Stop al lifting ai glutei per averli “alla brasiliana”, morte due donne

Per l’Associazione dei chirurghi è l’intervento di medicina estetica con la mortalità maggiore

Stop al lifting ai glutei per averli “alla brasiliana”, morte due donne
TiscaliNews

Basta con gli interventi di lifting per avere i glutei “alla brasiliana”, che hanno un tasso molto alto di complicazioni gravi. Lo stop è arrivato in Gran Bretagna dalla British Association of Aesthetic Plastic Surgeons, dopo che una donna è morta a seguito dell'operazione, la seconda quest'anno. L'intervento consiste nel prendere del grasso da un'altra parte del corpo per iniettarlo nei glutei per modellarli.

L’allarme dei medici

L'operazione, spiegano i chirurghi britannici, ha un alto rischio che il grasso finisca nelle vene più grandi, da cui può spostarsi fino al cuore o al cervello. La procedura ha un tasso di mortalità pari a uno su 3mila interventi, il più alto tra gli interventi estetici e uno studio pubblicato sull'Aesthetic Surgery Journal, condotto su 639 medici in tutto il mondo, ha rivelato 32 morti legate a questa procedura.

Rischio embolia grassosa

"Per questo - scrivono gli esperti britannici - l'associazione ha emanato questa raccomandazione, chiedendo ai membri di astenersi dalla procedura almeno finché non ci saranno nuovi dati". Oltre ai rischi connessi all'embolia causata dal grasso, sottolinea il comunicato dell'associazione, l'operazione ha un alto rischio di infezioni. Delle due donne morte in Gran Bretagna, sottolinea la Bbc, la prima aveva subito l'intervento in Turchia, mentre sulla seconda è ancora in corso un'inchiesta.