Brexit, "Daily Mail" nella bufera per il titolo sulle gambe della Sturgeon e della May

L'incontro fra la premier britannica Theresa May e la first minister scozzese Nicola Sturgeon ridotto a un confronto fra le loro gambe

L'incontro tra la premier britannica Theresa May e la first minister scozzese Nicola Sturgeon
L'incontro tra la premier britannica Theresa May e la first minister scozzese Nicola Sturgeon
di Askanews

Il tabloid britannico Daily Mail è stata travolto dalle critiche dopo aver messo a confronto le gambe della premier britannica Theresa May e della first minister scozzese Nicola Sturgeon, che ieri si sono viste per parlare di Brexit e indipendenza scozzese. Mentre le due leader si sono scontrate sulla Brexit, che May avvierà domani, e sull'iniziativa di Sturgeon per un nuovo referendum sull'indipendenza scozzese, il Daily Mail l'ha buttata sul fisico, parlando di guerra delle gambe e concentrandosi sull'abbigliamento e le posture delle due donne.

Il titolo sotto accusa

"Never mind Brexit, who won Legs-it!" titola in prima pagina il tabloid, con un gioco di parole un po' grossolano, pressappoco "Chi se ne importa della Brexit, chi ha vinto la Gambe-it!", accanto alla foto delle due leader in un hotel di Glasgow. "Non c'erano proprio stiletti all'alba, ma un'atmosfera decisamente gelida" si legge nell'occhiello. All'interno la responsabile dello stile del quotidiano paragona "i blazer squadrati, le gonne appena sopra il ginocchio e le scarpe a punta, un look replicato dalle donne in carriera di una certa età in tutto il mondo".

La politica ridotta a "questine di gambe"

E in quel che il quotidiano definisce "un verdetto a cuor leggero sulla grande sfida", l'editorialista Sarah Vine afferma "quel che spicca sono le gambe, e una gran superficie di gambe in mostra. Non c'è dubbio che le due donne considerino le loro leve l'arma migliore nel loro arsenale fisico". "Le famose lunghe estremità di May sono sistemate modestamente" scrive Vine, mentre "gli stinchi di Sturgeon più brevi ma innegabilmente più aggraziati sono anche molto più provocanti". La posa di Sturgeon è "un tentativo diretto di seduzione. 'Vieni, cedi al mio fascino rivoluzionario' sembra dire. 'So che è quel che vuoi'".

"Vergogna per il Daily Mail"

La copertura dell'incontro sul Mail ha provocato un'ondata di critiche nei confronti del secondo quotidiano britannico, con il suo milione e mezzo di copie al giorno. L'ex ministro per le donne e l'uguaglianza Nicky Morgan ha definito di "un sessismo spaventoso" che le due politiche britanniche più autorevoli vengano giudicate per le loro gambe. Il leader del partito laburista d'opposizione Jeremy Corbyn ha detto: "E' il 2017. Questo sessimo va consegnato alla storia, vergogna per il Daily Mail".

Accusa e difesa

Il suo predecessore Ed Miliband ha twittato: "Gli anni Cinquanta hanno chiamato per chiedere indietro il loro titolo #everydaysexism". In un dibattito alla Bbc la co-fondatrice del Partito per l'uguaglianza delle donne Catherine Mayer ha detto che è "ridicolo e assurdo" presentare due figure di governo in questo modo. "Non è trattare le donne come professioniste: è trattare due leader nazionali come improbabili sex symbols" ha detto. "E' precisamente mirato a sminuire il loro potere". L'editorialista Angela Epstein ha invece sostenuto che May e Sturgeon sapevano "esattamente quel che facevano". "Entrambe hanno fatto servizi fotografici con Vogue, entrambe comprendono che gli abiti sono strumenti per comunicare chi siamo" ha detto. "E hanno entrambe gambe fantastiche".(fonte Afp)