I permessi per tradire: come dare una nuova interpretazione a fedeltà e tradimento

Roberta Giommi
di Roberta Giommi  - Sessuologa

Le forme diverse per concepire le relazioni emotive e sessuali, nascono sempre da gruppi e ricerche che vogliono regolarizzare le disobbedienze  e le originalità, trasformandole in nuove regole. Come se trasgressori e obbedienti per esempio alla monogamia, non fossero in grado di darsi il permesso di vivere secondo regole personali e ci fosse sempre bisogno di approvazione e consenso. Il "poliamore" (amori molteplici) di cui si parla nasce dall’idea che si possono avere più relazioni intime, sentimentali e sessuali contemporaneamente, nel pieno consenso di tutti i partner coinvolti.  Questo però ha richiesto che ci fossero accordi sulle nuove regole di fedeltà e sulle regole con cui si può appartenere alla categoria dei poliamorosi: non si possono avere relazioni segrete, i poliamorosi si devono conoscere, non si devono provare sentimenti di possesso e gelosia. Non sono permesse quindi le clandestinità, ci vuole una assoluta trasparenza e la fedeltà non tanto alla persona ma ad  ad un preciso accordo.

Gli esseri umani sono sempre complessi lo vediamo nelle gestioni dei tradimenti attuali dove la regola etica può essere che chi tradisce deve sospendere il sesso con il /la partner ufficiale, che si possono fare solo alcuni scambi sessuali, proibendo per esempio il raggiungimento dell’orgasmo e quindi realizzando l’interruzione del rapporto prima della conclusione, solo rapporti di petting e solo coito senza preliminari. Il disordine ha sempre bisogno di controlli di qualche tipo con il timore comprensibile di perdersi e di non avere potere sulla propria vita.

Potremmo pensare che uomini e donne hanno bisogno di appartenere e di essere rassicurati da questo. Le mode antiche e moderne, ti fanno uscire dalla solitudine, ti restituiscono che sei normale perché altri la pensano come te, come la tua coppia. Ricordo che un uomo di una coppia in consultazione che praticava con la moglie lo scambio sessuale, alla domanda da cosa nasceva questo desiderio, rispose che la cosa che gli interessava di più era la creazione di un legame di amicizia e di complicità con coppie che erano sempre le stesse, nel loro caso, e che poi facevano anche uscite insieme, per la pizza o per una piccola vacanza. In altri casi partecipare ai gruppi permette di esplorare il desiderio omosessuale e mantenere un controllo sulla fedeltà-infedeltà  del/della partner.

 A volte le narrazioni del  tradimento: come è accaduto e perché e come si svolgevano gli incontri sessuali   permettono di riaccendere Eros e costringono il/la partner a prodursi in atteggiamenti diversi e più creativi. Il sesso può essere sempre il grande motore e spesso nelle coppie i partner non hanno lo stesso potere tanto che troviamo in consultazione che uno dei due approva e desidera il comportamento e l’altro/a lo accetta per mantenere il legame. Aspetti e forme diverse di vivere sesso e amore ci permettono di pensare che siamo appartenenti ad una elite coraggiosa che sa costruire nuove regole. Forse la cosa interessante è capire se abbiamo bisogno di ascoltare i nostri desideri o costruire sempre una appartenenza per rompere la paura della solitudine.

Ultimi articoli di Roberta Giommi