La giornata mondiale del risparmio: vademecum per aiutare il salvadanaio e l’ambiente

La giornata mondiale del risparmio: vademecum per aiutare il salvadanaio e l’ambiente

Il 31 ottobre era la giornata mondiale del risparmio, un’iniziativa legata all’economista italiano Maffeo Pantaleoni che la instituì nel 1924 proponendo la riduzione dello spreco come tematica importante per la società in modo da ottimizzare ricchezza e risorse.

La giornata del risparmio può non essere legata solo ad un’attenzione al portafogli ma anche alla salvaguardia dell’ambiente. Sono molte infatti le iniziative promosse, ad esempio quella istituita da Helpling che attraverso una sorta di vademecum in sei punti propone delle pratiche quotidiane che oltre ad aiutare a ridurre le bollette e risparmiare in casa, sono anche utili per tutelare le importanti risorse del nostro pianeta.  

1) Lampade, luce ed energia

Per risparmiare sulla bolletta, una delle prime azioni che si possono intraprendere è quella di scegliere lampadine a basso consumo o led. E’ importante anche pulire le lampade regolarmente dal momento che la polvere oscura i vetri e le superfici, rendendo così necessaria, per raggiungere la luminosità desiderata, una maggiore intensità e di conseguenza consumo. E’ anche opportuno sostituire gli interruttori con dei regolatori di intensità in modo da consumare meno energia quando non è necessaria una luce forte.

2) Elettrodomestici

Gli elettrodomestici anche se spenti consumano energia. Quando il televisore è in stand-by o semplicemente ha la presa attaccata si possono sprecare fino a 30 watt al giorno. Per risparmiare è sufficiente staccare tutte le prese oppure spegnere definitivamente gli elettrodomestici quando non vengono utilizzati.

3) Riscaldamento intelligente

In autunno e in inverno, anche se il sole non ha la stessa intensità che ha nelle stagioni più calde, è utile lasciare le tapparelle alzate durante la giornata permettendo così alla luce di riscaldare gli ambienti in maniera naturale; la sera ci sarà bisogno di meno energia per raggiungere la temperatura ottimale. Chiudere le porte è un buon modo per tenere il calore all’interno di determinate stanze e scaldarle più velocemente, così come l’utilizzo di tappetti che isolano il pavimento ed allo stesso tempo danno un tocco accogliente all’arredamento. Infine un controllo costante della caldaia per mantenerla sempre in perfetto funzionamento consente di ridurre gli sprechi.

4) Acqua

Bastano pochi accorgimenti per limitare il dispendio di acqua all’interno delle mura domestiche: spegnere ad esempio il getto della doccia mentre ci si insapona oppure il rubinetto mentre ci si lava i denti o le mani. E’ importante anche controllare sempre i rubinetti, se sono difettosi o danneggiati infatti possono portare allo spreco di circa 35.000 litri d’acqua ogni anno.

5) Lavatrice e lavastoviglie

La lavatrice e la lavastoviglie dovrebbero funzionare sempre a pieno regime, se però non ci sono abbastanza piatti o vestiti sporchi è opportuno aspettare per avere un carico maggiore o in alternativa optare per un lavaggio a freddo. Si possono inoltre preferire programmi più economici di cui ormai dispongono moltissimi elettrodomestici.

6) Spesa e cibo

La spesa è una delle voci più sensibili e su cui si può agire maggiormente per portare ad un risparmio economico e alla salvaguardia dell’ambiente. Per prima cosa è importante non comprare più cibo del dovuto così da evitare di buttare via quegli alimenti che possono deperire velocemente. Se però capita di ritrovarsi con il frigo pieno o con degli avanzi di cibo è importante non sprecarli ma riutilizzarli per nuove preparazioni come le polpette, le frittate o le minestre. Acquistare di stagione e a km zero è un ottimo modo per avere sempre a disposizione prodotti freschi senza spendere più del dovuto, incrementando inoltre i benefici derivanti dal favorire le filiere corte. Anche una giusta pulizia e manutenzione del frigorifero possono favorire il risparmio, mantenendolo in perfetta efficienza infatti è possibile conservare i cibi più a lungo.

 

Abbiamo parlato di

Helpling Facebook  Twitter  Google+