È nata una stella: Amanda Gorman è la giovane poetessa e attivista che ha fatto venire i brividi al presidente Usa

La 22enne afro-americana di Los Angeles ha emozionato i vip presenti alla cerimonia di insediamento del presidente Biden e gli spettatori a casa

TiscaliNews

Sui gradini del Capitol di Washington ieri è nata una stella: Amanda Gorman, giovanissima afro-americana di Los Angeles, ha tradotto in versi poetici lo storico momento della transizione dalla presidenza di Donald Trump a quella di Joe Biden emozionando vip della politica e decine di milioni di spettatori a casa. Echi di "Hamilton" e suggestioni rap hanno punteggiato la lettura di "The Hill We Climb", la composizione finita dopo le violenze degli ultrà trumpiani del 6 gennaio in Campidoglio.

La tradizione dem

A 22 anni Gorman è la più giovane poetessa che abbia recitato durante una cerimonia dell'insediamento presidenziale oltre a vantare il titolo di National Youth Poet Laureate, una sorta di Nobel per giovani scrittori americani. Con la performance dell’inauguration day, Amanda è entrata in un ristretto club di poeti intervenuti in chiusura delle cerimonie di insediamento presidenziale: tra gli altri Robert Frost per John F. Kennedy, Maya Angelou per Bill Clinton e Richard Blanco per Barack Obama. C’è infatti una tradizione fra i presidenti democratici: quella di chiamare un poeta a declamare dei versi durante la cerimonia di insediamento.

L’ha scelta Jill Biden

A scegliere la Gorman per l'occasione è stata Jill Biden che l'aveva di recente ammirata durante una lettura alla Library of Congress. Amanda aveva avuto carta bianca, e in "The Hills We Climb", ispirato al tema dell'Inauguration Day "America United", ha evocato "un nuovo capitolo" senza glissare sulle divisioni che hanno preceduto l'insediamento: "Abbiamo visto una forza che avrebbe distrutto il nostro paese se avesse significato rinviare la democrazia. Questo sforzo è quasi riuscito. Ma se può essere periodicamente rinviata, la democrazia non può mai essere permanentemente distrutta".

Qualcosa in comune con Biden

Nel brano, letto dopo che sul palco si erano alternate superstar come Lady Gaga e Jennifer Lopez, la giovane poetessa ha accennato alla sua personale esperienza di "ragazzina magra afro-americana cresciuta da una mamma single che sognava un giorno di diventare presidente e oggi recita all'insediamento di un presidente". Un tocco in comune con Joe Biden, che da bambino era balbuziente: Amanda da piccola ha dovuto superare un difetto di pronuncia che le impediva ad esempio di scandire la "r" di "poetry".