Milleunadonna

Anna Falchi: “Che bello innamorarsi a 50 anni. Il clamore per il mio nude look? Non me l’aspettavo”

La conduttrice si confessa: dagli esordi nel mondo della spettacolo agli amori, fino al retroscena dell'ultimo episodio sexy "senza il reggiseno"

“Ma io il reggiseno l’ho tolto solo perché si vedeva dietro, per via dello spacco sulla schiena, e non ci stava bene. Non mi immaginavo che provocasse tutto questo clamore”. Con il suo solito fare un po’ naïf Anna Falchi sorride al pensiero della baraonda social che la scorsa settimana ha scatenato la sua passerella sul red carpet della Festa di Roma. Un nude look seducente che ha fatto strabuzzare gli occhi agli appassionati di cinema che affollavano il Parco della Musica ma anche ai fan che sul web l’hanno ricoperta di complimenti.

Anna, con quellabito total black di Gattinoni hai voluto mostrare come sei in gran forma a cinquantanni (compiuti ad aprile)?

“Ma figuriamoci, io in quanto a nudo ho già dato abbastanza… mi ero messa in nero in tema Halloween. Per essere un po’ glamour, un po’ diversa. E davanti allo specchio di casa non mi ero neanche accorta che fosse così trasparente, mi sembrava addirittura casto. Poi con tutti quei flash sulla passerella si vedeva un po’ tutto”.

E sul red carpet hai mostrato anche il tuo nuovo compagno, Walter Rodinò.

“Sì, è stato un modo per ufficializzare la nostra relazione che va avanti da qualche mese. Sono molto contenta, con lui ho riscoperto l’amore, proprio quello che ti provoca le farfalline nello stomaco”.

Non è da tutti innamorarsi a cinquantanni.

“Infatti no. Le donne hanno paura di ricominciare, io invece no, guardo sempre avanti, mai indietro. L’amore ti tiene in vita, ti dà una nuova giovinezza”.

Ma come hai conosciuto Walter, che di lavoro fa lesperto di comunicazione aziendale?

“Per strada. Nel senso che abita vicino a casa mia, spesso ci incrociavamo e quindi saluta oggi, saluta domani, e poi un caffè al bar, alla fine ci siamo piaciuti”.

Una nuova vita dopo la fine della convivenza con Andrea Ruggieri, con cui hai avuto la relazione più lunga.

“Quando il rapporto si esaurisce naturalmente, bisogna chiudere. Ho detto che nella convivenza mi sentivo più sola di prima perché non è stata la scelta giusta, forse non era il momento adatto”.

Torniamo alla tua mise hot: come fai a mantenerti così in forma?

“Faccio tutto da sola. Ho allestito una mini palestra in casa con un tapis roulant: mi alleno tutti i giorni seguendo programmi su Youtube, un giorno addominali, un altro glutei, un altro cosce. Poi alla sera vado a letto presto, se sono stanca anche alle nove perché mi sveglio la mattina per andare negli studi (de “I  Fatti Vostri”, il programma di Raidue). Bevo molta acqua e mangio verdura, seguo la dieta dissociata, mai la pasta alla sera, e vado in giro sempre a piedi, vivo il quartiere, tutti mi considerano una persona come le altre”.

Mai un ritocchino, un laser, a parte il seno che si è rifatta da ragazza?

“Ancora non ne ho bisogno. Certo uso un sacco di creme, ho le tessere di tutte le profumerie della mia zona, truccandomi tutti i giorni devo idratare molto la pelle e anche qui faccio tutto da sola, peeling e tutto il resto”.

Sua figlia Alyssa, 12 anni, come ha accolto il suo nuovo compagno?

“Mia figlia si fa gli affari suoi. E’ una ragazzina autonoma molto socievole e vivace, fa la seconda media, ha un sacco di amici con cui si trova al parco, come gli amici del muretto”.

Comincia anche per lei il difficile periodo delladolescenza.

“Per ora va tutto bene, ha una grande confidenza con me, mi racconta tutto, abbiamo un bellissimo rapporto”.

E, invece, comeri tu con tua madre, lhai fatta un podannare?

“In effetti… ma era diverso: lei mi ha cresciuta da sola, perché mio padre se ne era andato. Per cui doveva essere molto severa per tenere insieme la famiglia. Si arrabbiò moltissimo per il mio primo calendario…”
Di certo non è facile per una madre vedere la figlia nuda sulle copertine.

“Lei aveva un senso del pudore molto alto, anche per via della sua famiglia finlandese (era venuta in Italia in vacanza dove aveva conosciuto mio padre e si era fermata qui). All’inizio ai arrabbiò ma poi ci fece l’abitudine, in effetti poi mi sono pentita non di aver fatto i calendari ma di averne fatti troppi…”

Ma non era stata tua madre che a instradarti nella carriera dello spettacolo con la partecipazione a Miss Italia?

“Certo. Mi ci ha accompagnato. E fu una grande esperienza: lei voleva che conoscessi il mondo, che avessi relazioni anche fuori dalla provincia (stavamo a Pesaro), mi ha insegnato a non spaventarmi dei cambiamenti, a non legarmi troppo ai posti, ad avere obiettivi alti”.

E non aveva timore della vita da capogiro e anche pericolosa che Miss Italia le aveva aperto?

“No. Non le piaceva solo il nudo e il fatto che avessi molti fidanzati…”

E quanti ne ha avuti?

“Diciamo i più importanti: quello che ho sposato (Stefano Ricucci), il padre di mia figlia (Denny Montesi) e quello con cui è durata di più (Andrea Ruggieri)”.

Tutte le mattine entri nelle case degli italiani portando il tuo splendido sorriso, sei il simbolo della leggerezza, che non è stupidità e spensieratezza.

“Ed è quello il nostro obiettivo. Facciamo intrattenimento. E io sono così, come mi vedete, non fingo nulla, altrimenti il pubblico non mi seguirebbe”.

E gli spettatori apprezzano: i Fatti vostri” resta da anni uno dei programmi più visti di Raidue. Tu e Salvo Sottile siete riusciti nella difficile impresa di sostituire Magalli senza mandare a rotoli il programma.

“Si, i risultati sono ottimi. Si vede che ci divertiamo, che siamo una grande famiglia e c’è una forte sintonia con Salvo”.

E ora (da dicembre), in una rete che affronta un complicato cambiamento, arriva a dar man forte anche Fiorello (che è stato tuo fidanzato negli anni 90) in onda la mattina presto prima di voi.

“Si, ho sentito di questo progetto, ma di lui non vorrei più parlare, ne ho parlato già così tanto”.

Tu sei solare, c’è qualcosa che ti rattrista?

“A volte le storie che raccontiamo mi fanno stare male. Mi fa così rabbia vedere che ci siano ancora così tanti femminicidi, mi sento impotente e vorrei leggi ancora più dure”.

A proposito di rivincita delle donne, cosa pensi di Giorgia Meloni presidente del Consiglio?

“Ne sono contenta e orgogliosa. Lei è tosta, tenace, preparata. Già tempo fa in un’intervista a Serena Bortone, in cui facevamo l’esempio della premier finlandese Sanna Marin, dissi che ero certa che sarebbe stata lei a raggiungere questo traguardo storico. Ed ora si è avverato”.

Invece nella vita privata cosa ti fa infuriare?

“Le persone non puntuali, mi fanno impazzire”.

E cosa ti rende felice?

“Svegliarmi ogni mattina accanto a mia figlia”.