Capelli più forti: i rimedi naturali, dall'aceto all'ortica

Capelli più forti: i rimedi naturali, dall'aceto all'ortica

Capelli fragili o soggetti a caduta? Niente panico, ci sono numerose sostanze naturali che aiutano ad avere una chioma folta e sana, purché il fenomeno non sia collegato alla calvizie da curare a livello medico.
In media, in un giorno si perdono dai 50 agli 80 capelli, una perdita che si intensifica in autunno e in primavera quando il numero di quelli persi cresce, ma è un fenomeno temporaneo e reversibile.

Tra i ritrovati più efficaci a base di ingredienti naturali spiccano gli impacchi.
Come rimedio di attacco consigliamo di seguire una ricetta piuttosto datata a base di uovo fresco, olio extra vergine di oliva e miele di acacia. Si parte sbattendo il tuorlo dell’uovo a cui va aggiunto dell’olio di oliva e del miele, fino a ottenere un’emulsione abbastanza consistente da spalmare con cura sulla capigliatura asciutta e sul cuoio capelluto. Si procede avvolgendo la chioma prima con della pellicola trasparente da cucina e dopo con un asciugamano, così da mantenere al caldo la testa. L’impacco va lasciato in posa circa mezz’ora per poi rimuoverlo col tradizionale shampoo e terminare il lavaggio con un cucchiaio di aceto di mele diluito in acqua tiepida.

Per nutrire e rafforzare i capelli non vanno tralasciati gli oli vegetali, ad esempio, l’olio di oliva, l’olio di amla, l’olio di argan, l’olio di jojoba e l’olio di semi di lino. È sufficiente bagnare la capigliatura, applicare la quantità di 3/4 cucchiai di olio sul cuoio capelluto e sulla chioma, lasciare in posa per 40 minuti e fare lo shampoo.

Ottimi risultati dà anche l’ortica, che stimola la circolazione del cuoio capelluto migliorando il nutrimento del bulbo. Per una maggiore vitalità, la lozione a base di ortica si prepara facendo bollire per mezz’ora a fuoco basso 50 grammi di ortica fresca o essiccata, in 250 ml acqua e altrettanti di aceto bianco. Quando è pronto si filtra, si lascia intiepidire, infine, si utilizza la miscela massaggiando qualche minuto il cuoio capelluto prima dello shampoo.

Coloro che hanno i capelli scuri possono trarre giovamento da una ricetta a base di edera. Si inizia riducendo in poltiglia quattro manciate di foglie di edera fresca a cui va aggiunto dell’aceto bianco fino a ottenere un impasto da applicare su cute e capelli. Dopo averlo lasciato in posa per 40 minuti si lava il tutto con lo shampoo mentre l’ultimo risciacquo dovrà essere con acqua tiepida e succo di un limone.

È sempre bene sciacquare la capigliatura con cura, al di là dell’eventuale periodo di fragilità. Il calcare dell’acqua appesantisce e opacizza il colore. Il sistema migliore è usare per l’ultimo risciacquo circa un litro di acqua tiepida con due cucchiai di aceto di vino bianco o di mele.