Milleunadonna

I peli di cani e gatti sono un incubo? Dall’aspirapolvere alla toelettatura, i 6 consigli per una casa a misura di pet

Come fare una pulizia ottimale avendo animali domestici e combattere le allergie. Le parole degli esperti

Foto Ansa
TiscaliNews

Gli animali domestici sempre più sono parte integrante di milioni di famiglie e la Giornata mondiale degli animali, istituita il 4 ottobre a salvaguardia dei diritti e del loro benessere, è l’occasione giusta per celebrarli. Istituita a partire dal 1931 in onore del patrono degli animali San Francesco d’Assisi, il World Animal Day rappresenta pure il momento buono per accogliere consigli su come vivere al meglio con gli animali domestici soprattutto in un Paese come l’Italia in cui più di 4 abitanti su 10 possiedono un pet e dove sono promossi la cultura del rispetto e della cura degli animali da compagnia.

L’aspirapolvere è il nostro miglior alleato

La maggioranza delle famiglie tiene il proprio amico a 4 zampe in casa e, dunque, una profonda pulizia ed igiene dell’ambiente domestico diventano fondamentali. Divani, poltrone e letti sono gli angoli confortevoli e morbidi dove gli amici pelosi amano trascorrere in relax la maggior parte del loro tempo ma dove, di conseguenza, si accumulano la maggior parte dei peli: basti pensare che 5 proprietari di animali domestici su 10 permette loro di dormire sul letto. Infatti, come spiega Alessandro Fiocchi, direttore della Divisione di Allergologia presso l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma: “l’aspirapolvere è il nostro miglior alleato (più che le spazzole adesive e i cosiddetti rulli togli-pelo), perché è il sistema più efficace per eliminare dall’ambiente ogni sostanza potenzialmente nociva. Infine – conclude l’allergologo - per rimuovere gli allergeni animali (ma anche qualsiasi altra sostanza tossica aerodispersa), da mobili, tende e cuscini, esistono speciali accessori da abbinare all’aspirapolvere e detergenti specifici per le tappezzerie”.

Imperativo igienizzare

E' una esigenza, sempre più sentita anche a seguito della pandemia da Covid-19, per la quale persone oggi sono molto più attente alla pulizia e all’igienizzazione degli spazi in cui si muovono e vivono, come emerge da una analisi condotta da Worwerk Folletto.  E in tema di pulizie connesse agli animali, una delle problematiche più comuni è proprio l'allergia al loro pelo. Tuttavia, come spiega l’allergologo Alessandro Fiocchi: “non è necessario allontanare cani e gatti dall’abitazione, poiché una meticolosa cura della loro igiene può essere sufficiente a limitarne l’impatto sulla salute degli allergici.

Foto Ansa

Ogni quanto lavarli

Nello specifico – continua l’esperto – è opportuno lavarli almeno una volta alla settimana per rimuovere forfora e allergeni dal loro pelo, e tenerli lontani da materassi, cuscini e mobili imbottiti che possano diventare il ricettacolo di agenti irritanti”. E allora, l’imperativo è stare attenti all’igiene e alla pulizia degli ambienti per il benessere dei pet owner e dei propri animali d’affezione, che non possono – e non devono – rinunciare al proprio amico a 4 zampe e a tutto l’amore che regalano alla quotidianità di ogni pet lover.

I tips per una casa a misura di pet owner

Curare gli animali: prima di iniziare con la pulizia delle stanze è prioritario tenere gli animali domestici sempre ordinati e ben spazzolati. Una toelettatura periodica, eseguita da un professionista, può aiutare molto a ridurre l’accumulo di peli e lo sporco in giro per casa.

Pulire il divano: gli animali domestici amano dormire sul divano di casa. Alcuni tipi di rivestimenti sono più soggetti a macchiarsi, a trattenere odori sgradevoli e a raccogliere i peli, come quelli a trama fitta o in velluto.

