Al bando le bottiglie di plastica, viva le borracce di alluminio: la tutela dell’ambiente inizia tra i banchi di scuola

Anche in aula la sostenibilità diventa una priorità: per fare davvero la differenza bastano sei piccoli accorgimenti per studenti e insegnanti da mettere in pratica nel quotidiano

Al bando le bottiglie di plastica, viva le borracce di alluminio: la tutela dell’ambiente inizia tra i banchi di scuola
TiscaliNews

Il rispetto e la tutela dell’ambiente inizia tra i banchi di scuola, dove la sostenibilità è diventata una priorità. Sull'esempio di Greta Thumberg, molti studenti sono impegnati nei #FridaysforFuture e nelle manifestazioni per il clima, come ad esempio lo sciopero globale, il più grande mai organizzato, in programma il 27 settembre. Un altro importante e concreto segnale che i ragazzii si accingono a dare è la riduzione delle bottigliette di plastica a favore delle borracce di alluminio, igieniche e riusabili.

Al bando le bottiglie di plastica viva le borracce di alluminio

Al rientro in aulai giovani stanno dando prova di avere le idee chiare sull'acqua e su una corretta gestione dei rifiuti. Dal dialogo online con la community di ScuolaZoo sembra che il leit motiv di questo ritorno a scuola sia proprio la sostenibilità. In molti hanno contribuito al dibattito dicendo che sperano che nel corso dell’estate la propria scuola abbia istituito delle fontanelle di acqua dove poter riempire la propria borraccia fra una lezione e l’altra.

Una albero per un diario

Fra libri, quaderni e cancelleria varia è difficile essere sostenibili al 100%, ScuolaZoo ha promosso la realizzazione del Diario “Save My Planet”. Grazie alla collaborazione con Treedom, la piattaforma che permette di piantare alberi a distanza e poi di seguire la loro crescita online, ogni diario venduto contribuisce all’ampliamento della Foresta ScuolaZoo in Africa, che cresce rigogliosa da aprile e che oggi conta 250 alberi.

I consigli

Cosa può fare la scuola per essere più sostenibile secondo della Generazione Z? Ecco dei piccoli accorgimenti da mettere in pratica nel quotidiano per fare davvero la differenza:
Cerca di convincere la prof a fare meno fotocopie, riutilizzando il retro dei fogli e riciclando carta e cartone o magari facendovi usare i tablet in classe;
Chiedi al preside di usare dei refill di sapone piuttosto che nuovi dispenser ogni volta
Se porti la merenda dentro un contenitore, usa sempre delle posate riutilizzabili e se mangi un panino, portalo dentro un contenitore invece che avvolto nell'alluminio o nella plastica
Porta sempre una borraccia o un thermos al posto di comprare sempre bottiglie di plastica
E ancora per risparmiare energia, si può limitare l’uso della corrente elettrica evitando di accendere le luci in classe quando è sufficente la luce naturale.