A 9 anni sfila senza gambe. Ma Daisy in passerella a Parigi dà una lezione al mondo

"Sembra impossibile finché non lo fai". Con queste parole la piccola Daisy-May, gambe amputate a 18 mesi, ha annunciato la sua presenza alla Fashion week di Parigi

di M.E.P.

Segni particolari: grinta e coraggio da vendere. Anche perché se così non fosse, Daisy-May non avrebbe scritto la storia. Sì, perché lei ha solo nove anni, è senza gambe da quando aveva 18 mesi, ma in passerella a Parigi era la più bella, la più autentica. Era semplicemente speciale. E ne è consapevole quando su Instagram, postando le immagini della sfilata alla Fashion Week per la casa di moda Lulu et Gigi, scrive: "It always seems impossible until it’s done" ovvero "Sembra impossibile finché non lo fai".

"Mi metto il vestito, le gambe e salgo in passerella"

Nata a Birmingham, in Gran Bretagna, Daisy-May non ha più le gambe perché le sono state amputate a causa dell’emimelia fibulare - una mancanza o accorciamento dell’osso del polpaccio - quando aveva 18 mesi. Per poter camminare e sfilare in passerella usa lame di carbonio ma è perfettamente a suo agio. Intervistata dalla Reuters Television confessa che adora addirittura mettersi in posa per farsi fotografare e indossare bei vestiti. “Mi faccio i capelli, poi mi trucco e poi mi metto il vestito, le gambe e salgo in passerella. A volte non mi sento nemmeno diversa”, ha detto.

Il padre di Daisy: "Sembrava la fine del mondo, ora è un dono"

“Quando è nata, abbiamo pensato che sarebbe stata la fine del mondo. Ora la sua disabilità è un vero dono e lei lo indossa con orgoglio”, ha detto suo padre Alex Demetre, che ha anche raccontato di aver iniziato a bere e giocare d’azzardo dopo la sua nascita. Fino alla svolta: dopo aver visto uno show televisivo sulla moda, ha proposto a Daisy di fare la modella. Lei la sfida l'ha accettata e da allora non si è più fermata. L'ostacolo più grande per lei e la sua famiglia è diventato semplicemente una grande opportunità