Usare un aspirapolvere adatto: un sistema di pulizie con un’elevata forza aspirante, dotato di un filtro Hepa in grado di contrastare il problema delle allergie e con spazzole che riescono a catturare anche i peli più sottili.

Non trascurare gli accessori del proprio animale: posizionare gli accessori del pet in un’unica stanza e ricordare che non solo la cuccia e le ciotole, ma anche i giocattoli e persino il guinzaglio raccolgono cattivi odori e devono essere puliti con una certa regolarità.

Prendersi cura dei pavimenti: occorre, infatti, lavare le superfici domestiche con prodotti appositi che, oltre ad eliminare macchie e odori, possano profumare l’ambiente senza compromettere la salute del cane e del gatto. Eliminare i cattivi odori: utilizzare un purificatore d'aria con filtro Hepa per catturare le particelle sospese nell'aria.

Lo studio

Lo Studio Globale sulla Polvere di Dyson, che indaga le abitudini e i comportamenti di pulizia, ha rivelato alcuni dati interessanti in merito: meno della metà degli intervistati italiani pone un limite ai movimenti del proprio animale in casa (45% per i cani, 38% per i gatti), e sono tanti quelli a cui viene concesso anche di dormire sul letto (46% dei gatti, 29% dei cani). Di contro, è particolarmente bassa la consapevolezza di ciò che può annidarsi nel pelo degli animali domestici, il che desta preoccupazione. “L’impatto degli animali domestici in casa va oltre quello che è visibile ai nostri occhi. Rimuovere efficacemente i peli degli animali domestici è importante, ma ci sono problemi invisibili a occhio nudo, come la forfora animale sporca di saliva,” spiega Monika Stuczen, ricercatrice Dyson in microbiologia. “Queste particelle microscopiche possono trasportare in giro per la casa le proteine che scatenano le allergie. Leggere e minuscole, possono rimanere sospese nell’aria per ore, o depositarsi sugli oggetti”.

I consigli per una pulizia ottimale

  1. Affrontare il problema alla radice Gli animali perdono pelo molto più regolarmente degli umani, quindi una toelettatura frequente eviterà che i peli si depositino in casa. Meglio effettuare quest’operazione sempre nella stessa zona, e poi pulire subito con accessori adatti a rimuovere anche i peli incastrati.
  2. Pulire dall'alto verso il basso Come la polvere, i peli di animali domestici e la forfora possono disperdersi nell'aria e cadere sulle superfici inferiori quando vengono smossi; il consiglio è di iniziare a pulire sempre dall’alto, senza dimenticare poltrone e divani, che possono trattenere, oltre ai peli, anche acari della polvere e altri allergeni.
  3. Lavare le coperte e rimuovere le fodere Lavare coperte, cuscini e lenzuola - ovunque gli animali domestici trascorrano la maggior parte del tempo - a 60° aiuterà a eliminare gli allergeni e ridurre la quantità di peli microscopici di cui si nutrono gli acari della polvere. Alla fine del lavaggio, meglio assicurarsi di rimuovere eventuali peli dal cestello.
  4. Aspirare lentamente Un'aspirazione lenta dà al flusso d'aria e alla spazzola più tempo per smuovere i peli dell'animale e rimuoverli dalla superficie.
  5. Passare l'aspirapolvere poco e spesso I peli di animali hanno maggiori probabilità di accumularsi su tappeti o superfici dure rispetto ai capelli umani. Aspirare poco e spesso previene un accumulo eccessivo; se si ha poco tempo, usare un robot aspirapolvere manterrà la situazione sotto controllo tra una pulizia approfondita e l’altra.
  6. Aspirare in diverse direzioni Passare l’aspirapolvere sul tappeto più volte in direzioni alternate aiuta a raccogliere più peli di animali domestici e smuovere quelli incastrati - ma non troppo: superate le 2 o 3 passate, non ci saranno particolari miglioramenti.