Così la menopausa rimodella il cervello delle donne: dalla scoperta la possibile soluzione alle vampate di calore

Ma dalla scoperta potrebbero esser meglio comprensibili lo sviluppo del morbo di Alzheimer e anche l’imprevedibilità dell’ictus

Così la menopausa rimodella il cervello delle donne dalla scoperta la possibile soluzione alle vampate di calore
di Redazione
leggi più veloce

Leggi più veloce

Quando Naomi Rance, neuropatologo presso l’Università dell’Arizona a Tucson, ha iniziato a studiare la menopausa e il cervello, è rimasta molto sorpresa. Negli studi sui cervelli post mortem, aveva trovato neuroni in una regione chiamata ipotalamo che nelle donne, dopo la menopausa, erano quasi raddoppiati di dimensioni. Erano gli anni ’90 e pochi altri ricercatori erano interessati ai suoi studi. Rance è andata avanti da sola, svelando meticolosamente ciò che i neuroni stavano facendo e perfezionando un modo per studiare i sintomi della menopausa nei ratti monitorando minuscoli cambiamenti di temperatura nelle loro code come misura delle vampate di calore, un sintomo comune della menopausa che si pensa sia scatenato nell’ipotalamo. Trent’anni dopo, un farmaco chiamato Fezolinetant, basato sulle scoperte di Rance, è ora sotto attenta valutazione della Food and Drug Administration degli Stati Uniti, e la sua approvazione, e successiva commercializzazione, è prevista già nei prossimi mesi. Fezolinetant potrebbe essere una pietra miliare: la prima terapia non ormonale per trattare la fonte delle vampate di calore, un sintomo che è diventato quasi sinonimo di menopausa e che colpisce circa l’80 per cento delle donne. 

Per Rance e altri nel campo, i progressi del Fezolinetant fino a questo punto sono un segno che la ricerca sulle cause e gli effetti dei sintomi della menopausa viene finalmente presa sul serio. Nei prossimi anni, si prevede che il numero globale di donne in postmenopausa supererà il miliardo. Ma molte donne hanno ancora difficoltà ad accedere alle cure legate alla menopausa e la ricerca sul modo migliore per gestire tali sintomi è rimasta indietro. Questo sta lentamente cambiando. Armati di modelli animali migliorati e di una crescente letteratura sugli effetti dei trattamenti esistenti, altri ricercatori stanno entrando nel campo per colmare questa lacuna.

Così la menopausa rimodella il cervello delle donne dalla scoperta la possibile soluzione alle vampate di calore

Riconoscono sempre più che la menopausa e la transizione ad essa, una fase chiamata perimenopausa, potrebbero preparare il terreno per la salute del cervello in età avanzata, e ci sono anche indizi che potrebbe correlarsi con il rischio di malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer. Fezolinetant e farmaci simili in cantiere rappresentano anche un cambiamento di pensiero: dalla menopausa come condizione degli organi riproduttivi femminili, a una ricerca che si concentra su cause ed effetti neurologici. “Pensiamo alla menopausa come guidata da cambiamenti nelle ovaie”, afferma Hadine Joffe, che studia la salute mentale e l’invecchiamento nelle donne alla Harvard Medical School di Boston, nel Massachusetts. “La nozione del cervello al timone della menopausa, questo è un concetto diverso“.

La menopausa è un processo graduale

La menopausa è definita come la cessazione delle mestruazioni per almeno 12 mesi consecutivi e in genere si verifica tra i 45 e i 55 anni, con produzione irregolare di ormoni sessuali chiave come estrogeni e progesterone. “Non è un qualcosa che si verifica dall’oggi al domani, è un processo lungo”, afferma Ami Raval, che studia riproduzione e neurologia all’Università di Miami in Florida. “L’ovaio sta lentamente inviando il segnale di ‘arresto in corso’”. “Ciò può significare anni di ormoni fluttuanti che non salgono e scendono più nei loro schemi un tempo prevedibili. Durante questo periodo di perimenopausa, i circuiti nel cervello che in precedenza si basavano sulla segnalazione degli estrogeni possono essere lasciati in difficoltà”, afferma Roberta Brinton, neurobiologa dell’Università dell’Arizona a Tucson.

Gli estrogeni fanno molto per il cervello: stimolano l’assorbimento del glucosio e la produzione di energia. Una volta completata la transizione alla menopausa, i neuroni si abituano alla sua assenza. Ma nel periodo della perimenopausa i livelli dell’ormone possono crollare una settimana solo per salire la successiva. “Il risultato può essere un periodo di discordia neuronale in cui le cellule cerebrali vengono periodicamente private di estrogeni, ma non abbastanza a lungo da forgiare i percorsi necessari per adattarsi alla vita senza di essi”, afferma Brinton.

La perimenopausa è anche quando si verificano molti dei sintomi caratteristici della menopausa. Le vampate di calore sono il segno distintivo della perimenopausa; altri sintomi includono periodi irregolari, ansia, ipertensione e la temuta “nebbia cerebrale” che impedisce la concentrazione. “C’è l’idea che le donne nella loro perimenopausa non dovrebbero essere sintomatiche, che ‘non dovrebbero ancora lamentarsi’“, dice Joffe. “Ma in realtà è il momento in cui le persone sono più sintomatiche, per certi versi”.

Potrebbe anche essere un momento chiave per intervenire con trattamenti che facilitano il passaggio alla menopausa e che potrebbero rallentare il ritmo delle malattie legate all’età che sembrano accelerare dopo. Raval e altri ricercatori pensano che questa transizione perimenopausale potrebbe gettare le basi per l’aumento postmenopausale del rischio di condizioni come il morbo di Alzheimer e l’ictus.

Ma la perimenopausa non ha un inizio e una fine chiari, il che rende difficile studiarla. “Grandi studi clinici di trattamenti come la terapia ormonale sostitutiva si sono spesso concentrati su donne in post-menopausa, a volte anni dopo il loro ultimo ciclo”, afferma Stacey Missmer, ricercatore presso la Michigan State University di Grand Rapids. “Alcune donne hanno una breve durata dei sintomi della perimenopausa e altre continuano a essere sintomatiche per anni o decenni“, afferma. “E non sappiamo se questo ha qualcosa a che fare con la loro salute per il resto della loro vita“. Nel frattempo, la scarsità di opzioni terapeutiche ha indotto alcune donne alla ricerca di trattamenti non provati, come gli integratori a base di erbe.

Aumentare l’attenzione

“Il tabù intorno alla discussione sulla menopausa – che combina i due temi storicamente messi da parte dell’invecchiamento e della salute riproduttiva delle donne – si sta attenuando”, afferma Kathryn Schubert, presidente della Society for Women’s Health Research di Washington DC. “Poiché le discussioni su entrambi gli argomenti sono diventate più accettabili, le donne sono più esplicite sui sintomi che sperimentano durante la perimenopausa”. Anche le aziende farmaceutiche e della salute dei consumatori stanno lavorando per aumentare la consapevolezza e le dimensioni del loro mercato. La scienziata comportamentale Vasiliki Michopoulos della Emory University di Atlanta, in Georgia, afferma che lei e i suoi colleghi che studiano la menopausa nei primati non umani sono rimasti sbalorditi nel vedere una pubblicità americana sulle vampate di calore durante il Super Bowl di quest’anno, il più grande gioco della stagione in America. L’annuncio è stato sponsorizzato da Astellas Pharma, l’azienda farmaceutica con sede a Tokyo che sta sviluppando il Fezolinetant.

Fonte
Nature

18/05/2023