizzato il gol del momentaneo 2 a 0.

In pieno recupero il gol della bandiera del Pomigliano griffato Martinez che di destro ha trafitto Durante.

Al triplice fischio festeggiano le nerazzurre che non vincevano dallo scorso 15 ottobre contro il Milan: l'Inter sale a 22 punti mentre il Pomigliano resta fermo a quota 10.

Parma-Fiorentina 0-4

Marcatrici: 38', 75' Johannsdottir (F), 57' rig. Kajan (F), 70' Boquete (F)

Tutto facile per la Fiorentina che centra il secondo successo consecutivo rifilando un poker di gol al Parma, fanalino di coda del campionato.

Le viola partono subito con il piede sull'acceleratore e al quarto d'ora colpiscono la traversa con Parisi; dopo diversi tentativi non andati a buon fine, ci pensa Johannsdottir a sbloccare il match su assist di Longo. Nella ripresa il copione non cambia e le viola dilagano: il raddoppio giunge dal dischetto ad opera di Kajan; il terzo gol è griffato Bouquete mentre il definitivo 4 a 0 è ancora merito di Johannsdottir che realizza la rete che sancisce la vittoria viola.

La Fiorentina non segnava almeno quattro gol in una trasferta di Serie A dal 26 settembre 2021 (6-1 vs Lazio) e non vinceva due trasferte di fila in una singola stagione di Serie A dall'ottobre 2021 (vs Lazio e Verona). Le ragazze di Patrizia Panico salgono a quota 25 punti, restano a 2 punti dal secondo posto e riducono a 5 lunghezze lo svantaggio sulla capolista.

Sassuolo-Milan 0-1

Marcatrice: 1' Asllani (M)

Un gol di Asllani dopo nemmeno un giro di lancette regala al Milan l'importante successo sul campo del Sassuolo che consente alle rossonere di allontanare lo spettro play out.

Pronti via e Milan subito in gol con Asllani che dopo soli 40 secondi trasforma in rete un assist di Mascarello: il gol a freddo stordisce le padrone di casa e galvanizza il Milan che colleziona azioni da gol senza però mai riuscire a realizzare il gol del due a zero. Nella ripresa il Sassuolo prova a ristabilire il pari ma anche in questo caso i tentativi di Monterubbiano e compagne non hanno portato i frutti sperati.

Al fischio finale festa grande per il Milan che chiude il 2022 con la sesta vittoria stagionale che consolida il quinto posto in classifica per le ragazze di mister Ganz; resta a 10 punti il Sassuolo, raggiunto in classifica dal Como.

Sampdoria-Como Women 0-1

Marcatrice: 26’ Karlernäs (C)

Fondamentale successo in chiave salvezza per il Como che espugna il campo della Sampdoria grazie ad un gol di Karlernäs a metà del primo tempo: il match inizia con una Sampdoria in palla che, spinta dagli oltre mille tifosi presenti al 'Ferraris', mettono alle corde le lariane e sfiorano il gol in due occasioni con Baldi nei primi venti minuti di gioco. Nel momento migliore delle padrone di casa il Como passa in vantaggio con Karlernäs che firma l'uno a zero.

La Sampdoria ha subito la possibilità di ristabilire il pari:  l’arbitro vede un tocco di mano molto dubbio nell’area comasca e indica il dischetto tra le proteste delle ospiti. Rincón si incarica della battuta ma la conclusione della colombiana termina oltre la traversa.

Nella ripresa le blucerchiate si riversano all'attacco ma la difesa del Como ribatte colpo su colpo ed il risultato non cambia più: il Como raggiunge a 10 punti le rivali odierne, il Pomigliano ed il Sassuolo.

Roma-Juventus 2-4

Marcatrici: 2’ Serturini (R), 14’ Beerensteyn (J), 38’ Girelli (J), 49’ Andressa (R), 67’ Beerensteyn (J), 79’ Grosso (J)

La Juventus espugna il fortino del 'Tre Fontane', batte 4 a 2 in rimonta la Roma e riapre la corsa scudetto, portandosi a soli tre punti dalle giallorosse: il match inizia sotto il segno delle padrone di casa che al secondo minuto passano in vantaggio con Serturini che realizza l'uno a zero con un millimetrico rasoterra che sorprende Peyraud-Magnin. La reazione della Juventus è immediata: prima Gunnarsdóttir colpisce la traversa, poi Beerensteyn firma il gol del pari con una spizzata di testa che vale l'uno a uno. Al trentottesimo ci pensa Girelli a completare la rimonta bianconera siglando il 2 a 1 sugli sviluppi di un calcio piazzato.

Ad inizio ripresa la Roma ristabilisce il pari con Andressa ma la gioia delle padrone di casa dura poco: al sessantasettesimo Grosso imbecca Beerensteyn in profondità, l’olandese salta Wenninger e con un destro a giro supera Ceasar. Dieci minuti dopo è ancora Juventus: stavolta il quarto gol porta la firma di Grosso che mette in rete il definitivo 4 a 2 per le ragazze di mister Montemurro.

A fine gara esultano le bianconere che si portano a 3 punti dalla vetta; per la Roma seconda sconfitta in campionato, ancora una volta ad opera della Juventus che aveva già vinto la sfida del girone di andata.

Leggi anche:

Martina Pizzolato, calciatrice del Cittadella: ”Gioco a calcio ma non lo seguo. Vi spiego perché'

Sara Isabel Pisoni: “Guardavo i maschi giocare a bordo campo. Finché un giorno il mister si è incuriosito”

Dai campetti dell’asilo alla Serie B, Gloria Magni: 'Così ho superato l'attimo di sbandamento'

Como Women, Matilde Pavan: “Voglio restare professionista il più a lungo possibile, senza trascurare lo studio”

La calciatrice Nice Matiz: “Così concilio il lavoro in fabbrica, lo studio e gli impegni calcistici'

Antonella Milella: 'La mia passione per il calcio è stata più forte dei pregiudizi'

Yesica Menin, dall'Argentina a San Marino: “Sono diventata calciatrice ispirandomi a mio fratello. La mia ricetta per il successo'

La portiera laureata con 110 che a un mese dal parto era già in campo

“Inseguo i miei sogni, allontanando i ricordi di un lontano passato da incompresa”, l’intervista a Gaia Rizzioli

L’allenatore in carrozzina: “In Italia il 'diverso' fa paura'. E svela la grave umiliazione che ha subito 

12/12/2022