Guerrilla gardening, curiosa lotta al cemento nelle nostre città

 Econote.it
di  Econote.it  - Network di blogger

Agiscono di notte nelle città soffocate dal cemento, indossano guanti e sono armati di fiori e vanghe. Il loro motto è “trasformiamo il cemento in fiori”. Chi sono? I guerrilla gardeners. Un gruppo di persone appassionate del verde con una buona dose di interesse nel bene comune e un pizzico di follia che decorano spazi urbani piccoli o grandi con “attacchi verdi”. I guerrilla gardener sono citati in una recente pubblicità con protagonista Pif, Il testimone di MTV, perché è la rete che mette insieme queste idee.

Funziona così: lasciate un’aiuola spartitraffico la sera piena di cartacce ed erbacce e la mattina è un piccolo capolavoro di giardinaggio. E, non ci crederete, ma gli attivisti del Guerrilla Gardening richiano di essere multati perchè ciò che fanno è illegale.

Ma come rispondono i cittadini a questi “attacchi verdi”? “La popolazione cittadina risponde bene, alcune aziende di giardinaggio ci aiutano con consigli e donandoci piante e materiali pro-causa, altri si limitano ad applaudire e ad apprezzare le nostre azioni. Ogni giorno nuovi "guerriglieri" si aggiungono alla nostra causa, per trasformare e riappropriarsi degli sterili ed impersonali spazi comuni cittadini” Scrivono i fondatori di Guerrillagardening.it partiti nel 2006 con queste iniziative.

La bomba di semi - Una tipologia di “attacco verde” è la bomba di semi. Ma come si fa? Consiste nell’avvolgere terriccio, fertilizzante, e semi di fiori imbevuti di acqua con un giornale. La si lancia in un’area da riqualificare e dopo qualche settimana si osservano (se tutto va bene) le fioriture.

Per un attacco più incisivo e mirato occorre invece la pianificazione: perlustrazioni, organizzazione del materiale, foto prima e dopo (è tutto molto “social”).

Infine una curiosità, la prima volta che si è sentito parlare di “guerrilla gardening” era il 1973, ma è oggi che abbiamo più che mai bisogno di condividere la cura delle nostre città del verde.

 

Ultimi articoli di  Econote.it