Alzheimer: scoperte quante ore a notte dovresti dormire se hai più di 70 anni per prevenire il declino cognitivo (e non sono 8)

Gli anziani che dormono meno di 4,5 ore o più di 6,5 ore a notte sono a maggior rischio di declino cognitivo

Alzheimer: scoperte quante ore a notte dovresti dormire se hai più di 70 anni per prevenire il declino cognitivo (e non sono 8)
di Greenme.it

Una buona notte di sonno è importante per la nostra salute per svariate ragioni:

aiuta il corpo a ripararsi e funzionare come dovrebbe

favorisce una migliore salute mentale 

protegge da molte condizioni di salute, tra cui malattie cardiache e diabete. 

È stato anche dimostrato che non dormire a sufficienza è legato al declino cognitivo e a malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer.

Lo studio

Secondo uno studio recente dormire troppo poco può essere collegato al declino cognitivo. Il team di ricerca aveva come obiettivo scoprire quanto sonno fosse legato al deterioramento cognitivo nel tempo. Per fare ciò, hanno esaminato in media 100 anziani, tra la metà e la fine degli anni ’70, e li hanno monitorati per un periodo compreso tra quattro e cinque anni. Al momento del loro studio, 88 persone non mostravano alcun segno di demenza, mentre 12 mostravano segni di deterioramento cognitivo (uno con demenza lieve e 11 con lo stadio pre-demenza di decadimento cognitivo lieve).

Durante lo studio, ai partecipanti è stato chiesto di completare una serie di test cognitivi e neuropsicologici comuni, per cercare segni di declino cognitivo o demenza. I punteggi di questi test sono stati poi combinati in un unico punteggio, chiamato punteggio Preclinical Alzheimer Cognitive Composite (PACC). Più alto era il punteggio, migliore è stata la loro cognizione nel tempo.

Il sonno è stato misurato utilizzando un dispositivo per encefalografia a elettrodo singolo (EEG), che i partecipanti indossavano sulla fronte durante il sonno, per un totale di quattro-sei notti. Questo EEG ha permesso ai ricercatori di misurare con precisione l’attività cerebrale, che avrebbe indicato loro se qualcuno dormiva o meno (e per quanto tempo) e quanto era riposante quel sonno.

Sebbene il sonno sia stato misurato solo in un periodo di tempo breve, questo ha comunque fornito al team di ricerca una buona indicazione delle normali abitudini di sonno dei partecipanti. I ricercatori hanno anche preso in considerazione altri fattori che possono influenzare il declino cognitivo, tra cui l’età, la genetica e se vi erano le proteine ​​beta-amiloide o tau, entrambe legate alla demenza.

Sappiamo da ricerche precedenti che la mancanza di sonno è collegata al declino cognitivo. Ad esempio, uno studio ha dimostrato che le persone con disturbi del sonno, come insonnia o eccessiva sonnolenza diurna, hanno un rischio maggiore di sviluppare demenza. Altre ricerche hanno dimostrato che le persone che dormono poco hanno livelli più alti di beta-amiloide nel cervello, che si trova comunemente nel cervello delle persone che hanno il morbo di Alzheimer.

I ricercatori non sanno con certezza perché la mancanza di sonno sia collegata al declino cognitivo. Una teoria è che il sonno aiuta il nostro cervello a eliminare le proteine ​​dannose, che si accumulano durante il giorno. Si pensa che alcune di queste proteine, come la beta-amiloide e la tau, causino la demenza. Quindi interferire con il sonno potrebbe interferire con la capacità del nostro cervello di liberarsene. Prove sperimentali dimostrano addirittura che anche solo una notte di privazione del sonno, potrebbe aumentare temporaneamente i livelli di beta-amiloide nel cervello anche in persone sane.

Ciò che sorprende dei risultati di questo studio è che la durata del sonno ottimale è molto più breve di quella che studi precedenti hanno suggerito essere problematica. Lo studio ha dimostrato che dormire più di 6,5 ore è associato al declino cognitivo nel tempo.

Potrebbe essere anche che non sia necessariamente la lunghezza del sonno che conta, bensì la qualità di quel sonno quando si tratta del rischio di sviluppare la demenza. Ad esempio, questo studio ha dimostrato che avere meno sonno ristoratore potrebbe influire sul deterioramento cognitivo.

Secondo i ricercatori ci sarebbe una durata del sonno ottimale, che oscilla tra 4,5 e 6,5 ore ogni notte, ma è improbabile che il riposo occasionale del fine settimana possa dannoeggiare il cervello. Inoltre, sebbene alcuni fattori non siano prevedibili (come la predisposizione genetica), ci sono molte cose che possiamo fare per dormire bene la notte e aiutare a ridurre la probabilità di sviluppare la demenza, come fare esercizio fisico costante e seguire una dieta sana ed equilibrata. 

Marcella La Cioppa - Greenme.it

 

di Greenme.it